or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Piena di grazia

A campaign of
Licia Pizzi

Contacts

A campaign of
Licia Pizzi

Piena di grazia

Campaign ended
  • Raised € 1,095.00
  • Sponsors 49
  • Expiring in Terminato
  • Type Keep it all  
  • Category Books and publishing

A campaign of 
Licia Pizzi

Contacts

The project

Grazia cresce in un imprecisato paese del Sud antico e rurale. Ignoranza e superstizione sono il suo mondo, e il suo stesso nome è la dote lasciatale da un pensiero religioso - svilito in credenza popolare - che pervade ogni singolo aspetto della vita.

Grazia ha forza fisica e rabbia cieca a crescerle dentro, una rabbia cui non sa dare un nome, ma che accetta come dato oggettivo: come la sua povertà, la sporcizia, l’assenza di prospettiva.

Don Rafele, capostipite della famiglia di macellai più ricca del paese, che ha costruito la sua fortuna sui maiali, la chiede a servizio e per Grazia sembrerebbe iniziare una nuova vita: vivere sotto lo stesso tetto di Nuccio, il primogenito di Don Rafele di cui è segretamente infatuata, avere una nuova posizione sociale, guadagnare e a mantenere la sua famiglia.
In poco tempo scoprirà sulla sua pelle il prezzo dell’illusione, un lusso che quelli come lei non possono permettersi.

Il destino sembra impossibile da piegare: si può davvero scegliere, quando non si hanno parole per definire la realtà? Quando il concetto stesso di realtà è piegato dal pregiudizio, dalla paura del diverso, dai canoni non scritti di un mondo immobile e pre-logico?
Ogni personaggio sembra combattere con questa domanda, ma la redenzione resta lontana e irraggiungibile. Per tutti.

Licia Pizzi è docente presso l’Università degli Studi l’Orientale, a Napoli.

Ha pubblicato: Scrivi per me , orientexpress, Napoli 2006; Départ , (nel volume “Navigare il Mediterraneo”), Università degli studi di Napoli “L’Orientale”, Napoli 2007; 8 Novembre nella raccolta Racconti nella rete 2008 Ed. Nottetempo, Roma 2008; Del fare e del disfare , Marchese Editore, Napoli 2015. Collabora dal 2014 al blog Officine Vonnegut (sezione MAI- Menti Altamente Infiammabili) con una rubrica letteraria dal titolo Oggetti Smarriti:

http://www.officinevonnegut.com

Piena di Grazia è stato segnalato al Premio Calvino con questa motivazione: per la potenza visionaria di una serrata favola nera in cui non esiste remissione né salvezza per nessuno, ambientata in un truce e lutulento Sud fuori del tempo”.

Puoi leggere un estratto nella sezione gallery del progetto!

Comments (6)

Per commentare devi fare
  • AS
    Antonella   Brava Licia! Felice di sostenere questo progetto. Un caro saluto torinese
    • avatar
      Ornella  Go Licia GOOOO!
      • AD
        Amelia  Sosteniamo questo progetto, ne vale la pena!
        • avatar
          Daniela  Cara Licia sono sicura che l'avventurà contnuerà!!
          • gm
            gerardo  ah quella corda di violino... stride ancora la sua eco e ne riconosco le vibrazioni pur attenuate dei giorni nostri...
            • avatar
              Le kassandre  Sosteniamo!!!!

              Community