or

Register with your email address

Oppure, solo se sei una persona fisica (NO azienda/associazione), puoi scegliere anche di registrarti con i social:

Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Camp Erech - Mauritania

A campaign of
Ayzoh!

Contacts
Camp Erech - Mauritania

Camp Erech - Mauritania

Support this project
6%
  • Raised € 1,035.00
  • Target € 15,000.00
  • Sponsors 16
  • Expiring in 22 days to go
  • Type Keep it all  
  • Category Community & social
  • Obiettivi
    5. Uguaglianza di genere
    8. Lavoro dignitoso e crescita economica
    15. Vita sulla terra

A campaign of 
Ayzoh!

Contacts

The project

Camp Erech è un progetto di Ayzoh APS (aka Ayzoh!) che unisce un'iniziativa di imprenditoria sociale nel deserto della Mauritania – di grande importanza per le comunità coinvolte – al racconto multimediale della storia di Riccardo Yahya, una vicenda ricca di eventi eccezionali che può essere fonte di ispirazione e spinta al cambiamento per tutti.

ESPLORA CAMP ERECH > Obiettivo sociale> Obiettivo culturale> Gli archetipi> Budget> Rischi > Fasi del  lavoro> Tempistica > Ricompense > Perché sostenerci > Team > Chi siamo


Premessa

Negli anni ‘90, Riccardo De Biase è un affermato fotografo di moda che lavora tra Roma, Milano e Los Angeles. Alla scoperta di una grave malattia neurodegenerativa, abbandona la professione e cambia radicalmente la sua vita: si trasferisce in Mauritania, nella regione desertica dell’Adrar.

Là conosce Fatimatou e decide di stabilirsi nel suo accampamento, vivendo con lei una vita semi-nomade. Inoltre, si converte all’Islam e cambia il suo nome in Yahya. Oggi, Riccardo e Fatimatou vivono nell’accampamento di Camp Erech (a volte chiamato Erch Camp) con le loro figlie.

In questa sua nuova vita, Riccardo Yahya si definisce un “trovatore”: un esploratore che cerca emozioni da condividere con gli ospiti di passaggio a Camp Erech e con i viaggiatori che accompagna nei suoi circuiti turistici. 

Infatti — dopo aver lasciato per sempre il mondo della fotografia professionale — Riccardo Yahya ha avviato un'attività da travel designer in cui organizza circuiti turistici, personalizzati e focalizzati sulla divulgazione delle grandi ricchezze paesaggistiche, storiche e culturali della Mauritania. 

Con i proventi generati dai turisti — oltre a sostenere la propria famiglia e le persone che vivono a Camp Erech — contribuisce alla gestione della scuola del villaggio vicino, dove le figlie studiano, e all’avviamento di piccole attività imprenditoriali per le persone della comunità.

Ma…

La malattia di Riccardo Yahya avanza inesorabile e lui fa sempre più fatica a seguire i tour e a organizzare i circuiti che – grazie al suo carisma unito alla profonda conoscenza del territorio e a grandi doti di narratore – sono diventati leggendari nel settore del turismo culturale, antropologico e responsabile.

Oltre a raccontare la sua straordinaria storia, si rende quindi necessario un intervento per rendere strutturale e sostenibile nel tempo quello che lui – insieme alla sua famiglia e a tutte le persone che l’hanno accolto a Camp Erech – ha costruito nel corso degli anni.

“Quanto dista Los Angeles da Toungad… mille e mille chilometri. Anni sulle spalle, caldi asfissianti, sudore, stupore, la pace del tramonto, il the con tanti amici, attimi di vita, gioia con la famiglia, le mie figlie e Fatimatou...” — Riccardo Yahya


Obiettivo sociale ed economico

La Mauritania — punto d’incontro tra il Maghreb e l’Africa subsahariana — è uno dei Paesi che vengono citati meno spesso quando si pensa di viaggiare in Africa. 

Pur se la sua offerta turistica è attualmente meno sviluppata di quella dei Paesi vicini — e anche considerando che i problemi di sicurezza, di cui un tempo soffriva, sono stati in gran parte risolti — la Mauritania è una destinazione ricca di storia, cultura e tradizioni umanistiche che va davvero scoperta e vissuta. 

Anche per questo il ruolo di persone come Riccardo Yahya e dei suoi collaboratori locali — con la loro profonda conoscenza del territorio e della cultura locale — va sostenuto: oltre che per il sostentamento della comunità locale, è importante per ispirare un’offerta turistica sostenibile e (realmente) responsabile.

