or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Stasis LAB // Un Hub Culturale Polifunzionale in Barriera di Milano

A campaign of
Stasis Aps

Contacts

A campaign of
Stasis Aps

Stasis LAB // Un Hub Culturale Polifunzionale in Barriera di Milano

Support this project
13%
  • Raised € 1,310.00
  • Target € 10,000.00
  • Sponsors 35
  • Expiring in 72 days to go
  • Type Keep it all  
  • Category Art & culture
  • Obiettivi
    11. Città e comunità sostenibili
    12. Consumo e produzione responsabili

A campaign of 
Stasis Aps

Contacts

The project

UN OPEN STUDIO

UN LABORATORIO CREATIVO

UN LUOGO DI FORMAZIONE RECIPROCA E DIBATTITO

UNO SPAZIO ESPOSITIVO E D'INTRATTENIMENTO

Dopo 2 anni di sperimentazioni sul territorio torinese come collettivo Stasis abbiamo deciso di costituirci come associazione culturale e trovare una casa stabile per dar vita a un hub culturale polifunzionale.

Un luogo di incontro, dibattito, formazione, intrattenimento e co-produzione di contenuti nell’ambito della new media art: dalla musica elettronica, al circuit bending, al video mapping. Vogliamo dar vita a uno spazio che esca il più possibile dalle logiche autoreferenziali che spesso caratterizzano la produzione delle istituzioni pubbliche o private del sistema cultura torinese.

Collocandoci nel quartiere periferico di Barriera di Milano (Torino) vogliamo promuovere pratiche di socialità dal basso, con un' organizzazione orizzontale che includa gli abitanti del quartiere.

Sì, ma chi siete?

Stasis Torino è un collettivo artistico e curatoriale dedito all’organizzazione di eventi culturali sul territorio torinese. Al centro della proposta artistica del gruppo vi è il concetto di relazione. Questo è inteso sia come integrazione fra diversi linguaggi espressivi (fotografia, cinema, visual art e musica), sia come traguardo che la fusione degli stessi si propone di raggiungere; favorendo l’interazione fra i partecipanti alle pratiche culturali proposte (pubblico, artisti e organizzatori).

Attraverso l'organizzazione dei suddetti eventi, quindi, ci si propone di portare avanti una ricerca su spazi alternativi di espressione di quelle forme artistiche che fiorite nella club culture appaiono ormai lontane dalle sue degenerazioni.

Manifestando la possibilità di una differente pratica di consumo e d'abitudine aspiriamo a portare avanti attività culturali come mezzo coerente al raggiungimento di un fine ultimo: la liberazione del potenziale eversivo e di critica in funzione collettiva della new media art.

Siamo un collettivo aperto composto di scienziati sociali, tecnici audio, musicisti, dj, produttori video maker e visual artists sempre disposti a mettere in condivisione le nostre conoscenze con gli altri e a imparare dagli stessi!

Perché la raccolta?

Da ottobre 2018, spinti più dalla follia che dall’economia, abbiamo iniziato a organizzare eventi culturali che restituissero uno spazio altro alle forme di espressione artistica più comunemente associate al mondo del clubbing e della club culture. Come assidui frequentatori di questi ambienti, riconosciamo l’importanza che hanno storicamente rivestito nella promozione di alcune subculture e forme artistiche; tuttavia reputiamo che questi spazi siano diventati nel tempo espressione di una cultura che, afflitta da un eccesso di nostalgia, non riesce a dare vita a una qualsiasi novità autentica.

Questa deriva è a nostro parere associabile alla crescente esclusività che tali ambienti hanno nel tempo acquisito rispondendo a logiche di consumo e profitto sorrette da un meccanismo di distinzione sociale. E’ riscoprendo la relazione di reciprocità fra artista e pubblico, fra consumo e produzione culturale, che crediamo sia possibile avviare pratiche capaci di facilitare l’accesso a conoscenze di tipo tecnico e artistico che siano veicolo di contrasto agli effetti negativi collegati a problematiche sociali come l’isolamento, la presenza di barriere socio-economiche d'accesso alla formazione e all'offerta culturale, la dispersione scolastica e il digital divide; nonché promuovere una sensibilizzazione su temi come la trasformazione urbana e l’ecologia.

