oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Una "termitière" al cecchi point, ristrutturazione partecipata in terracruda

Una campagna di
Associazione BIOECOSERVIZI

Contatti

Una campagna di
Associazione BIOECOSERVIZI

Una "TERMITIÈRE" al Cecchi Point,
ristrutturazione partecipata in terracruda

Una "termitière" al cecchi point, ristrutturazione partecipata in terracruda

Campagna terminata
  • Raccolti € 75,00
  • Sostenitori 9
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Comunità & sociale

Una campagna di 
Associazione BIOECOSERVIZI

Contatti

Il Progetto

LA TERMITIÈRE

Il progetto "la Termitière" vuole essere un primo esperimento di ristrutturazione partecipata di uno spazio sociale con tecnologie costruttive adatte all’autorecupero che utilizzano materiali naturali, facilmente reperibili e a basso costo.

In un periodo in cui, soprattutto in Italia, è molto più importante sviluppare proposte di riutilizzo degli edifici esistenti piuttosto che crearne di nuovi, questo progetto vuole dare nuova vita a uno spazio destinato ai ragazzi della casa di quartiere HUB Cecchi Point coinvolgendo i cittadini e i fruitori dello spazio nella ristrutturazione.

Le tecniche costruttive a base di terracruda, paglia e calce si prestano molto bene a questo tipo di interventi in quanto, oltre a garantire altissimi livelli di comfort e salubrità all'ambiente finito, consentono di sviluppare dei processi autocostruttivi volti a una "riappropriazione consapevole" di questi spazi da parte della cittadinanza.

OBIETTIVI

. ristrutturare "in partecipazione" uno spazio da destinare ai ragazzi e alle famiglie che frequentano la casa di quartiere HUB Cecchi Point

. dimostrare che l'autocostruzione può essere un ottimo strumento per ridare vita a tanti spazi inutilizzati delle città italiane e che i processi di costruzione e recupero di spazi autogestiti conferiscono valore ai luoghi e consolidano le relazioni tra le persone che sviluppano un legame affettivo con gli ambienti che recuperano.

. dimostrare che tecniche costruttive a base di terracruda, paglia e calce sono le migliori per il recupero edilizio in ambito metropolitano, sia dal punto di vista del carattere di forte socialità che consentono, che per la assoluta salubrità e neutralità per chi le utilizza e infine per la qualità architettonica che conferiscono ai luoghi.

. creare un "cantiere didattico" che possa essere un "primo incontro" o un approfondimento per chi ha interesse a sviluppare un percorso professionale su questi temi e per chi si trova in un momento di difficoltà per mancanza di lavoro o isolamento sociale.

. costruire un processo di recupero partecipato che possa essere matrice e modello per situazioni future, anche dando continuità all’interno della stessa struttura, a processi virtuosi dal punto di vista delle tre “S”: Sostenibilità Sociale, Sostenibilità Economica, Sostenibilità Ambientale.

A CHE PUNTO SIAMO

Domenica 20 marzo si è concluso il laboratorio di 3 giorni che aveva come obiettivo la progettazione partecipata dei locali della “sala Rossa”. L'evento ha coinvolto attorno ad unico tavolo diversi studenti del Politecnico di Torino, le associazioni della casa di quartiere Cecchi Point (www. Cecchi……), i cittadini di Torino con il coordinamento e il supporto dell’associazione Bioecoservizi (www.bioecoservizi.it). Il progetto definitivo è al momento in fase di elaborazione da parte degli studenti del Politecnico.

L'iniziativa riprenderà venerdì 6 maggio con l'inizio della ristrutturazione effettiva dello spazio, in particolare:

- 6-8 maggio: realizzazione degli isolanti in terrapaglia alleggerita

- 27-29 maggio: realizzazione delle intonacature in terracruda

- 10-12 giugno: relizzazione degli arredi fissi in terracruda

- 1-3 luglio: realizzazione del forno in terracruda

- 30 sett-2 ottobre: realizzazione di alcune superfici con tadelakt tradizionale marocchino

- 6-8 ottobre: realizzazione delle finiture e decori in terracruda

PROMOTORI

Associazione Bioecoservizi

www.bioecoservizi.it - FB: Bioecoservizi Torino

L'associazione BIOECOSERVIZI nasce nel settembre 2008 per promuovere la cultura dell'abitare sostenibile in tutte le sue forme. Propone corsi, conferenze, seminari, laboratori e cantieri aperti a gruppi, scuole, enti e associazioni. Offre consulenza e collaborazione per progetti culturali sulla bioarchitettura, l'arte, il design, la geobiologia, l'abitare sostenibile, il risparmio energetico, i processi di autocostruzione assistita e di progettazione partecipata.

Officine Creative Torino

www.officinecreativetorino.it - FB: Officine Creative Cecchi Point

Officine creative è un’associazione di giovani con provenienze professionali eterogenee e complementari che si occupa di tutelare innovazione e promozione dei saperi artigiani in ambito artistico e produttivo; che offre spazi di incontro e interazione sociale, dove gli scambi di competenze manuali e il “fare assieme” divengono veicolo di coesione; che fa della difesa dell’ambiente e promozione di stili di vita ecocompatibili un suo carattere strutturante; che si fonda su una costante attività di ricerca, sperimentazione e formazione per tutte le età.

Centro Multiculturale HUB Cecchi Point

www.cecchipoint.it

L'HUB Cecchi Point è una struttura polifunzionale sita in Via Cecchi 17 a Torino che aderisce alla rete delle case del quartiere di Torino. In quanto tale, garantisce un punto di incontro e di riferimento per i cittadini, raccogliendo ed organizzando attività di varie associazioni e gruppi informali, creando momenti di socializzazione e svago, offrendo servizi, corsi e laboratori, mettondo a disposizione spazi. Il centro rappresenta, inoltre, una risposta alla forte richiesta di un luogo aggregativo all’interno di un’area con forti criticità sociali. Il contrasto del disagio e il protagonismo multiculturale sono possibili tramite l’accoglienza e la forte volontà di essere crocevia di persone e di opportunità. Lo stabile, di proprietà comunale è dato in gestione all’ associazione Il Campanile ONLUS. La ristrutturazione degli spazi del centro è avvenuta solo parzialmente nel 2011. La restante parte necessita ancora di interventi di varia entità.

Gruppo studentesco del Politecnico di Torino

FB: La Termitière

Il gruppo di studenti POLITO (…pagina FB La Termitière), proveniente dalle facoltà di architettura, ingegneria e design del Politecnico di Torino, ha sviluppato in collaborazione con l'associazione Bioecoservizi il progetto "La termitière", per proseguire la ricerca sui sistemi costruttivi legati alla bioedilizia ed elaborare un progetto che, oltre ad essere un'occasione di studio, culminasse nella realizzazione di un'opera da lasciare in uso alla città di Torino.

NECESSITÀ

Il progetto è stato finanziato dal Politecnico di Torino per una quota pari al 60% del budget totale. Con la cifra di 2500 euro si finanzierebbe completamente il laboratorio di isolamento in terrapaglia alleggerita. Le donazioni consentiranno a coloro che sono interessati al progetto ma non sono in grado di sostenerne i costi (150 euro per 20 ore di corso) di prendere parte all'iniziativa e dare il proprio contributo.

Commenti (0)

Per commentare devi fare