oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Piena di grazia

Una campagna di
Licia Pizzi

Contatti

Una campagna di
Licia Pizzi

Piena di grazia

Campagna terminata
  • Raccolti € 1.095,00
  • Sostenitori 49
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Libri & editoria

Una campagna di 
Licia Pizzi

Contatti

Il Progetto

Grazia cresce in un imprecisato paese del Sud antico e rurale. Ignoranza e superstizione sono il suo mondo, e il suo stesso nome è la dote lasciatale da un pensiero religioso - svilito in credenza popolare - che pervade ogni singolo aspetto della vita.

Grazia ha forza fisica e rabbia cieca a crescerle dentro, una rabbia cui non sa dare un nome, ma che accetta come dato oggettivo: come la sua povertà, la sporcizia, l’assenza di prospettiva.

Don Rafele, capostipite della famiglia di macellai più ricca del paese, che ha costruito la sua fortuna sui maiali, la chiede a servizio e per Grazia sembrerebbe iniziare una nuova vita: vivere sotto lo stesso tetto di Nuccio, il primogenito di Don Rafele di cui è segretamente infatuata, avere una nuova posizione sociale, guadagnare e a mantenere la sua famiglia.
In poco tempo scoprirà sulla sua pelle il prezzo dell’illusione, un lusso che quelli come lei non possono permettersi.

Il destino sembra impossibile da piegare: si può davvero scegliere, quando non si hanno parole per definire la realtà? Quando il concetto stesso di realtà è piegato dal pregiudizio, dalla paura del diverso, dai canoni non scritti di un mondo immobile e pre-logico?
Ogni personaggio sembra combattere con questa domanda, ma la redenzione resta lontana e irraggiungibile. Per tutti.

Licia Pizzi è docente presso l’Università degli Studi l’Orientale, a Napoli.

Ha pubblicato: Scrivi per me , orientexpress, Napoli 2006; Départ , (nel volume “Navigare il Mediterraneo”), Università degli studi di Napoli “L’Orientale”, Napoli 2007; 8 Novembre nella raccolta Racconti nella rete 2008 Ed. Nottetempo, Roma 2008; Del fare e del disfare , Marchese Editore, Napoli 2015. Collabora dal 2014 al blog Officine Vonnegut (sezione MAI- Menti Altamente Infiammabili) con una rubrica letteraria dal titolo Oggetti Smarriti:

http://www.officinevonnegut.com

Piena di Grazia è stato segnalato al Premio Calvino con questa motivazione: per la potenza visionaria di una serrata favola nera in cui non esiste remissione né salvezza per nessuno, ambientata in un truce e lutulento Sud fuori del tempo”.

Puoi leggere un estratto nella sezione gallery del progetto!

Commenti (6)

Per commentare devi fare
  • AS
    Antonella   Brava Licia! Felice di sostenere questo progetto. Un caro saluto torinese
    • avatar
      Ornella  Go Licia GOOOO!
      • AD
        Amelia  Sosteniamo questo progetto, ne vale la pena!
        • avatar
          Daniela  Cara Licia sono sicura che l'avventurà contnuerà!!
          • gm
            gerardo  ah quella corda di violino... stride ancora la sua eco e ne riconosco le vibrazioni pur attenuate dei giorni nostri...
            • avatar
              Elisabetta  Sosteniamo!!!!

              Community