or

Register with your email address

Oppure, solo se sei una persona fisica (NO azienda/associazione), puoi scegliere anche di registrarti con i social:

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

LEAF PROJECT - SIERRA LEONE

A campaign of
Pietro De Marinis

Contacts

A campaign of
Pietro De Marinis

LEAF PROJECT - SIERRA LEONE

LEAF PROJECT - SIERRA LEONE

Campaign ended
  • Raised € 595.00
  • Sponsors 17
  • Expiring in Terminato
  • Type Donation  
  • Category Food & agriculture
  • Obiettivi
    2. Sconfiggere la fame
    5. Uguaglianza di genere
    15. Vita sulla terra

A campaign of 
Pietro De Marinis

Contacts

The project

PROGETTO L.E.A.F.

Local Empowerment Through AgroForestry

Progetto di Sviluppo Rurale per la promozione della sostenibilità ambientale, della sicurezza alimentare e della dignità della vita nelle aree rurali del nord-est della Sierra Leone

*** CLICK HERE FOR ENGLISH VERSION ***

Secondo le ultime ricerche la Sierra Leone occupa il nono posto nella classifica degli Stati più poveri del mondo, è tra i primi in quanto a mortalità infantile e l’aspettativa di vita si aggira intorno ai 50 anni. La sua economia è rappresentata per l’80% da un sistema agricolo minacciato da dinamiche padronali, estrattive e criminose avvallate dall’apparato istituzionale.

Negli ultimi 30 anni la popolazione della Sierra Leone è stata afflitta da una delle più sanguinose guerre civili del ‘900, da focolai di Ebola e dalla pandemia di Covid19. Questi fenomeni hanno aggravato le già instabili condizioni sociali, economiche ed ambientali del paese, riducendo la sicurezza alimentare e aumentando povertà e degrado ambientale, soprattutto nelle aree rurali più remote.

In un Paese dove il colonialismo ha proliferato per secoli e il neocolonialismo straniero continua a imperversare, lasciandosi alle spalle un territorio devastato dalla deforestazione e un popolo di agricoltori non autosufficiente, partecipare alla costruzione di comunità resistenti e in grado di sviluppare autonomamente gli strumenti necessari ad affrontare le sfide presenti e future è di vitale importanza.

Solo così il popolo della Sierra Leone potrà fronteggiare le conseguenze dell’industrializzazione e della globalizzazione, e dar vita a comunità solide, consapevoli e realmente sovrani della loro terra. 

Il progetto L.E.A.F. - Local Empowerment Through AgroForestry

Dalla sinergia tra tecnici agronomi, progettisti e reporter italiani e sierraleonesi, tutti appartenenti alle associazioni Develo LC e partenrs e l'ONG locale PRIDO-SL, Partners in Rural Integration and Development Organization - Sierra Leone, con sede a Makeni, in Sierra Leone, si è sviluppato un percorso che ha come fine ultimo quello di costruire comunità libere di esercitare la propria sovranità alimentare, in rispetto delle diversità culturali, ambientali e dei diritti di tutte e di tutti. La nostra missione consiste nel contribuire allo sviluppo autonomo di comunità vulnerabili e dare risonanza a problematiche strutturali che trovano origine in dinamiche post-coloniali.

Oltre alle realtà associative già citate, godremo del supporto di altre due organizzazioni da tempo impegnate in progetti di cooperazione internazionale: DEAFAL, Delegazione Europea per l’Agricoltura Familiare in Asia, Africa e America Latina, e Studio VIVACE, una società di consulenza che sostiene imprenditori, artigiani e artisti a realizzare una crescita sostenibile e inclusiva allineata ai loro valori fondamentali.

Nasce, così, il progetto L.E.A.F., un progetto di cooperazione volto a migliorare la sicurezza alimentare della popolazione di alcuni villaggi del municipio di Sanda Loko, nella regione di Karene, nel nord del paese.

