oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Di tutto un post...

Una campagna di
Renato Sadurny

Contatti

Una campagna di
Renato Sadurny

Di tutto un post...

Di tutto un post...

Sostieni questo progetto
56%
  • Raccolti € 282,00
  • Obiettivo € 500,00
  • Sostenitori 15
  • Scadenza 15 giorni rimanenti
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Libri & editoria

Una campagna di 
Renato Sadurny

Contatti

Il Progetto

Di tutto un post...

Dall' ateo che tenta di convertire all'ateismo un gruppo di testimoni di Geova al malcapitato che deve rispondere a decine di telefonate quotidiane destinate ad un idraulico dalla pretese assurde. Dal pensionato corteggiato da Olga, la scammer di turno ad un incredibile primo viaggio di ben 200 chilometri "con una vecchia millecento acca lusso comprata usata e tenuta insieme con lo scotch"...

Ecco, i raccontini inclusi in "Di tutto un post" trattano temi e vicende così diverse che non sembrano avere alcun nesso apparente . Dico "sembrano" perché questi pensieri sparsi , questi spezzoni di vita sono comunque legati da uno sguardo sul mondo (il mio), spesso entusiasta, a volte atterrito, ma sempre divertito (l'ironia e la leggerezza mi hanno salvato la vita).
Sullo sfondo una città, ma soprattutto un popolo che è una fonte continua di stupore ed inspirazione...

"Di tutto un post..." racchiude una serie di raccontini, in parte pubblicati sui social network sotto forma di post, che descrivono il meraviglioso (nel senso etimologico dell'aggettivo) mondo di Jean Renaud (il mio alter ego sui social) tra stupore e divertimento .

Se leggere questi racconti ti divertirà anche solo la metà di quanto mi è piaciuto scriverli, allora potrò dire "missione compiuta".

Chi sono

Mi chiamo Renato sono nato nel'oramai (ahimé) lontano '49 e amo leggere e scrivere praticamente da sempre.

Cosa dire di me... amo profondamente Napoli , città in cui sono nato e in cui sono rimasto profondamente radicato (non ho mai vissuto e non potrei vivere altrove). D'altronde questa città è una fonte di ispirazione continua e molti dei miei racconti non sarebbero potuti nascere senza di essa.

Ho lavorato al comune di Napoli per ben 40 anni, coltivando mille passioni nel molto tempo libero che il lavoro mi lasciava: dalla lettura al cinema , dalla musica al teatro passando per la politica che ho sempre seguito con interesse...

Ho 3 splendidi figli, 4 bellissimi nipotini, 5 fratelli (che con immensa gioia ho ripreso a frequentare negli ultimi tempi), una ex moglie a cui voglio un gran bene e pochi, anzi pochissimi amici (meglio pochi ma buoni, no?).

Da qualche anno in pensione , mi sono dilettato a pubblicare i racconti che avevo scritto nel corso degli anni sotto forma di post sui social network con lo pseudonimo di Jean Renaud (dal nome del protagonista del romanzo "Il Riposo del guerriero" con cui ho più di un punto in comune).

Perché questo progetto

Sinceramente non ho mai coltivato veilleità letterarie e mai avrei pensato di voler pubblicare un libro, anche se in molti negli anni mi hanno spinto a sfruttare questa capacità ad esprimere i miei pensieri in forma scritta. Ma come spiego nella prefazione, non ho mai avuto il tempo o la voglia di pensarci seriamente...

Allora perché farlo adesso?

Non posso nascondere che l'età e la voglia di lasciar qualcosa ai miei cari giochino un ruolo, ma in tutta sincerità l'idea di pubblicare un libro è venuta più dagli altri che da me : dai miei figli in primis (che però per evidenti motivi non fanno testo) ma soprattutto dall'affezionata cerchia di persone che mi leggono da tempo e che mi hanno convinto (con grandi difficoltà data la mia pigrizia) ad imbarcarmi in questa (bella) avventura.

La scelta del crowdfunding (confesso di aver scoperto il termine grazie ad uno dei miei figli) mi è sembrata molto interessante perché permette di valutare se ci sia un reale interesse per la cosa (sappiamo ahimé che si sono più libri che lettori in questo mondo) sia di permettere di finanziare il progetto (sarebbe molto difficile farlo con la mia magra pensioncina).