Cosa faremo

Il progetto Camp Erech mira a creare un sistema di comunicazione internazionale per promuovere i circuiti organizzati dalla famiglia di Riccardo Yahya (e dalla sua rete di guide locali) nel mercato del turismo responsabile e sostenibile di qualità. 

Il target è soprattutto quello — in costante espansione e più consono alla missione sociale di Ayzoh! — dei viaggi fotografici a scopo umanistico, antropologico, naturalistico e didattico. Gli obiettivi principali del progetto sono:

  • Creare contenuti (iconografici, antropologici e culturali) di qualità per mettere in luce gli aspetti unici — storici, umanistici e culturali — di questa particolare zona desertica della Mauritania e delle popolazioni nomadi che la abitano. 
  • Potenziare — seguendola nel tempo — la comunicazione internazionale per i servizi turistici offerti dagli operatori locali (di Camp Erech e siti limitrofi), per dotarli di strumenti indispensabili per raggiungere mercati più ampi e sensibili ai temi proposti.
  • Attraverso le maggiori entrate generate dai flussi turistici, contribuire — oltre al sostentamento della piccola comunità di Camp Erech — al finanziamento della scuola del villaggio locale e all’avviamento di piccole attività imprenditoriali.

Obiettivo culturale e umanistico

Da sempre il deserto è un luogo ricco di significato simbolico utilizzato per generare chiarezza e consapevolezza su temi universali: lotta per la sopravvivenza, adattamento al clima e ai suoi cambiamenti, creatività, solitudine, solidarietà, spiritualità, unione e collaborazione tra diverse tribù, superamento dei più grandi ostacoli della vita. 

Rappresentare in modo tangibile questi temi — attraverso una storia vera condivisa dai protagonisti stessi del racconto — è lo scopo del reportage e della conseguente produzione editoriale del progetto Camp Erech.

Cosa esploreremo e racconteremo

Riccardo Yahya ci farà entrare nel suo mondo e ci condurrà in un cammino disseminato di potenti contrasti: coraggio e paura, bellezza e malattia, spiritualità e concretezza, solitudine e comunità, pace e rabbia, disgrazia e grazia, voglia di libertà e responsabilità, morte e vita...

Grazie alla sua guida, entreremo in luoghi, sia fisici che immateriali, preclusi ai più. Ci immergeremo in temi che — pur se mostrati attraverso la geografia del deserto — riteniamo importanti a ogni latitudine e per ogni essere umano:

  • la vita quotidiana delle piccole comunità nel deserto e le sfide che devono affrontare per resistere ai processi di omologazione culturale in atto ovunque nel mondo;
  • l’Islam — nelle sue declinazioni locali — come fonte di conforto, forza interiore, incontro e dialogo;
  • il ruolo della donna: questo aspetto verrà affrontato attraverso un reportage nella comunità di Madeen, un luogo che abbatte molti stereotipi e false credenze sul rapporto Donna-Islam;
  • il senso del nomadismo — come fattore di crescita interiore — al giorno d’oggi, quando tutto sembra già scoperto, visto, fatto;
  • l’importanza della cultura orale intangibile nell’educazione di bambini e adolescenti: questo aspetto verrà trattato con un reportage realizzato dai ragazzi stessi;
  • forza d’animo, resistenza e cambiamento: affrontare le difficoltà — incluso i cambiamenti climatici in atto — e trasformarle in opportunità e fonte di apprendimento.

Gli archetipi: l’importanza di una storia che, forse, riguarda anche te

Quella di Riccardo Yahya e della sua famiglia è una grande storia di forza d’animo, di come le difficoltà si possono trasformare in opportunità e di come anche dall’isolamento può sempre nascere un’energia in grado di connettere luoghi e persone distanti tra loro. 

La sua vicenda — vissuta negli anni con semplicità, senza proclami o speculazioni commerciali — contiene al suo interno tutti gli archetipi letterari, cioè gli elementi che costituiscono la struttura narrativa di ogni grande racconto: eroe, mentore, guardiano della soglia, messaggero, ombra, mutaforma, catalizzatore.

Questi archetipi sono gli elementi che, fin dall’antichità, trasformano la storia di una singola persona in un racconto epico in cui chiunque può estrapolare un grande insegnamento per la propria situazione momentanea, una spinta decisiva per la propria direzione di vita o a capire davvero il valore delle cose in cui crediamo perché — come ci suggerisce Antoine de Saint-Exupéry in un suo famoso scritto: "...l'essere umano è governato dallo Spirito. Nel deserto valgo  quanto valgono le mie divinità".

