oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Recupera la tua password

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Password inviata

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

#SPESEMILITARI - Campagna di informazione sulle spese militari italiane

9
sostenitori
13
giorni rimanenti

Generali e vertici della Difesa continuano a lamentare pesanti tagli alle spese militari italiane chiedendo di investire maggiori risorse per le forze armate come ordinano USA e NATO.

 

Le ricerche dell’Osservatorio MIL€X (pubblicate nel Primo rapporto sulle spese militari italiane (presentato alla Camera lo scorso 15 febbraio) dimostrano invece che le spese militari italiane continuano a crescere (+21% nelle ultime tre legislature) e superano ormai i 23 miliardi l’anno (cioè 64 milioni al giorno).

Cresce soprattutto la spesa in armamenti (missili, bombe, carri armati, cacciabombardieri, navi da guerra), aumentata del 77% nelle ultime tre legislature, oggi superiore ai 5 miliardi l’anno.  

Armamenti costosissimi e logisticamente insostenibili (mancano i soldi per manutenzione e carburante) e soprattutto non rispondenti a reali esigenze di sicurezza nazionale (le bombe non servono a contrastare il terrorismo, semmai a fomentarlo) bensì a interessi dell’industria bellica straniera e nazionale e della lobby politico-militare che la sostiene.

Si pensi ai cacciabombardieri nucleari F-35 (14 miliardi), alle nuovi navi da guerra della Marina (5,4 miliardi) e alle centinaia di nuovi carri da combattimento per l’Esercito (5,5 miliardi). Acquisti di armi voluti dal complesso militare-industriale e autorizzati dal Parlamento sulla base di informazioni fuorvianti se non false.

Acquisti di armi che servono a promuovere l’export bellico all’estero, soprattutto a Paesi mediorientali e africani, e che si mantengono solo con i fondi per le missioni all’estero. E che quindi, lungi dall’aumentare la nostra sicurezza, fomentano insicurezza, guerre e spingono anche l’Italia a parteciparvi.

La tematica delle spese militari nel nostro Paese, checontinuano a crescere grazie a nuovi stanziamenti, è troppo importante per la collettività per rimanere dominio di una ristretta cerchia di persone. L’intera cittadinanza deve essere informata e consapevole per poter giudicare e correggere scelte politiche di investimento di denaro pubblico non rispondenti all’interesse generale.

 

Per questo l'Osservatorio MIL€X ritiene urgente fare unsalto di qualità, intraprendendo un’attività di diffusione pubblica dei dati e di coinvolgimento attivo della cittadinanza sul tema spese militari italiane attraverso una campagna di informazione che sia in grado di raggiungere una vasta platea di pubblico attraverso la televisione e i social media. A tal fine è necessario ricorrere a una serie di efficaci strumenti comunicativi ad hoc realizzati in maniera professionale:

- Infografiche d’impatto capaci di comunicare in maniera diretta edefficace le informazioni più importanti e critiche inerenti alle spese militari italiane

- Video informativo di animazione grafica sulle spese militari italiani a scopo di messa in onda televisiva e circolazione virale sui social

- Incontro nazionale aperto al pubblico e trasmesso in diretta streaming sulle spese militari italiane, con la partecipazione di analisti, decisori politici ed esponenti della Difesa (tanto più rilevante se dovesse avvenire a ridosso del periodo di campagna elettorale, con il coinvolgimento dei potenziali ministri della Difesa dei diversi schieramenti politici).

Tutto questo ha un costo elevato, e per questo abbiamo bisogno del tuo sostegno!

 

  • DA
    Domenico
    1 mese, 1 settimana fa
    Grazie Francesco, abbiamo un bisogno disperato di chiarezza e lucidità.
  •    

    per commentare devi fare login
    • AMICIZIA

      Il nome del sostenitore comparirà nella sezione "Ringraziamenti ai sostenitori" nella pagina del sito dell’Osservatorio MIL€X (milex.org) dedicata al progetto.

      25.00
    • RILANCIO

      Il nome del sostenitore comparirà nella sezione "Ringraziamenti ai sostenitori" nella pagina del sito dell’Osservatorio MIL€X (milex.org) dedicata al progetto.
      Al sostenitore verrà inviata copia digitale del “Primo Rapporto MIL€X sulle Spese Militari Italiane”.

      50.00
    • SOSTEGNO

      Il nome del sostenitore comparirà nella sezione "Ringraziamenti ai sostenitori" nella pagina del sito dell’Osservatorio MIL€X (milex.org) dedicata al progetto.
      Al sostenitore verrà inviata copia digitale del “Primo Rapporto MIL€X sulle Spese Militari Italiane” e del “Secondo Rapporto MIL€X sulle Spese Militari Italiane” in uscita ad inizio 2018.

      100.00
    • PARTECIPAZIONE

      Il nome del sostenitore comparirà nella sezione "Ringraziamenti ai sostenitori" nella pagina del sito dell’Osservatorio MIL€X (milex.org) dedicata al progetto.
      Al sostenitore verrà inviata copia digitale del “Primo Rapporto MIL€X sulle Spese Militari Italiane” e del “Secondo Rapporto MIL€X sulle Spese Militari Italiane” in uscita ad inizio 2018.
      In aggiunta, gli autori garantiranno la loro partecipazione gratuita (con solo copertura costi viaggio) ad iniziative di divulgazione pubblica (presentazioni, convegni, tavole rotonde).

      500.00