oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Sulle Tracce della Dea,Viaggio nel grembo della Storia

Una campagna di
Giuditta Pellegrini

Contatti

Una campagna di
Giuditta Pellegrini

Sulle Tracce della Dea,Viaggio nel grembo della Storia

Sostieni questo progetto
34%
  • Raccolti € 2.395,00
  • Obiettivo € 7.000,00
  • Sostenitori 52
  • Scadenza 36 giorni rimanenti
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Viaggi & avventure

Una campagna di 
Giuditta Pellegrini

Contatti

Il Progetto

Sulle tracce della Dea

Viaggio nel grembo della Storia

English version below

Un libro fotografico di Giuditta Pellegrini

con illustrazioni di Marina Girardi e Miryam Molinari

direzione artistica di Chiara Neviani


Un viaggio accattivante fra passato e presente attraverso il Mediterraneo , in cui foto, testo e illustrazione uniti nella forma del carnet de voyage ci conducono nei luoghi più simbolici della civiltà della Dea Madre , alla ricerca delle nostre radici e di un futuro possibile .

Struttura:

L'archeologa Marija Gimbutas , che dedicò la sua vita a studiare le antiche popolazioni dell'area europea , scoprì nei reperti le tracce di una civiltà estremamente raffinata nata 25.000 anni fa , caratterizzata dall' assenza di guerre e da una grande fioritura culturale. Il legame assoluto fra gli esseri umani e la Madre Terra celebrato naturalmente nel corpo femminile e nel culto della Grande Dea , diede luogo a società così sostenibili da durare per circa 20.000 anni. E' questa cultura atavica che i popoli del mediterraneo condividono: essa era talmente radicata da influenzare profondamente le popolazioni successive quali i Lici, gli Etruschi, i Berberi , e ancora oggi la sua eco fa vibrare corde profonde in chi ne senta parlare.. .