Dalla storia di Riccardo Yahya può dunque nascere un racconto di vita in grado di ispirare tanti — indipendentemente da livello culturale, status sociale, religione, idee politiche, stile di vita e nazionalità — a non arrendersi, a non piangersi addosso, a lottare per essere promotori del proprio cambiamento e di quello della comunità in cui vivono.

“Quella di Riccardo Yahya e di Camp Erech è una storia che — pur nascendo da vicende individuali, legate a una particolare area del mondo — è portatrice di valori universali, fonte di coraggio e speranza per tutti noi. Va assolutamente raccontata, Tutti dovrebbero conoscerla” — Una ospite di Camp Erech


Budget

Il budget preventivato per il progetto è di 30.000 euro: la metà di questa cifra è già coperta da Ayzoh!: questo garantisce che tutti gli obiettivi sociali del progetto sono sostenibili e che saranno comunque portati a termine. 

La cifra per cui chiediamo il sostegno – qui su PDB – ci aiuterebbe a coprire gran parte dei costi di produzione: questo ci consentirebbe di aumentare di molto la visibilità del progetto e, di conseguenza, l’impatto sociale ed economico che esso avrebbe sulle comunità coinvolte in Mauritania.

Ovviamente, se superiamo la cifra indicata in questa campagna, tutto diventa più facile per potenziare ancor più gli aspetti sociali, economici e culturali di Camp Erech.


Rischi

Al momento il rischio più grande è rappresentato dalle condizioni estreme – dovuti anche ai cambiamenti climatici in atto in quella particolare zona – che incontreranno i nostri operatori sul campo.

I fotografi e i ricercatori di Ayzoh! sono però abituati a operare in situazioni estremamente difficili e hanno la credibilità e l'esperienza per affrontare questioni sociali delicate e complesse. In più, sono perfettamente attrezzati (ad esempio, ogni singolo pezzo dell’attrezzatura ha un suo backup) per far fronte a eventuali inconvenienti tecnici.

Invece, per quanto riguarda la produzione non vediamo particolari rischi. L’esperienza dei nostri designer, tecnici e collaboratori – sviluppata in decine di progetti portati a termine da Ayzoh! nel mondo – garantisce il rispetto dei tempi previsti per la produzione degli strumenti più adatti (stampa, digitale, web, video, installazioni multimediali ed eventi dal vivo) per promuovere cause e iniziative a forte impatto comunitario.


Fasi del lavoro

Il progetto si articola in quattro fasi: 1. organizzazione e ricerche (già conclusa); 2. produzione dei contenuti (reportage fotografico, video, testi, fotografia comunitaria*) in Mauritania, dove saranno presenti due fotografi documentaristi, una antropologa e una linguista di Ayzoh!; 3. design e produzione del materiale editoriale (stampa, web, video); 4. disseminazione ed eventi dal vivo.  

Produzione

Sito web internazionale
per promuovere e gestire le attività turistiche e sociali di Camp Erech

Libro fotografico
ricco anche di contenuti testuali per raccontare l'intera esperienza

Set di stampe da collezione
in due formati: fine art (cm. 30 x 40) + il Camp Erech Box (vedi ricompense)

Video
un documentario che racconta l’intera esperienza e i suoi backstage

Eventi dal vivo
mostre multimediali e incontri con il pubblico in alcune città* (Rimini, Milano, Roma, Parigi, Oslo, Addis Abeba). Il progetto verrà condiviso anche in vari Festival della fotografia e del viaggio, in Italia e all’estero.


Tempistica

maggio - settembre 2022
fase preliminare (ricerche, partenariati, progettazione, organizzazione)

15 settembre - 30 ottobre 2022
reportage e lavoro sul campo in Mauritania

novembre 2022
post-produzione, editing, traduzioni: 

dicembre 2022
produzione editoriale (stampa + sito web)

dicembre 2022 - aprile 2023
ampliamento del sito web per la gestione e le prenotazioni dei viaggi necessari a sostenere Camp Erech

dicembre 2022 - dicembre 2023
mostre multimediali e incontri pubblici 

gennaio 2023 - marzo 2023
montaggio e distribuzione del documentario Camp Erech


Ricompense

Nota: faremo tutto il possibile per far partire le consegne a metà dicembre 2022, in tempo per i regali di Natale / Le immagini presentate qui sono a scopo dimostrativo: i prodotti finiti, oltre a presentare una vasta gamma di soggetti, potrebbero essere leggermente diversi.


A – 5 euro e oltre

Entri a far parte della famiglia Ayzoh! perché credi in questo progetto. Oltre a sostenere qualcosa di utile e importante godrai di tutti i vantaggi riservati alla nostra comunità: sconti su libri, stampe, corsi e viaggi + possibilità di partecipare alle nostre esperienze sul campo + inviti esclusivi a incontri ed eventi incluso quello a tutte le mostre multimediali.