L’intervento che vogliamo portare prevede:

1.   Piantumare 9000 alberi e realizzare 3 sistemi agroforestali sintropici a gestione comunitaria di 3 ettari ciascuno in tre villaggi. Tali sistemi apportano un doppio beneficio: maggiore produzione alimentare e la rigenerazione del suolo e della biodiversità;

2.  Rafforzare le capacità di 300 persone tra piccoli agricoltori, donne e tecnici delle tre comunità sulle tecniche agricole innovative e agroecologiche

​​​3.    Migliorare l’offerta di educazione ambientale rivolta a bambini e ragazzi delle scuole nelle tre comunità

4.   Attività di Social Communication volte a sensibilizzare le comunità locali sulle tematiche dell’Agroecologia e della Giustizia Ambientale

Con questo progetto, intendiamo agire su alcuni aspetti della vita delle comunità rurali, affiancando i nostri partner locali nel difficile compito di sviluppare una comunità rurale libera dalle dinamiche padronali dei grandi proprietari terrieri, autonoma rispetto ai vincoli neocoloniali delle multinazionali straniere, autosufficiente nel garantire cibo a tutte e tutti, e aperta ai mercati locali e nazionali.

Per farlo abbiamo sviluppato un programma che intende affrontare diverse tematiche, come l’inaccessibilità alle sementi, la carenza di acqua, la deforestazione e la marginalità della comunità femminile, ma soprattutto abbiamo bisogno di VOI!

Come contribuire al progetto L.E.A.F.!

Con un piccolo contributo economico potrete sostenere il progetto L.E.A.F. e aiutarci a finanziare le attività che intendiamo promuovere nei villaggi rurali della regione di Karene nei prossimi due anni per raggiungere gli obiettivi del progetto. Non si tratta solo di interventi tecnici come la riforestazione o la formazione degli agricoltori, ma anche di attività a forte impatto sociale con cui assisteremo le donne, i disoccupati, i giovani, i malati e i reduci della guerra civile in un percorso che ci vedrà affiancare realtà associative locali.

Con soli 10 euro ci darai la possibilità di regalare un albero ad alcune delle comunità più povere del mondo, aiutandoci a fare un grande passo verso un futuro più giusto, libero e sostenibile.   

Chi siamo

Dévelo LC è un’organizzazione no-profit,nata in seno alla facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari dell’Università degli Studi di Milano. Dal 2015 si occupa di cooperazione nazionale e internazionale per uno sviluppo rurale compatibile con l’ambiente e le esigenze delle popolazioni locali. La missione di Develo è di diffondere e condividere quei saperi e pratiche in grado di garantire la sicurezza e la sovranità alimentare dei popoli. Tra le esperienze passate, Dévelo ha diretto gli studi di ricerca sulle aflatossine all’interno del progetto di cooperazione interuniversitaria IFAH tra la facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari di Milano e L'Università Notre Dame d'Haïti e, dopo l’epidemia di Ebola del 2014, ha contribuito a finanziare l’iscrizione di alcuni studenti presso l’Università di Makeni, in Sierra Leone, nell’ambito del progetto UNI-MI-MAK. Oggi Dévelo intende tornare in Sierra Leone per integrare le sue esperienze e conoscenze con il contesto sociale ed ecologico locale, fomentando l’uso sostenibile delle risorse agricole quali terra, acqua e sementi, attraverso l’utilizzo di pratiche agroforestali per la produzione di cibo. 


*** ENGLISH VERSION ***

L.E.A.F. PROJECT

Local Empowerment Through AgroForestry

Improving rural development to promote environmental sustainability, food security, and dignity of life in northeastern region of Sierra Lion

  1. Context

According to the latest research, Sierra Lion ranks ninth among the world's poorest states, it is among the top 10 in infant mortality, and life expectancy hovers around 50 years. Its economy is for 80 percent represented by an agricultural system threatened by extractive and criminal dynamics endorsed by the institutional apparatus.

Over the past 30 years, Sierra Lion's population has been plagued by one of the bloodiest civil wars of the 1900s, Ebola outbreaks, and the Covid19 pandemic. These phenomena have worsened the country's already unstable social, economic and environmental conditions, reducing food security and increasing poverty and environmental degradation, especially in remote rural areas.

In a country where colonialism has proliferated for centuries and foreign neocolonialism continues to rage, leaving behind a land devastated by deforestation and a farming population that is not self-sufficient, participating in building resilient communities capable of independently developing the tools necessary to face present and future challenges is vital.

Only in this way will the people of Sierra Leone be able to cope with the consequences of industrialization and globalization, and give birth to communities that are solid, knowledgeable and truly sovereign of their land.