Per le ragioni suddette abbiamo deciso di iniziare un percorso di promozione alternativo della musica elettronica e della visual art, rigorosamente sorretto da un  regime di autoproduzione e autofinanziamento. Lavoriamo senza sosta da due anni per creare le condizioni di possibilità che permettano l’avvio di un processo di re-immaginazione di un campo di produzione culturale sempre più afflitto da tendenze feticizzanti. Nel nostro percorso ci siamo scontrati con molteplici difficoltà, prima fra tutte, la crescente mancanza di spazi sul territorio torinese.

Questa raccolta fondi è necessaria per permetterci di avviare uno spazio di promozione culturale aperto al contributo di tutti e tutte che non sia appendice né di istituti di formazione accademici o professionali, né di istituzioni culturali pubbliche o private che siano.

Abbiamo organizzato  questo crowdfunding per far fronte alle necessità tecniche, logistiche e materiali che l’apertura dello spazio comporta. Le donazioni raccolte andranno a sostenere le spese necessarie ad alimentare:

  • la costituzione di un’associazione di promozione sociale
  • le spese immobiliari (affitto, caparre, spese di agenzia, utenze etc.)
  • il lavoro di adeguamento dello spazio
  • l’acquisto dell’attrezzatura necessaria per lo svolgimento di manifestazioni artistiche, workshop, dibattiti
  • l’allestimento di una postazione ad accesso libero per riparazioni meccaniche e elettroniche
  • l’avvio di laboratori di costruzione di dispositivi A/V DIY.

Il progetto per l’apertura del laboratorio precedentemente descritto è stato candidato con successo al bando per l’avviamento di attività artistiche e culturali nel quartiere di Barriera di Milano “Casa Bottega 4.0” permettendoci di accedere a 5000 euro di fondi. CasaBottega è realizzato con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del Bando CivICa, progetti di Cultura e Innovazione Civica, della Città di Torino - Divisione Decentramento, Servizi Culturali e Amm.vi, Giovani e Pari Opportunità - Torino Creativa e della Circoscrizione 6. Tuttavia, considerate le ingenti spese elencate questa cifra risulta essere una minima parte di quella necessaria per avviare lo spazio e assicurare che il costo d’accesso alle attività proposte rimanga popolare o nullo. Per questo chiediamo il vostro supporto!

Il progetto ha già ricevuto l'endorsement di diverse realtà culturali del territorio nonché di alcuni professori dell’università di Torino e di enti di formazione professionale che si sono dimostrati disposti all’organizzazione di attività, alcune delle quali già definite. Fra questi: Pietra Tonale, Salgari Records, TUM, PopEye, Camera Oscura Diffusa, Torino Modulare, Corrupted Visions, Entrophi, Rythme, Musiclab,  Mucho Mas, Sideshape Recordings.

E’ possibile scaricare il progetto completo al seguente link

Chiunque volesse partecipare alla realizzazione di questa idea mettendo a disposizione competenze, conoscenze, materiali o qualsiasi altra risorsa utile non esiti a contattarci al seguente indirizzo:

stasis172@gmail.com

Comments (13)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Alberto DAIDAIDAIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII DAJJEFORTNCULOREGAAAAAAAAAAAAAAA
    • MF
      Marta Tommaso stupido
      • avatar
        Gabriele Daje forte!
        • avatar
          Pietro Forza Stasis...fino alla vittoria!
          • EF
            Elvira Forza ragazzi
            • FS
              Francesco V. Daje forte ragazzi!
              • RA
                Ricky solo il meglio <3
                • avatar
                  Lorenzo Daje forteeeeeeeeeeee
                  • DM
                    Danilo Vi seguo con curiosità da un pò! Ad averne di idee e di spazi così. In bocca al lupo
                    • avatar
                      Gisella bellissimo progetto! complimenti e auguri

                      Questo progetto ha segnalato obiettivi di sviluppo sostenibile

                      Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) costituiscono una serie di 17 obiettivi concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite.

                      11. Città e comunità sostenibili

                      Città e comunità sostenibili:creare città sostenibili e insediamenti umani che siano inclusivi, sicuri e solidi.

                      12. Consumo e produzione responsabili

                      Utilizzo responsabile delle risorse: garantire modelli di consumo e produzione sostenibili.

                      Vuoi sostenere questo progetto?