B – 10 euro e oltre

Oltre ad A – pubblicheremo il tuo nome (solo se ci dai il consenso) nel libro, nella collezione di stampe e nel sito web internazionale che produrremo.


C – 25 euro e oltre

A + B + riceverai in anteprima la versione digitale (PDF e/o ePub) e interattiva del libro fotografico Camp Erech, un’opera ― ricca e curata anche nella grafica e nei testi ― che racconterà l’intera esperienza.


D – 50 euro e oltre

A + B + C + riceverai il Camp Erech Box: un’elegante scatola di legno con all’interno 50 stampe – cm. 18 x 13, tutte diverse tra loro, prodotte su una carta spessa e di qualità – e un libretto descrittivo. 

Ognuna delle 50 stampe è composta da due elementi: 1. sul fronte, una fotografia ispirata da una delle 50 parole chiave che regolano la vita delle comunità del deserto che ruotano intorno a Camp Erech; 2. sul retro, potrai leggere un racconto di vita vera che onora e amplifica quella parola per portare nella tua vita frammenti di Bellezza, Resistenza e Cambiamento. Immaginalo come uno scrigno con all’interno la forza e la saggezza delle persone di Camp Erech.

Camp Erech Box è infatti molto di più di un elegante prodotto editoriale e si presta a più utilizzi. Potrai lasciare le stampe nella scatola e prenderne una a caso quando avrai bisogno di ispirazione o conforto, potrai ammirarle e leggerle in sequenza come se fossero un libro, potrai incorniciarle ― una, qualcuna, tutte ― per arricchire la tua casa, potrai regalarle alle persone care.  


E – 75 euro e oltre

A + B + C + riceverai una stampa fine art stampata in tiratura limitata (100 copie) su carta di qualità museale. Dimensioni: cm. 30 x 40. Ogni stampa è firmata e numerata (con certificato di garanzia). La stampa appartiene alla Collezione Camp Erech e potrai scegliere il soggetto che preferisci tra quelli disponibili nel catalogo che verrà prodotto entro dicembre 2022.

Il catalogo conterrà, oltre alle stampe della nuova Collezione Camp Erech anche una selezione di opere ― anch'esse create dalle fotografe e dai fotografi di Ayzoh!  ― nate da progetti precedenti e collezionate in 30+ Paesi del mondo / Nota: la cornice non è inclusa.


F – 100 euro e oltre

A + B + C + riceverai Risuona, un prodotto iconico ― creato dal designer di Ayzoh!, Ubaldo Samuelli ― progettato per quelle situazioni, come nel caso di Camp Erech, in cui non si dispone di elettricità ma non si vuole comunque rinunciare all'alta fedeltà del suono.

In parole povere, Risuona è una scultura di legno che amplifica l’audio di uno smartphone operando sul principio fisico delle onde acustiche. Risuona consente infatti l'amplificazione naturale degli altoparlanti del telefono con una straordinaria qualità del suono, un design minimale e intelligente, materiali riciclabili, zero consumi energetici e nessun bisogno di connessioni Bluetooth o Wifi. 

Ogni Risuona della Collezione Camp Erech è un pezzo unico realizzato a mano, arricchito da una elegante incisione e consegnato in una elegante scatola di legno.


G - 250 euro e oltre

Riceverai tutto (A + B + C + D + E + F) + la possibilità di incontrarci in una sessione online ― esclusiva per te (ma puoi invitare anche altre persone) ― dove potrai soddisfare ogni tua curiosità su come si gestisce un progetto di questa portata e/o sulla fotografia comunitaria.


H - 500 euro e oltre

Riceverai tutto (A + B + C + D + E + F + G) + la possibilità di trascorrere (gratuitamente), insieme a noi, un fine settimana in uno dei bellissimi agriturismi che sostengono Ayzoh! in Italia (a tua scelta, in una data concordata, può essere in Lazio, Lombardia, Puglia, Val d’Aosta o Veneto). Qui allestiremo un evento dove potrai soddisfare ogni tua curiosità su come si gestisce un progetto di questa portata e/o sulla fotografia comunitaria.


I - 1.000 euro e oltre

Riceverai tutto (A + B + C + D + E + F + G + H) + la possibilità di avviare operazioni di co-marketing personalizzato con Ayzoh! e/o Camp Erech. Questa ricompensa è rivolta soprattutto ad aziende o a organizzazioni. Contattaci per maggiori informazioni: lab@ayzoh.org


Perché dovresti supportare Camp Erech?