  1. The L.E.A.F. Project - Local Empowerment Through AgroForestry

From the synergy between Italian and Sierra Leonean agronomic agronomist, cooperants and reporters, all belonging to Develo LC and partenrs associations and the local NGO PRIDO-SL, “Partners in Rural Integration and Development Organization - Sierra Lion”, based in Makeni, a path has been developed with the ultimate goal of building communities able to exert their own food sovereignty, in respect of cultural and environmental diversity and the rights of all. Our vision is to contribute to the self-development of vulnerable communities and to arise awareness in the western opinion on the structural issues that originate from post-colonial dynamics.

In addition to the associations already mentioned, we will enjoy the support of two other organizations that have long been engaged in international cooperation projects: DEAFAL, the European Delegation for Family Farming in Asia, Africa and Latin America, and Studio VIVACE, a consulting firm that supports entrepreneurs, artisans and artists to achieve sustainable and inclusive growth aligned with their core values.

Thus, the L.E.A.F. project was born, a cooperation project aimed at improving the food security of the population of some villages in Sanda Loko municipality, in the Karene region in the north of the country.

The intervention we intend to bring seeks:

  • To plant 9,000 trees and to establish 3 community-managed syntropic agroforestry systems of 3 ha each in three villages; these systems provide dual benefits: increased food production and the regeneration of soil and biodiversity;
  • To train 300 people including small farmers, women and technicians from the three communities on innovative agricultural techniques
  • To improve the environmental education program in schools in the three communities
  • Social Communication activities aimed at raising awareness in local communities on the issues of Agroecology and Environmental Justice

With this project, we intend to act on certain aspects of rural community life, working alongside our local partners in the difficult task of developing a rural community free from the extractive and dominant dynamics of large landowners, autonomous from the neocolonial constraints of foreign multinationals, self-sufficient in guaranteeing food for all, and open to local and national markets.

To do this, we have developed a program that aims to address several issues, such as inaccessibility to seeds, water shortages, deforestation, and the marginalization of the women's community.

  1. How to support the L.E.A.F. project!

With a small financial contribution you can support the L.E.A.F. project and help us implement the activities we intend to promote in the rural communities of Sanda Loko over the next two years, thus to achieve the goals of the project. These are not only technical interventions, but also activities with a strong social impact through which we will assist women, unemployed, young people and veterans of the civil war in a path that will see us alongside local associative realities.

With just 10 euros you will give us the chance to give a tree to some of the world's poorest communities, helping us take a big step toward a more just, free and sustainable future.

  1. About Us

Dévelo LC is a non-profit organization, born within the Faculty of Agricultural and Food Sciences at the University of Milan. Since 2015 it has been involved in national and international cooperation for rural development compatible with the environment and the needs of local populations. Develo's mission is to disseminate and share those knowledge and practices that can ensure food security and sovereignty for peoples. Among past experiences, Dévelo directed research studies on aflatoxins within the IFAH inter-university cooperation project between the Faculty of Agricultural and Food Sciences of Milan and L'Université Notre Dame d'Haïti and, after the Ebola epidemic in 2014, helped fund the enrollment of several students at the University of Makeni, Sierra Lion, as part of the UNI-MI-MAK project. Today, Dévelo plans to return to Sierra Lion to integrate his experiences and knowledge with the local social and ecological context, fomenting the sustainable use of agricultural resources such as land, water, and seeds through the use of agroforestry practices for food production.

Comments (2)

To comment you have to
  • avatar
    Guglielmo Fuerza! 🌳 Gu
    • avatar
      Hans Una campagna che merita supporto!

      Questo progetto ha segnalato obiettivi di sviluppo sostenibile

      Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) costituiscono una serie di 17 obiettivi concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite.

      2. Sconfiggere la fame

      Sconfiggere la fame: porre fine alla fame, garantire la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un'agricoltura sostenibile.

      5. Uguaglianza di genere

      Parità di genere: raggiungere la parità di genere attraverso l'emancipazione delle donne e delle ragazze.

      15. Vita sulla terra

      Utilizzo sostenibile della terra: proteggere, ristabilire e promuovere l'utilizzo sostenibile degli ecosistemi terrestri, gestire le foreste in modo sostenibile, combattere la desertificazione, bloccare e invertire il degrado del suolo e arrestare la perdita di biodiversità.