A cosa servono i soldi

In tutta trasparenza, stampare dei libri da solo ha un costo non indifferente . Mi sono prefissato un obiettivo minimo di 500 € per coprire i costi di impaginazione (copertina compresa) , correzione ma soprattutto di stampa di una cinquantina di copie . Ovviamente, se più persone vorranno il ibro e supererò questo budget minimo, ne sarò più che felice.

Ho anche considerato i costi di utilizzo della piattaforma "Produzioni dal basso" (che mi sembra ottima) e di spedizione delle copie cartacee.

Insomma non ci sono obiettivi di guadagno (ci mancherebbe) ma solo la volontà di coprire (almeno in parte) i costi del progetto.

Come puoi partecipare al progetto

È molto semplice: ti basta scegliere una delle modalità a lato per pre-ordinare il libro e riceverlo alla fine della campagna . Vedrai che ce n'é per tutte le tasche (puoi ricevere un racconto per un contributo minimo, scegliere l'ebook o magari una copia stampata) - in ogni caso ti ringrazio per il tuo sostegno ma soprattutto per l'interesse.

Ho fatto in modo di far terminare la campagna molto prima delle feste di Natale, così avrò il tempo di inviare tutti i libri con calma perché tu possa averlo sotto l'albero.

Quindi, se non sai cosa regalare ai tuoi cari a Natale, ti posso suggerire un libro molto carino che si legge facilmente e che ti farà un po' emozionare ma soprattutto divertire!

Ecco un piccolo saggio estratto dalla raccolta

La tua Olga - parte seconda

Ve la ricordate Olga? Mi ha riscritto.

Me lo attendevo prima o poi, pensando che a tanto amorevole interesse, seppur tiepidamente corrisposto, seguisse prima o poi una inevitabile richiesta di danaro.
E invece no.
Olga infatti ha delle caratteristiche anomale rispetto alla media delle scammers.
Per cominciare, ha 35 anni, un pò anzianotta rispetto alle colleghe truffaldine, tutte molto al disotto dei 30..
Ciò non vuol dire che dopo i 30 anni smettano di esercitare cotanta redditizia attività, perchè dietro la scammer quasi sempre si nasconde un' altra persona, magari anche una sessantenne, se non addirittura qualche zio igor o nonno vladimir.
E quindi basta semplicemente procurarsi le foto giuste, rubate chissà dove.
Olga invece ammette tranquillamente di avere la sua età, evidentemente punta a un target diverso, popolato anche da pollastri più avanti cogli anni.
Cioè uno come me, secondo lei.
Probabilmente trattasi di un target con meno concorrenza, anche le scammers, poveracce, sono soggette alle inesorabili leggi del marketing e della crisi mondiale.
Altra anomalia:
non è la morta di fame che abita con la madre malata, e magari con qualche figlio a carico a cui non può dar da mangiare.
Storie vecchie, nessuno ci casca più, olga ha fatto l'upgrade.
Lei è una woman in progress, si occupa di moda, e sta facendo o ha fatto tempo fa uno stage in italia, dove ha imparato quel raffazzonato italiano che le sta permettendo di adescare adesso l'ingenuo, ancorchè attempato,  fringuellone in calore, smanioso di arrivare almeno a tastarle il verginale culetto.
Cioè uno come me, secondo lei..
Nelle foto appare infatti in linea col suo status sociale, abiti eleganti, presumibilmente costosi, di buon gusto e in pose semplici e naturali.
Nessun atteggiamento da improbabile vamp, insomma.
In fin dei conti lei cerca un uomo vero, che non pensi solo al sesso ( come è noto, gli uomini veri non pensano mai a tale degradante e disgustosa pratica) e che sappia apprezzare una donna in cerca unicamente di un pò d' affetto, visto che gli uomini che ha avuto finora volevano da lei solo una cosa, che non era esattamente stare tutti e due abbracciati sulla prua del Titanic con le braccia aperte.
Per il resto lo sfondo da perfetta scammer è lo stesso delle altre colleghe: l' immancabile residenza in russia, in qualche villaggio ai confini del mondo esplorato, ex mariti alcoolizzati e maneschi, l'abitudine di non leggere mai le email di risposta, e una gran voglia di trovare un uomo vero, anche molto anzianotto, purchè italiano doc (è a tutti stranoto che l'italia è la patria dei migliori maschietti al mondo)
E naturalmente conoscerlo al più presto. Anche in senso biblico, perchè no, in fin dei conti è o non è perdutamente innamorata di quest'uomo unico al mondo ?
Cioè uno come me, sempre secondo lei.
A questo punto, direbbe lubrano, la domanda nasce spontanea: ma se cotanta spasimante è in condizioni economiche palesemente floride, come farà a spillare a me, maturo otello in trepida attesa della sua desdemona, qualche sommetta ,ancorchè modesta, che la ripaghi di settimane di lavoro, delle foto, e delle email, seppur copiaincollate, che con tanto impegno ha provveduto a fornirmi ?
Non può certo chiedermi i soldi per il biglietto aereo, per il visto, il passaporto e quant' altro necessario al suo volo sulle ali dell' amore.
E qui subentra la scaltrezza e l' esperienza della scammer navigata.
Già dalla terza email lei ha fatto distratti accenni alle grandi difficoltà burocratiche che ci sono in russia per poter procurarsi moneta contante, anche laddove ce ne sarebbe una larga disponibilità.
Ci sono leggi, guarda caso, anti esportazione di valuta, che le creerebbero non lievi ostacoli a raggiungere in tempi brevi il suo canuto drudo all' estero.
Il quale, avendo già provveduto in tempi record ad un' adeguata scorta di viagra, non le negherà certo il favore, quasi una semplice formalità, di anticipare lui le spese necessarie a portargli, da tanto lontano, l'esotica dispensatrice di piacere che ha tra le gambe, con servizio gratuito a domicilio.
A questo punto c'è solo da chiedersi, nel mio caso, che faccia farà Dulcinea quando il suo canuto Don Chisciotte, smessi i panni di pollastro, a tale richiesta le risponderà con un bel vaf fanciullo.......

