or

Register with your email address

Oppure, solo se sei una persona fisica (NO azienda/associazione), puoi scegliere anche di registrarti con i social:

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Spese legali dei prigionieri palestinesi in Italia

A campaign of
Associazione Amicizia Sardegna-Palestina

Contacts

A campaign of
Associazione Amicizia Sardegna-Palestina

Spese legali dei prigionieri palestinesi in Italia

Spese legali dei prigionieri palestinesi in Italia

Support this project
100%
  • Raised € 3,015.00
  • Sponsors 37
  • Expiring in 319 days to go
  • Type Donation  
  • Category Community & social

A campaign of 
Associazione Amicizia Sardegna-Palestina

Contacts

The project

Nel momento in cui Israele è sotto accusa per genocidio alla Corte Internazionale di Giustizia, in Italia è stata avanzata una richiesta di estradizione per Anan Yaeesh, un palestinese residente in Italia dal 2019. Nonostante testimonianze di torture nelle carceri israeliane, il Ministro di Grazia e Giustizia Italiano ha disposto l’arresto di Anan a fini estradizionali.

Alla vigilia della seduta della Corte d’Appello de L’Aquila, che ha respinto la richiesta di estradizione per il concreto rischio di torture, le autorità italiane hanno disposto misure cautelari ad Anan e insieme a lui a due suoi coinquilini, Ali Irar e Mansour Doghmosh, con l’accusa di associazione terroristica (270bis, in una manovra palesemente politica che riflette la collaborazione tra Italia e Israele nella repressione della resistenza palestinese.

Questo caso rappresenta l’espressione più diretta di un’ampia campagna di criminalizzazione della resistenza e del movimento di solidarietà con la Palestina, una campagna repressiva in atto da anni ed intensificatasi con l’inizio dell’ultima aggressione israeliana a Gaza. La detenzione di Anan, Ali e Mansour è un chiaro segnale di questa volontà: nel pieno dispiegarsi della violenza colonialista israeliana, un fronte di diretta repressione della resistenza palestinese si apre anche sul nostro territorio.

Chiediamo il vostro supporto per raccogliere fondi per le spese legali di questo processo e per sostenere le necessità primarie di Anan, Ali e Mansour in carcere. È di fondamentale importanza portare avanti questa battaglia politica, non solo per il loro caso, ma per arginare la campagna di repressione che ha visto l’attuale governo accanirsi, ancor più di chi negli ultimi decenni li ha preceduti, contro la lotta per l’autodeterminazione del popolo palestinese.

Libertà per Anan, Ali e Mansour!
La resistenza non si processa!
La resistenza non si arresta!

Comments (7)

To comment you have to
  • FD
    Scuola Moussa Balde-Paratod@s Un sostegno e un saluto ad Anan, Ali e Mansour dalla scuola di italiano Moussa Balde del laboratorio autogestito Paratod@s
    • avatar
      Michela La resistenza è legittima, l’occupazione no.
      • VS
        Valerio da CIRC internazionale - Germania
        • avatar
          Marina Palestina libera!!!!!🇵🇸🇵🇸🇵🇸
          • hv
            hvale ci siamo per tutto il tempo che servirà
            • JY
              Joe-Alexy Yalla
              • DM
                Davide Grazie

                Vuoi sostenere questo progetto?