oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Un educatore per chi soffre di disturbi del comportamento alimentare

Una campagna di
Centro Libenter

Contatti

Una campagna di
Centro Libenter

Un educatore per chi soffre di disturbi del comportamento alimentare

Campagna terminata
  • Raccolti € 9.489,00
  • Sostenitori 82
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Comunità & sociale

Una campagna di 
Centro Libenter

Contatti

Il Progetto

Un percorso con educatore per le persone che soffrono di disturbi del comportamento alimentare.

Chi siamo
La storia di Chiara
A cosa serve un educatore per chi soffre di disturbi del comportamento alimentare
Cosa facciamo
Perché ci serve il tuo aiuto

Chi siamo

Il Centro Libenter nasce a Torino nel 2015 per accogliere e sostenere persone che soffrono di disturbi del comportamento alimentare, con l’idea di offrire uno spazio a chiunque senta che cibo e corpo sono ferite dolorose nella propria vita. Oggi vogliamo aggiungere un supporto in più ai percorsi intrapresi dalle persone che si rivolgono alla nostra associazione: l’educatore. Perché è nella vita di tutti i giorni che i disturbi del comportamento alimentare, come anoressia e bulimia, rendono più vulnerabili i nostri utenti.

Per farlo ci serve il tuo aiuto: puoi andare fino al fondo di questa pagina e fare subito la tua donazione, oppure restare con noi e scoprire la storia di Chiara.

Chiara le ha provate tutte

Chiara ha 23 anni ed è arrivata al Centro Libenter rassegnata dai suoi sintomi. Ci racconta di essere stanca, di “averle provate tutte”, di sentirsi sola e abbandonata alla noia .

Chiara ha difficoltà nella gestione delle relazioni familiari, vive una grande solitudine e un senso di vuoto. Dobbiamo motivarla alla cura: è così che l’associazione orienta chi ha un disturbo alimentare, cercando di comprendere le difficoltà da più punti di vista. Con Chiara proviamo per la prima volta anche un altro percorso: quello con l’affiancamento di un’educatrice, che sarà suo sostegno nelle sfide di tutti i giorni .

L’obiettivo è quello di aiutare Chiara a gestire i propri stress emotivi in modo che non siano dannosi per la sua salute e a riprendere contatto con se stessa e con le persone che la circondano.

Ad oggi abbiamo iniziato tutte le attività programmate , il suo tono dell'umore è in risalita ed è sicuramente più motivata al trattamento. Nei successivi tre mesi le faremo una proposta per un’attività di rieducazione alimentare, con un accompagnamento iniziale durante il momento della spesa, un successivo sostegno nella preparazione del pasto e il consumo di due pasti alla settimana insieme alla figura dell’educatore.

Tutto questo è possibile perché la nostra educatrice passa con lei in totale almeno quattro ore a settimana.

Perché pensiamo che sia importante un educatore nella gestione dei disturbi alimentari?

Come sostenuto dall’Istituto Superiore di Sanità:

“I disordini alimentari, di cui anoressia e bulimia nervosa sono le manifestazioni più note e frequenti, sono diventati nell’ultimo ventennio una vera e propria emergenza di salute mentale per gli effetti devastanti che hanno sulla salute e sulla vita di adolescenti e giovani adulti . Le associazioni mediche che si occupano di disordini alimentari non esitano a definirli una vera e propria epidemia che attraversa tutti gli strati sociali e le diverse etnie.

Se non trattati in tempi e con metodi adeguati, i disordini alimentari possono diventare una condizione permanente e nei casi gravi portare alla morte, che solitamente avviene per suicidio o per arresto cardiaco. Secondo la American Psychiatric Association, sono la prima causa di morte per malattia mentale nei paesi occidentali.”

A cosa serve un educatore nel trattamento dei disturbi del comportamento alimentare

I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono caratterizzati da una modalità di relazione patologica con il cibo, da un’eccessiva preoccupazione per il peso e per le forme del corpo, da una distorta percezione del senso della fame e della sazietà e dalla fissazione ossessiva per il cibo. Insorgono prevalentemente durante l’adolescenza e colpiscono soprattutto il sesso femminile. I comportamenti tipici di una persona che soffre di un Disturbo del Comportamento Alimentare si diversificano a seconda della tipologia di disturbo alimentare. Per quanto riguarda l'anoressia nervosa, i comportamenti più tipici adottati sono: digiuno, restrizione dell’alimentazione, intensificazione dell'attività fisica.

