oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Network di Banca Etica

Generazione Gioco

Una campagna di
Crescere Insieme Onlus

Contatti

Una campagna di
Crescere Insieme Onlus

Generazione Gioco

Campagna terminata
  • Raccolti € 1.155,00
  • Sostenitori 24
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Comunità & sociale

Una campagna di 
Crescere Insieme Onlus

Contatti

Il Progetto

Quando ero piccolo, mia nonna diceva che ero la sua più grande forza. Lo diceva spesso, nei pomeriggi dalle regole allentate che trascorrevo a casa sua, pieni zeppi di caramelle clandestine. E io ci credevo proprio, a questo fatto di essere una forza.

Ci ho ripensato di recente. Era una mattina luminosa e a mia mamma mancavano le parole. Le cercava sul pavimento di graniglia. A un certo punto, dalla sua poltrona azzurra, ha guardato mio figlio. Era fermo, ma pieno di energia, rapito da un videogioco. Mia mamma ha sorriso da chissà dove e ha detto: "Ti somiglia." Ho ripensato alla frase di mia nonna e ho scoperto di crederci ancora.

Non sono il solo. Quando in cooperativa ci siamo chiesti come si possano aiutare le persone anziane a contrastare l'indebolimento delle abilità e il progressivo isolamento personale, la risposta condivisa è stata: inventando dei giochi adatti a nonni e nipoti.


Che cosa ci siamo messi in testa?

Vogliamo produrre quattro videogiochi da due o più giocatori installabili su tablet, ideandoli e realizzandoli in collaborazione con un team di esperti dell’Istituto Superiore Mario Boella di Torino, il nostro partner scientifico.

Il gioco condiviso contribuirà a mantenere vive le relazioni tra gli anziani e i loro cari più giovani, elemento che, secondo una ricerca IBM, è una delle quattro sfide da vincere per vivere meglio e più a lungo. Ma non solo.

Determinate tipologie di videogiochi, se utilizzate come allenamento quotidiano, sono in grado di attenuare e, in qualche caso anche di risolvere, i deficit cognitivi delle persone anziane - una delle principali cause di solitudine e depressione. Il dato emerge da un recente studio dell’Università di San Francisco e trova conferme in altre ricerche analoghe.


Le fasi del progetto

1. STUDIO

Ideazione e sviluppo di 4 videogiochi cognitivi con possibilità di utilizzo collettivo da mettere a disposizione della popolazione anziana e della rete dei donatori che partecipano alla costruzione del progetto

2. SPERIMENTAZIONE

Fornitura di un kit composto da un tablet su cui scaricare i giochi a un gruppo di 20 persone anziane, seguite da personale specializzato con funzione di trainer, ovvero di primo monitoraggio sulla facilità, appeal ed efficacia del gioco; diffusione dei giochi ai donatori che partecipano alla fase di sperimentazione

3. RELEASE

Perfezionamento e nuova emissione dei giochi sulla base dei dati che emergono dalla fase di sperimentazione

4. DIFFUSIONE

Una volta sviluppati, i software saranno scaricabili gratuitamente dall'intera popolazione dal sito www.coopcrescereinsieme.org


Quanto costa il nostro sogno?

50.000 euro per realizzare tutti e 4 i videogiochi, ognuno dei quali sarà progettato per il mantenimento e il recupero di un’abilità cognitiva specifica. 12.500 euro saranno sufficienti per la release di ogni singolo gioco (studio della versione beta, fase di sperimentazione e uscita).


Banca Etica e il bando Tecnologie per il Welfare

La nostra idea piace a Banca Etica: è stata scelta tra quasi 100 progetti per partecipare al crowdfunding promosso su questo sito dal network della banca. In caso di buon esito della campagna, Banca Etica finanzierà un quarto della cifra.


Ah, già. Ci presentiamo

Dal 1979 ci prendiamo cura dei più fragili, sul territorio di Torino e Provincia, unendo tradizione e innovazione per un welfare più vicino alle persone. Partner tecnologico del progetto è l’Istituto Superiore Mario Boella, centro di ricerca applicata focalizzato sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Commenti (20)

Per commentare devi fare
  • AG
    Andrea  Il gioco elettronico "etico" come occasione di stimolo positivo, magari anche multiplayer!
    • gg
      guido  un bel progetto da sostenere, per il bene dei grandi e dei piccoli
      • SN
        Serena  @guidenji Grazie mille :)
        1 anno, 9 mesi fa
    • avatar
      Giuseppe  Questa è una genialata...
      • SN
        Serena  Grazie per la fiducia @lograssofamily :)
        1 anno, 9 mesi fa
    • gm
      giacomo  Idea intelligente pensando al nostro futuro
      • SN
        Serena  Grazie!
        1 anno, 10 mesi fa
    • la
      luca  sostengo il progetto e spero che mia nonna malata di Alzheimer possa utilizzarlo
      • SN
        Serena  Grazie per la tua donazione :)
        1 anno, 10 mesi fa
    • mp
      marino  progetto interessante e innovativo. In bocca al lupo
      • SN
        Serena  Grazie mille :)
        1 anno, 11 mesi fa
    • SM
      Silvia e Marino  bellissimo progetto spero che troviate altri donatori
      • SN
        Serena  Grazie!
        1 anno, 11 mesi fa
    • AA
      Alessandra  Ciò che mi piace di questo progetto è che coinvolge tutte le generazioni!
      • SN
        Serena  Grazie, Alessandra!
        1 anno, 11 mesi fa
      • avatar
        Mauro  Grazie Ale, hai proprio ragione.
        1 anno, 11 mesi fa
    • MP
      Mariella   Un progetto bello. La sensibilità è una forma di intelligenza, non ho dubbi!
      • SN
        Serena  Grazie mille, mirti73 :)
        1 anno, 11 mesi fa
    • avatar
      Mauro  BEL PROGETTO, SPERO CHE LA RACCOLTA PORTI BUONI FRUTTI
      • SN
        Serena  Grazie, mauro!
        1 anno, 11 mesi fa

    Community