1. Perché, scegliendo di supportare un progetto Ayzoh! diventi un investitore sociale; il tuo contributo va a finanziare, supportare e sviluppare un’iniziativa progettata per avere un impatto forte e positivo sulle comunità coinvolte.

2. Perché le ricompense di Camp Erech sono belle! Cosa rende eccezionale un prodotto editoriale? Le idee. La fotografia. La scrittura. Il design. L'utilità. Certo. Ma soprattutto, il valore di un prodotto dipende da come cattura gli sguardi e il cuore delle persone. Lo promettiamo; tutto quello che produrremo per Camp Erech catturerà il tuo cuore.

3. Perché per gestire progetti così complessi sono necessarie risorse economiche, esperienza e persone qualificate: se ti piace quello che facciamo, supportare questa campagna è un modo semplice per sostenere direttamente Camp Erech ma non solo. Il tuo supporto ci aiuta a rimanere indipendenti e a non essere vincolati a nessun conglomerato, persona, azienda, ente di beneficenza o fondazione.

4. Perché entrerai a far parte di una comunità di intrepidi esploratori, visionari ma con i piedi per terra. Sai, essere forti non vuol dire resistere, essere stoici o fare tutto da soli. La nostra forza d'animo ― come ci insegna la storia di Camp Erech ― dipende dalla qualità delle nostre relazioni: la cosa più importante per imparare gli uni dagli altri e ottenere supporto quando ne abbiamo più bisogno.

Come seguire il progetto

Come sostenitore del progetto lo puoi seguire (quasi) in tempo reale direttamente qui su Produzioni Dal Basso oppure sui nostri nuovi canali Facebook (@ayzoh) + Instagram (@ayzohaps) + Twitter (@ayzohaps). Usa l’hashtag #camperech


Squadra di lavoro

Aida Aicha Bodian / Ayzoh!
crowdfunding + marketing

Luisa Wizzy Casagrande / Ayzoh!
ricerca antropologica + interviste + testi originali

Emmanuel Edson
comunicazione + gestione eventi e mostre

Concetta Ferrario / Ayzoh!
calligrafia + illustrazioni

Silvia Ferraris / Waga Studio
consulenza artistica per gli eventi multimediali

Martino Ghielmi / VadoinAfrica
PR + disseminazione

Claudio Maria Lerario / Ayzoh!
fotografia + riprese video + editing foto + progettazione editoriale + montaggio video

Massimo Modesti / Ayzoh!
antropologia + educazione comunitaria

Ubaldo Samuelli / Ayzoh!
design + progettazione delle esposizioni multimediali

Giulia Zhang / Ayzoh!
fotografia + riprese foto/video con drone + registrazioni audio + interviste + ricerca linguistica

Fotografia comunitaria: un aspetto molto significativo del progetto — tipico delle produzioni Ayzoh! e importante affinché le persone forniscano la propria visione del mondo senza filtri esterni — è che una parte dei contenuti fotografici saranno creati, dopo un breve corso, dai bambini dell’accampamento e dalle ragazze della comunità di Madeen. Questo vuol dire che Riccardo Yahya, le persone che lo circondano ― incluso i bambini ― saranno co-autori del progetto a tutti gli effetti. 

Collaborazioni: allo scopo di esplorare in profondità gli elementi più caratterizzanti di questo territorio marginalizzato e dei suoi abitanti, il team di Ayzoh! è supportato da una squadra di professionisti, ognuno esperto in un campo specifico: lingua araba, meteorologia e cambiamenti climatici, parità di genere, etc.


Chi siamo

Ayzoh! è un centro di fotografia documentaria e comunitaria: lavoriamo al fianco delle piccole comunità che affrontano sfide impegnative in campo sociale, culturale ed economico.

Nel nome la missione

Ayzoh – (ayzoh - maschile / ayzosh - femminile) – è una parola dell’amarico, la lingua ufficiale dell’Etiopia, una terra a cui siamo particolarmente legati e dove — nella città di Hawassa — abbiamo una sede operativa.

A seconda della situazione, significa: “vedrai che andrà tutto bene”, “spero che non ti sia fatto male”, “non preoccuparti”, “forza!”, “coraggio”, “sono con te”, “ce la farai”, “resisti!”. Gli etiopi la usano per consolare chi sta vivendo un momento difficile o per incoraggiare chi deve affrontare una prova impegnativa.

La missione: siamo al fianco di chi affronta prove difficili

Ayzoh! mette anni e anni di esperienza — nel campo del reportage e dell’editoria internazionale — al servizio di chi è normalmente escluso dall’accesso a strumenti narrativi o promozionali di qualità o che — nonostante le condizioni avverse (sociali, politiche, ambientali) e la scarsità di risorse — è impegnato a creare scintille di comune umanità attraverso iniziative che sono utili per la propria collettività ma che rappresentano una fonte di ispirazione anche a un livello più ampio.

