oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Corrierino e Giornalino: perché l’avventura continui

Una campagna di
Corrierino

Contatti

Una campagna di
Corrierino

Corrierino e Giornalino: perché l’avventura continui

Corrierino e Giornalino: perché l’avventura continui

Campagna terminata
  • Raccolti € 2.757,00
  • Sostenitori 74
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Fumetti & giochi

Una campagna di 
Corrierino

Contatti

Il Progetto

C’è chi ha conservato alcuni numeri dei giornalini a fumetti della propria infanzia, mentre altri non ne hanno neanche uno, forse vittime (si fa per dire) di genitori troppo solerti nel disfarsi delle cose vecchie o già utilizzate. Ci sono anche alcuni, però, che sono riusciti a recuperare raccolte complete dei loro preferiti. Sono persone fortunate: possiedono un piccolo, immenso tesoro affettivo che racchiude in sé tutto un mondo di memorie, di ricordi di merende come non si usano più, di caroselli e di serie televisive in bianco e nero, di giochi fatti di niente, sul marciapiede sotto casa o nel parco vicino, magari con pochi sassi, con un gessetto, con della carta da piegare e ritagliare, con dei tappi di sughero o con delle mollette da panni.

La combriccola (di Roba)

Negli anni ’60 e ’70, quando in molte famiglie italiane le risorse da impiegare per il divertimento dei piccoli erano poche, i giornalini rappresentavano un appuntamento prezioso, a lungo sognato e desiderato. C’era un giorno stabilito nel quale uscivano in edicola o arrivavano a casa in abbonamento e spesso continuavano il discorso interrotto nel numero precedente e sul quale tutti noi che siamo stati bambini in quegli anni avevamo continuato a ricamare storie, a inventare possibili finali tragici o gioiosi, a costruire mondi bellissimi e paralleli nei quali abitare identificandoci con questo o quel personaggio di carta. Ognuno di noi ne aveva uno preferito: c’era chi si sentiva Valentina Mela Verde e chi Bernard Prince, chi sognava viaggi interstellari come Luc Orient e chi ammirava un commissario italiano come Eugenio Spada.

Gaston Lagaffe (di André Franquin)

Altri personaggi un po’ particolari erano oggetto di identificazione inconscia, ma non per questo meno profonda o importante per la nostra crescita. Si trattava dei personaggi un po’ buffi e un po’ ridicoli: non supereroi, ma quasi sempre bambini o ragazzini spesso un po’ maldestri, a volte sfortunati, altre un po’ tonti, ingenui o creduloni.

Il regno sul fiume (di Aldo Di gennaro)

Tutti i bambini si sentono così, vulnerabili e non abbastanza furbi per il mondo dei grandi e dei loro sporchi affari e vedere, senza riconoscerla come propria, l’immagine di sé come ci si sente a volte e come non si vorrebbe essere, sdrammatizza questa paura stessa. Si ride di questo o quel personaggio che rappresenta una nostra paura e così quella paura la si attraversa e la si addomestica trasformandola in un’esperienza familiare alla quale sperimentiamo di poter sopravvivere.

Ambrogio e Gino (di Dino Attanasio)

Con i giornalini di quegli anni arrivava anche una grande quantità di notizie sulle scoperte della scienza, sui misteri della natura, sulle vicende affascinanti e a volte paurose della storia. Erano notizie serissime, qualche volta anche difficili da comprendere, ma poiché erano sempre accompagnate da un supporto iconico che le rendeva gradevoli, la nostra mente bambina era invogliata a cercare di capirle a differenza di quanto, invece, poteva accadere a scuola.

Possedere annate complete di Corrierini e Giornalini è un po’ come poter fare un viaggio con la macchina del tempo tra odori e sapori perduti. Si leggono le scritte racchiuse nelle nuvolette e ci si tuffa nel piacere delle immagini che sembrano quasi resuscitare il nostro Io bambino. Rileggere con sguardo adulto le pagine così tanto amate in altre epoche della nostra vita, apprezzando con maggiore consapevolezza l’accuratezza di determinate immagini, la creatività di certe articolazioni delle vignette, l’intelligenza non pedante dell’esposizione di temi di carattere scientifico o tecnico, è un po’ come compiere un viaggio dentro di sé prendendosi cura delle proprie più antiche e fragili emozioni.