Con affetto a tutti quelli che hanno avuto la pazienza di leggere fin qui...

Renato Sadurny, alias Jean Renaud

Commenti (7)

Per commentare devi fare
  • cl
    chiara  Scusate, sono poco esperta di Internet. Posso fare il bonifico dalla mia banca oppure lo devo fare in modo virtuale(in quest'ultimo caso non so come fare)? Grazie per la risposta. Chiara Lanzoni
    • GS
      Giancarlo  Vai su "ricompense" e clicchi "scegli" sul tipo di libro e/o importo che desideri.....e poi ti fai guidare.....
      4 giorni, 12 ore fa
    • GS
      Giancarlo  Basta una poste Pay....e segui passo passo le jndicazioni
      4 giorni, 12 ore fa
  • EG
    Elisa  Congratulazioni per la bella iniziativa, non vediamo l'ora di leggere il libro!
    • LS
      Luca  Sono molto felice di vedere finalmente questo progetto diventare realtà. È solo qualche annetto che io ed i miei fratelli Nadia e Francesco insistiamo... ma si sa, noi non facciamo testo essendo un po' di parte quindi volevo ringraziare le amiche e gli amici che hanno saputo spronare papà con commenti che non potevano essere giudicati imparziali come i nostri. Chi ha letto i racconti di papà sa che con la penna ci sa fare e chi ha discusso almeno qualche oretta con lui sa che le sue idee possono essere opinabili ma mai banali ed ininteressanti. Sono sicuro che non resterete delusi e ringrazio con affetto quanti hanno già partecipato e quanti lo faranno in questi giorni. Un abbraccio!
      • GS
        Giancarlo  Tutto ciò che è "amatoriale" é condivisibile e da sostenere perche' è sinonimo di purezza di verità e di freschezza d'animo. Una penna non di deve esaurire nel taschino,ma deve riempire pagine bianche e dare loro vita.
        • AP
          Andra  Bellissima initiativa da sostenere!

          Community

          Vuoi sostenere questo progetto?