Lavoriamo insieme — accompagniandole con un approccio partecipativo — a piccole comunità, organizzazioni, gruppi e individui che lavorano per generare valore, consapevolezza, equità, conoscenza e bellezza attraverso le arti, la cultura, il giornalismo, l’istruzione, l’attivismo, la tutela ambientale, i viaggi, le scienze, la tecnologia e l’imprenditorialità.

Struttura tecnica e attività

Abbiamo concepito Ayzoh! come un opificio in grado di gestire e soddisfare tutte le esigenze della narrazione visuale e della comunicazione moderna. Lo facciamo attraverso un’alchimia di linguaggi —  fotografia documentaria, produzioni audiovisive, arti grafiche, design e scrittura — che operano in stretta sinergia tra loro. Questo ci consente di seguire ogni tipo di progetto editoriale dall’idea iniziale al prodotto finale.

Il nostro focus

Come reporter e documentaristi, il focus del nostro lavoro è la rappresentazione del senso di comunità: cerchiamo di capire cos’è che crea  —  o che inibisce  —  quel sentire di appartenersi gli uni agli altri, anche e soprattutto tra diversi, in società multi-locali e in perenne mutazione.

Questa ricerca si esprime principalmente mediante reportage partecipativi da cui poi nascono progetti editoriali ed eventi multimediali che hanno l’obiettivo di rendere tangibile la concatenazione, il consolidamento e l’integrazione delle nostre unicità attraverso differenti condizioni, culture e latitudini.

Il nostro lavoro è dunque un invito a considerare cosa può essere preservato, migliorato, abbandonato, rivisto o creato al fine di riappropriarci del concetto di essere comunità in senso sia territoriale che globale.

Ayzoh! e la fotografia comunitaria

La fotografia comunitaria è un approccio alla fotografia in cui la rappresentazione e il racconto per immagini di un luogo, di un evento, di una storia personale è prodotto collettivamente e a più voci. I ragazzi e le ragazze che partecipano al progetto — dietro la guida (discreta) dei professionisti di Ayzoh! — diventano dei fotoreporter che raccontano, con un grande lavoro collettivo, ogni aspetto della realtà in cui vivono.

Si potrebbe definire un'operazione di fotografia popolare dove non emerge solamente lo sguardo e il punto di vista di un solo fotografo "esperto", ma il risultato di un processo cui partecipano più persone impegnate in un'azione comune che può avere volta a volta obiettivi differenti: estetico, etico o politico, ad esempio.

Inoltre, nei progetti di fotografia comunitaria di Ayzoh! — indipendentemente dalle competenze tecniche dei partecipanti — vengono coinvolti bambini, adolescenti e adulti appartenenti a diversi ambienti, culture e classi sociali differenti per realizzare un reportage collettivo in cui nessun punto di vista prevale sugli altri. 

I nostri professionisti offrono assistenza tecnica e contribuiscono ad attivare il processo di partecipazione nelle diverse fasi del lavoro collettivo: reportage sul campo, post-produzione ed editing delle fotografie. Infine — oltre a partecipare come tutti gli altri alla realizzazione degli scatti fotografici — garantiscono che i diversi punti di vista continuino a dialogare. 

Da questi lavori nascono poi delle pubblicazioni — stampate, digitali, online o video — affinché resti nel tempo un racconto della vita comunitaria e quindi una biografia, o una auto-biografia, collettiva.

In definitiva, la fotografia comunitaria nasce con propositi comunitari, si realizza in modo partecipativo e parla della vita di comunità per favorire la consapevolezza, lo sviluppo sociale e culturale e — in alcuni casi — la difesa di una collettività da fenomeni di sfruttamento, violenza e abuso di potere.

Altre azioni di Ayzoh!

Media e design per l’innovazione sociale: supportiamo gli innovatori sociali nella realizzazione di iniziative che sviluppano modi di pensare originali, che democratizzano la conoscenza e che creano nuove opportunità — sociali, economiche, culturali — all’interno di piccole comunità rese vulnerabili dai processi di omologazione forzata in atto ovunque nel mondo.

Condividere l’esperienza attraverso la didattica: affianchiamo le piccole organizzazioni nell’acquisizione di nuove conoscenze e competenze nei campi della tecnica fotografica, della narrazione visuale e della produzione editoriale. Lo facciamo attraverso workshop e progetti partecipativi strutturati per soddisfare gli obiettivi e le effettive esigenze delle loro comunità.

