or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

SPORTINSIEME PER L'AFRICA Una scuola per molti

A campaign of
Roberta Bonini

Contacts

A campaign of
Roberta Bonini

SPORTINSIEME PER L'AFRICA
Una scuola per molti

SPORTINSIEME PER L'AFRICA Una scuola per molti

Support this project
0%
  • Raised € 0.00
  • Sponsors 0
  • Expiring in 336 days to go
  • Type Donation  
  • Category Community & social
  • Obiettivi
    4. Istruzione di qualità

A campaign of 
Roberta Bonini

Contacts

The project

" L’istruzione non serve a fuggire dalla povertà, è un modo per combatterla "

Julius Nyerere, padre fondatore della Tanzania.

Parlare di Africa ci fa cadere in luoghi comuni, in frasi già sentite e ripetute alla nausea, alimentando un’idea sbagliata di persone, luoghi ed abitudini diversi dal nostro. Grazie ai miei viaggi effettuati in più paesi africani ho vissuto la bellezza di questi ambienti e il contatto con questi popoli: ho visto sorrisi, umanità, dignità e desiderio di riscatto, nonostante disagi e difficoltà quotidiane di molto lontane dai nostri comfort.

L’Africa è nel mio cuore ogni giorno.

Da tempo desideravo intraprendere un’azione di solidarietà diretta; due anni fa ho incontrato un ragazzo Maasai che abita in un villaggio nelle foreste della Tanzania (nella regione di Tanga, vicino ad Handeni): Taiko, una persona affidabile, di grande valore morale e di gran cuore. Le sue idee da imprenditore, il desiderio di migliorare la vita del suo popolo e la sua convinzione che investire nell’istruzione delle generazioni future sia l’unico modo per cambiare la vita del popolo Maasai mi hanno subito coinvolto.


Il villaggio è composto da alcune famiglie: non hanno acqua potabile nè risorse idriche, così come luce elettrica, servizi sanitari, scuole strade; ho subito inviato indumenti, medicinali generici e materiale didattico per la scuola più vicina al villaggio, a Mbogoi, che accoglie i bambini di vari villaggi; la lettera di risposta del Preside scuola mi ha indotto a coinvolgere i bambini e i genitori delle classi nelle quali insegnavo in un progetto ambizioso.

Abbiamo raccolto altri indumenti , giochi , materiale per la scuola , divise e palloni da calcio; alcune mamme particolarmente sensibili mi hanno aiutato a finanziare la costruzione di un bacino per la raccolta di acqua piovana e così risolvere il perenne stato di SICCITA’. Il villaggio ha contribuito con la vendita di bestiame e i lavori sono stati seguiti con attenzione giornaliera e le spese documentate da Taiko.

Le donne e i bambini non debbono più percorrere chilometri per un sorso d’acqua, grazie al “ Lago delle Mamme ” (così è stato battezzato). Taiko ha messo a disposizione il lago anche agli abitanti dei villaggi limitrofi, in segno di generosità e fratellanza.

Nel frattempo, io e mio marito abbiamo appoggiato il nostro amico fornendo consigli tecnici ed aiuti economici per iniziare un’attività agricola : più posti di lavoro per tutti e una vita migliore.


Le famiglie Maasai hanno sempre abitato le foreste degli altipiani e vissuto esclusivamente dell’allevamento di bovini transumanti: hanno quindi bisogno di grandi estensioni di terre per i pascoli. Oggi sono stati allontanati dai Parchi, faticano a trovare territori liberi dove portare le mandrie alla ricerca di cibo e acqua a causa delle colture private e non sono un popolo con potere politico. I giovani hanno perciò preso il coraggio a due mani e capito la necessità cambiare le loro antiche abitudini, pur mantenendo vive le tradizioni del loro popolo, per sopravvivere: diventarono così sedentari: allevatori e agricoltori, per ricavare denaro dalla vendita dei loro prodotti; ma hanno bisogno di sapere come fare: hanno bisogno di istruzione.

I bambini Maasai frequentano a fatica la scuola : le strutture sono lontane, dopo chilometri di strade polverose che attraversano la savana; manca lo spazio per tutti nelle classi; né i bambini né gli insegnanti hanno i materiali necessari per la più semplice delle lezioni, dai gessetti ai quaderni.


Così io e Taiko ci siamo detti “ Costruiamo una scuola ”: questa raccolta serve per trovare i fondi necessari alla costruzione di una piccola scuola nel villaggio, che permetta ai bambini Maasai più piccoli di imparare la lingua swahili (lingua ufficiale) e l’inglese.

Due aule per le classi, una piccola sala insegnanti e il minimo dell’arredamento necessario a fare lezione: questo è tutto ciò che ci serve per realizzare il sogno di molti bambini senza diritto allo studio. Il popolo Maasai sta facendo tutto il possibile per terminare la scuola, ma ci serve aiuto!

FARE per CAMBIARE è POSSIBILE : basta CREDERCI e INIZIARE .

Il passo successivo sarà aggiustare e ampliare la scuola di Mbogoi e mantenere il rifornimento di materiale didattico, indumenti e giochi per i bambini. Così magari un giorno tra le due scuole nascerà una rete scolastica, per quanto piccola molto significativa, nel segno della collaborazione e della crescita personale dei giovani.

Con un “soldino” alla volta e con un piccolo contributo di tanti, si possono acquistare mattoni, sollevare pareti e costruire il futuro di tanti bambini che, con l’istruzione, potranno migliorare le loro condizioni di vita e potranno essere gli artefici del futuro del fiero popolo a cui appartengono.

Obiettivo di raccolta: €5.000,00.

Comments (0)

Per commentare devi fare

    Questo progetto ha segnalato obiettivi di sviluppo sostenibile

    Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) costituiscono una serie di 17 obiettivi concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite.

    4. Istruzione di qualità

    Istruzione di qualità: garantire a tutti un'istruzione inclusiva e promuovere opportunità di apprendimento permanente eque e di qualità.

    Vuoi sostenere questo progetto?