Corrierino e Giornalino ” è un blog nato proprio dal desiderio di condividere con altri questa specie di viaggio nel passato e dentro di sé, attraverso la pubblicazione con ritmo regolare e prevedibile (come l’uscita in edicola di quegli stessi giornalini, quando eravamo piccoli), dopo averle scansionate, di storie e rubriche che ci avevano affascinato o  colpito. Le storie e le rubriche, però, non vengono fornite tutte insieme, ma si cerca di ricreare quel clima di attesa che precedeva l’uscita degli amati giornalini in cui erano contenute. Un clima forse inimmaginabile per i bambini di oggi, abituati ad avere tutta e subito una gran quantità di materiale ludico e quindi anche un po’ privati della possibilità di desiderare e incapaci di tollerare la piccola frustrazione legata all’attesa e il brivido dell’ansia che la caratterizza.

Ciccibum (di Walker e Browne)

Per riprodurre lo spirito dell’epoca, oltre alla scelta di ricreare il clima di attesa delle storie, c’è, poi, l’idea dell’appuntamento fisso, come nel caso della piccola Ciccibum le cui strisce vengono pubblicate ogni 9 del mese. Ciccibum non ha ancora compiuto l’età fatidica in cui di solito si pronuncia intenzionalmente e consapevolmente la prima parola: l’anno di vita. Non parla ancora, cioè non possiede il linguaggio che gli adulti possono utilizzare per mentire, ma si serve di quello del corpo che non può farlo e osserva il mondo e i grandi con i suoi occhi puntuti come spilli e nerissimi. Sono occhi acuti, che comprendono tutto. Non sa usare le parole, eppure, a differenza degli adulti, sa fare qualcosa di molto più difficile: sa dialogare con il sole e con i suoi raggi, con i fili d’erba, con le gocce di pioggia e con i fiocchi di neve.

Il commissario Spada (di Gianni De Luca)

Qualche aspetto più tecnico:

Perché la magia di questo viaggio all’indietro nel tempo e dentro di sé, alla ricerca delle proprie tracce, sia possibile, è necessario, però, che la riproduzione virtuale risulti godibile come lo era un tempo quella cartacea: dunque che sia ben leggibile, di grande dimensione, nitida e brillante nei colori.

A differenza di quanto poteva accadere con i giornalini su carta la collezione virtuale di questo blog, ricreata giorno per giorno attraverso la programmazione di nuove scansioni e pubblicazioni, non può perdersi, ma si arricchisce nel tempo di nuovo materiale che viene accuratamente catalogato e archiviato secondo diverse possibili variabili (disegnatore, sceneggiatore, personaggio, data, titolo della storia, etc...) in modo da risultare sempre reperibile.

Petra Chérie (di Attilio Micheluzzi)

Contribuisci a mantenere in vita il blog “ Corrierino e Giornalino ” le cui spese di realizzazione, memorizzazione e distribuzione sul Web costano sempre di più (alcuni dettagli tecnici sono qui e qui ). Se si raggiunge l'obiettivo di 1,200 € allora sono assicurati almeno altri due anni di vita (ma potrebbero essere anche di più) del sito e in questo modo tutti noi potremo il 9 di ogni mese, insieme a Ciccibum, continuare a dialogare con i fiocchi di neve e con i raggi di sole e potremo anche, in ognuno degli altri giorni, camminare in punta di piedi e in silenzio sulle tracce di noi stessi.

Commenti (33)

Per commentare devi fare
  • FM
    Francesco  Bravi. Grazie.
    • AM
      Alessandro  grazie per il bellissimo lavoro!!!
      • CB
        Ciro  W il Corriere dei Piccoli!!!!!!!
        • RB
          Roberto  Un piccolo sostegno per un grandissimo progetto che ricolma tanti vuoti per chi sognava da piccolo con il Corrierino!!!!
          • avatar
            Lorenzo  Ottima iniziativa. Avanti così!!!!
            • DM
              Diego  Auguri da un vecchio affezionatissimo lettore del Corrierino... e avanti così, per anni e anni ;)
              • DZ
                Danilo  mi mancano pochi numeri delle annate dei 60 e dei 70, ma penso che un blog come questo sia qualcosa che deve rimanere online per tutti ! un grande lavoro che va salvaguardato !!!! grazie Dario !!!
                • NA
                  Nicola  Un progetto da sostenere.
                  • GG
                    Gianfranco  Ah, già che c'ero, oltre ad aver parlato della colletta su afNews qua e là, ho anche messo il "badge" per andare dritti alla colletta. Metti mai che si riesca ad arrivare a 2.400... ;-)
                    • RC
                      Roberto  Ho dato volentieri un mio contributo perché il ricordo de Il Giornalino (al quale ho abbonato i miei figli)(e il Corrierino in misura minore) è sempre vivo in me e mi ha fatto appassionare ai fumetti. Complimenti per l'ottimo lavoro!