Aprire nuovi mercati: rafforziamo la comunicazione di piccole aziende, imprese sociali e cooperative che — pur operando in contesti difficili — valorizzano le risorse umane, culturali, naturali e produttive locali. Per loro creiamo strumenti promozionali adatti per raggiungere mercati più ampi e redditizi.

Advocacy: collaboriamo con fotografi, scrittori, artisti, giornalisti, ricercatori e operatori umanitari impegnati a raccontare bisogni e istanze di comunità marginalizzate o sotto-rappresentate. Li aiutiamo a diffondere le loro aspirazioni di giustizia sociale, appartenenza culturale, sviluppo equo e pace.

Dove operiamo

Per sua natura Ayzoh! è nomade e opera globalmente. Raccogliamo storie in tutti gli ambiti che riguardano la vita di una comunità: lavoro, politica, economia, relazioni umane, arte, musica, moda, architettura, educazione, pratiche spirituali e religiose. Cerchiamo le storie dentro la vita quotidiana contemporanea, in contesti urbani, rurali e marini. 

Documentiamo i laboratori dove nascono le idee del futuro ma ci immergiamo anche nelle antiche tradizioni popolari in cui risuona l’eco di valori universali che travalicano i tempi della storia e i luoghi del nostro pianeta. In definitiva, ci interessa qualsiasi cosa che sia in grado di sprigionare scintille di spirito comunitario.

L'organizzazione

Ayzoh APS è un’organizzazione senza scopo di lucro ― con sede a Rimini ― indipendente e totalmente controllata dai propri soci. Per sostenere la nostra missione abbiamo adottato un modello ibrido no-profit/profit: questo ci permette di finanziare i progetti sociali a favore delle comunità più emarginate — sempre totalmente gratuiti per i beneficiari — senza necessariamente dipendere da donazioni pubbliche o private.

Questo modello ci aiuta anche a difendere la nostra indipendenza, a mantenere bassi i costi amministrativi, a operare con maggiore velocità, a scegliere con cura i nostri sostenitori, a rimanere obiettivi e a evitare qualsiasi conflitto di interessi che possa influenzare il nostro lavoro o allontanarci dal focus che ci siamo dati.

Come ci finanziamo

Ayzoh! si finanzia principalmente attraverso: 1) la vendita di servizi e prodotti — quali progetti editoriali e reportage fotografici su commissione, video e documentari, viaggi e workshop, libri e stampe da collezione — offerti sul mercato come qualsiasi altra piccola impresa; 2) i contributi di sponsor selezionati; 3) la partecipazione attiva — attraverso operazioni di crowdfunding come questa in corso —  di una comunità internazionale di sostenitori.


Contatti

Telefono: +39 377 706 7726
Whatsapp: +39 348 471 2072

lab@ayzoh.org
ayzoh.org

Support this project

Rewards

€5.00

A ― Entri a far parte della famiglia Ayzoh!

Lo fai perché credi in questo progetto. Oltre a sostenere qualcosa di utile e importante godrai di tutti i vantaggi riservati alla nostra comunità: sconti su libri, stampe, corsi e viaggi + possibilità di partecipare alle nostre esperienze sul campo + inviti esclusivi a incontri ed eventi incluso quello a tutte le mostre multimediali.

Select
€10.00

B ― il tuo nome è dappertutto

Oltre ad A – pubblicheremo il tuo nome (se ci dai il consenso) nel libro, nella collezione di stampe, nel sito web internazionale che produrremo e in bellissimo pannello esposto durante gli eventi multimediali.

Select
€25.00

C ― Ebook "Camp Erech"

A + B + riceverai in anteprima la versione digitale (PDF e/o ePub) e interattiva del libro fotografico “Camp Erech”, un’opera ― ricca e curata anche nella grafica e nei testi ― che racconterà l’intera esperienza.

Select
€50.00

D ― Camp Erech Box

A + B + C + riceverai il Camp Erech Box: un’elegante scatola di legno con all’interno 50 stampe – cm. 18 x 13, tutte diverse tra loro, prodotte su una carta spessa e di qualità – e un libretto descrittivo. Ognuna delle 50 stampe è composta da due elementi: 1. sul fronte, una fotografia ispirata da una delle 50 parole chiave che regolano la vita delle comunità del deserto che ruotano intorno a Camp Erech; 2. sul retro, potrai leggere un racconto di vita vera che onora e amplifica quella parola per portare nella tua vita frammenti di Bellezza, Resistenza e Cambiamento. Immaginalo come uno scrigno con all’interno la forza e la saggezza delle persone di Camp Erech.