Nella bulimia nervosa il soggetto è portato ad assumere quantità eccessive di cibo in tempi ristretti, accompagnato dalla sensazione di perdere il controllo , ovvero non riuscire a controllare cosa e quanto si mangia. Spesso alle abbuffate corrispondono atteggiamenti compensativi che vanno dal vomito autoindotto, all'assunzione impropria di lassativi e/o diuretici al fine di contrastare l’aumento ponderale, l'intensa attività fisica finalizzata alla perdita di peso.

Soffrire di un disturbo alimentare sconvolge la vita del soggetto e delle persone intorno, sembra che tutto ruoti attorno al cibo e che tutto dipenda da esso . Cose che prima sembravano banali ora diventano difficili se non impossibili e motivo di forte ansia, come andare in pizzeria con gli amici o partecipare a un compleanno o a un matrimonio.

La figura dell’educatore si inserisce proprio in questo aspetto come figura essenziale, un supporto sicuro e presente in tutti quei momenti di difficoltà e stress che il soggetto incontra nel ri-approcciarsi alla vita nei suoi gesti quotidiani.

Cosa fa Libenter oggi

Ad oggi Libenter offre spazi di orientamento, esplorazione e conoscenza di sè e del disturbo grazie all'aiuto di volontari professionisti della psicologia, della nutrizione e della fisioterapia. Abbiamo all'attivo diversi gruppi tematici (arteterapia-yoga-educazione nutrizionale) e un altro gruppo di mutuo aiuto, “ La Ruota ”, che ha l'obiettivo di riunire persone con disturbi alimentari diversi, sostenendo la similitudine tra la sofferenza indipendentemente dal modo in cui viene manifestata al fine di creare un gruppo dove sentirsi tutti "sulla stessa barca" al di là del sinto mo.

Cosa vogliamo fare con il tuo aiuto

L'intervento educativo può rappresentare una risposta flessibile e innovativa al disturbo alimentare, poiché adotta risorse, metodi e strumenti direttamente nel contesto di vita del soggetto, così come abbiamo potuto verificare con la storia di Chiara.

Per chi

Il progetto è rivolto a persone residenti nel territorio di Torino che presentano un disturbo alimentare, dopo un colloquio che sarà necessario per indagare le reali necessità della persona.

Vogliamo coinvolgere 25 persone, di cui 5 minorenni e 20 maggiorenni.

I costi

Per sostenere questo percorso i costi sono molto alti: si tratta di 76mila euro annui, per 25 persone, per 4 ore di intervento a persona alla settimana.

Ci siamo già attivate per avviare il progetto tramite dei bandi che possano coprire una parte della cifra, ma il resto dobbiamo metterlo noi.

Vorremmo partire con 4 utenti e per farlo servono 12160€. Con questo crowdfunding ne vogliamo raccogliere 13mila, per coprire le spese di inizio progetto e i costi della piattaforma.

Ci serve il tuo aiuto!

Puoi fare una donazione a partire da 10€ e convincere un’altra persona a donare, anzi più di una: più siamo, più persone potremmo includere in questo percorso!

Commenti (17)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Emanuela  In memoria di Eugy!
    • avatar
      Enrica  Grazie Emanuela!
      3 mesi fa
  • avatar
    Angela  Sono confidente nel raggiungimento dell'obiettivo di questo progetto: far ritornare a sorridere
    • avatar
      Enrica  Grazie Angela, di cuore!
      3 mesi, 1 settimana fa
  • avatar
    Vera  Un piccolo contributo. Spero aiuti.
    • avatar
      Enrica  Grazie Vera, assolutamente sì!
      4 mesi fa
  • avatar
    Lucia  In memoria di Eugenio
    • avatar
      Enrica  Grazie Lucia, davvero.
      4 mesi fa
  • avatar
    Valentina  Un gruppo di professionisti di grande umanità e un progetto a cui tengo personalmente.
    • avatar
      Enrica  Grazie Valentina!!!
      4 mesi fa
  • RC
    Rachele  Un progetto in cui credo moltissimo! Condividetelo e donate
    • avatar
      Enrica  Grazie Rachele!
      4 mesi fa
  • LT
    Laura  questa donazione è per il progetto Eugenio in memoria di Eugenio Micheli
    • avatar
      Enrica  Grazie Laura!
      4 mesi, 2 settimane fa
  • MT
    Martina  Per Manu🌷
    • avatar
      Enrica  Grazie Martina <3!
      4 mesi, 2 settimane fa
  • MT
    Martina  😁😁😁

    Community