oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Il tango della fenice

Una campagna di
ad est dell'equatore

Contatti

Una campagna di
ad est dell'equatore

Il tango della fenice

Campagna terminata
  • Raccolti € 1.289,00
  • Sostenitori 78
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Libri & editoria

Una campagna di 
ad est dell'equatore

Contatti

Il Progetto

Nenè Malventi, il protagonista, viene al mondo dotato della straordinaria capacità di assistere alla sua vita con il taglio del cineasta e di osservarla dall’esterno, attimo per attimo, come una lunga sequenza di fotogrammi. Di volta in volta, ne è spettatore, regista, attore o comprimario, e chiede al lettore di accompagnarlo e assisterlo, sia che si tratti di sostenergli il carrello per filmare i grandi piani sequenza sia che si tratti di spostare i mobili nella stanza per stabilire i corretti punti di vista nel suo sistema a triangolo. Il sistema di ripresa a triangolo – o meglio “il complesso sistema a geometria variabile” sul quale poggia la sua vita – è quello in cui riesce a muoversi al meglio, tra l’ex moglie Carolina, l’ex amante Illy (diminutivo di Illinois), l’ex amica di scuola poi ex fidanzata Rossella e un’intera compagine di ex qualcosa, che scompaiono e riappaiono sulla scena come ricordi, fantasmi, intrusioni, sogni, desideri e presagi. “Le scelte fanno invecchiare”, è il motto di Nenè. Che si ostina a vivere in un eterno presente, in cui ogni avventura, ogni turbamento, ogni disgrazia, non sono altro che il pretesto per una morte e una resurrezione plateali, false pire dalle cui ceneri si invola, per tornare ad appollaiarsi nella rassicurante quiete del suo sguardo che tutto seziona e nulla sceglie.

Gian Piero Lumbau, nasce a Caserta, alla fine del 1962, con due segni distintivi indelebili: gli occhi di colore diverso e la “capa di bomba”. La sua particolare conformazione fisica lo rende squilibrato e di difficile collocazione. È avvocato civilista, con grandi passioni per il basket, i cavalli, la cucina, le cantine e Thelonious Monk. Si dedica alla letteratura per dare sfogo alla sua verbosità; la signora, però, lo guarda con estrema diffidenza, indicandogli con l’indice teso la porta della cucina.

Il tango della fenice è il suo primo romanzo.

Leggi un estratto della sezione gallery!

Commenti (12)

Per commentare devi fare
  • AP
    Alessandro  in bocca al lupo Gian Piero per questa nuova avventura
    • avatar
      Giuseppe  prenotate 4 copie.
      • RC
        Romolo  Finalmente c'è l"ho fatta 😊
        • avatar
          Valeria  Sosteniamo la cultura e Gian Piero Lumbau che è folle ma ha il dono del genio nello scrivere e non solo.
          • avatar
            Marco  Poi, l'ho fatto..
            • MP
              Mauro  Pensa che il tuo bonifico è ancora sospeso. Sistema bancario italico 😈😂😂
              1 anno, 7 mesi fa
          • avatar
            Marilena  In bocca al lupo!!
            • avatar
              Piero  La cultura dovrebbe essere considerata alla stessa stregua dell'alimentazione: vitale!!
              • avatar
                Adele  Bel Progetto! Bravo Lumbau!
                • GM
                  Gero  In bocca al lupo Gian Piero! Complimenti per la fabula.
                  • avatar
                    Davide  Finalmenteee!! Avevo sbagliato la data di scadenza (chiedo scusa)

                    Community