Camp Erech Box è infatti molto di più di un elegante prodotto editoriale e si presta a più utilizzi. Potrai lasciare le stampe nella scatola e prenderne una a caso quando avrai bisogno di ispirazione o conforto, potrai ammirarle e leggerle in sequenza come se fossero un libro, potrai incorniciarle ― una, qualcuna, tutte ― per arricchire la tua casa, potrai regalarle alle persone care.

Select
€75.00

E ― Una stampa fine art in tiratura limitata

A + B + C + riceverai una prestigiosa stampa fine art stampata, in tiratura limitata (75 copie), su carta di qualità museale. Dimensioni: cm. 30 x 40. Ogni stampa è firmata e numerata sul retro e viene consegnata con un certificato di garanzia. La stampa appartiene alla collezione Camp Erech e potrai scegliere il soggetto che preferisci tra quelli disponibili nel catalogo che verrà reso pubblico entro dicembre 2022.

Select
€100.00

F ― Risuona: versione limitata Camp Erech

A + B + C + riceverai Risuona, un prodotto iconico ― creato dal designer di Ayzoh!, Ubaldo Samuelli ― progettato per quelle situazioni, come nel caso di Camp Erech, in cui non si dispone di elettricità ma non si vuole comunque rinunciare all'alta fedeltà del suono. In parole povere, Risuona è un “pezzo di legno” che amplifica l’audio di uno smartphone operando sul principio fisico delle onde acustiche. Risuona consente infatti l'amplificazione naturale degli altoparlanti del telefono con una straordinaria qualità del suono, un design minimale e intelligente, materiali riciclabili, zero consumi energetici e nessun bisogno di connessioni Bluetooth o Wifi. Ogni Risuona della Collezione Camp Erech è un pezzo unico realizzato a mano, arricchito da una elegante incisione e consegnato in una elegante scatola di legno.

Select
€250.00

G ― Tutte le ricompense precedenti più una sessione online di immersione nella fotografia comunitaria

Riceverai tutto (A + B + C + D + E + F) più la possibilità di incontrarci in una sessione online ― esclusiva per te (ma puoi invitare anche altre persone) ― dove potrai soddisfare ogni tua curiosità su come si gestisce un progetto di questa portata e/o sulla fotografia comunitaria.

Select
€500.00

H ― Un fine settimana di immersione nella fotografia comunitaria

Riceverai tutto (A + B + C + D + E + F + G) più la possibilità di trascorrere (gratuitamente), insieme a noi, un fine settimana in uno dei bellissimi agriturismi che sostengono Ayzoh! in Italia (a tua scelta, in una data concordata, può essere in Lazio, Lombardia, Puglia, Val d’Aosta o Veneto). Qui allestiremo un evento dove potrai soddisfare ogni tua curiosità su come si gestisce un progetto di questa portata e/o sulla fotografia comunitaria.

Select
€1,000.00

I ― Operazioni win-win di co-marketing con Ayzoh! e/o Camp Erech

Riceverai tutto (A + B + C + D + E + F + G + H) + la possibilità di avviare operazioni di co-marketing personalizzato con Ayzoh! e/o Camp Erech. Questa ricompensa è rivolta soprattutto ad aziende o a organizzazioni. Contattaci per maggiori informazioni...

Select

Comments (5)

Per commentare devi fare
  • Vb
    Valentina Bravi, mi avete commossa...
    • Bc
      Barbara Cast stellare non ho altro da dire , virtualmente vi conosco tutti e siete splendidi . Auguri Riccardo & company
      • avatar
        Ayzoh APS Grazie Barbara! Faremo il possibile per essere all'altezza delle tue belle parole
        3 months ago
    • avatar
      Sabina Buona fortuna 🍀
      • avatar
        Ayzoh APS Grazie mille, Sabina!
        3 months ago

    Community

    Questo progetto ha segnalato obiettivi di sviluppo sostenibile

    Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) costituiscono una serie di 17 obiettivi concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite.

    5. Uguaglianza di genere

    Parità di genere: raggiungere la parità di genere attraverso l'emancipazione delle donne e delle ragazze.

    8. Lavoro dignitoso e crescita economica

    Buona occupazione e crescita economica: promuovere una crescita economica inclusiva, sostenuta e sostenibile, un'occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti.

    15. Vita sulla terra

    Utilizzo sostenibile della terra: proteggere, ristabilire e promuovere l'utilizzo sostenibile degli ecosistemi terrestri, gestire le foreste in modo sostenibile, combattere la desertificazione, bloccare e invertire il degrado del suolo e arrestare la perdita di biodiversità.

    Vuoi sostenere questo progetto?