oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Network di Arci

Sostieni il Festival Resistente

Una campagna di
Festival Resistente

Contatti

Una campagna di
Festival Resistente

Sostieni il Festival Resistente

Sostieni questo progetto
65%
  • Raccolti € 3.930,00
  • Obiettivo € 6.000,00
  • Sostenitori 56
  • Scadenza 12 giorni rimanenti
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Eventi & festival

Una campagna di 
Festival Resistente

Contatti

Il Progetto

Sostieni il Festival Resistente

Il Circolo Arci “Associazione Festival Resistente” ha deciso di lanciare una campagna di Crowdfunding in vista della XX edizione del Festival Resistente, che si terrà a Grosseto dal 20 al 25 aprile 2018 in occasione della Festa della Liberazione.

Il Festival Resistente è un caleidoscopio di musica , teatro , poesia , incontri e volontariato , e costituisce per il territorio della Maremma, ma non solo, un appuntamento immancabile per condividere e promuovere i valori e gli ideali dell’antifascismo e della Costituzione .

In questi venti anni quello che ci ha fatto andare avanti è stata soprattutto la tenacia, e la volontà di costruire non semplicemente un evento, ma un luogo che riuscisse ad essere abitato da tutte le generazioni, capace di rispondere ad un bisogno di cultura e di socialità in cui abbinare al momento della festa e del divertimento quello della riflessione e della crescita collettiva .

Il Festival Resistente , che ha ricevuto importanti riconoscimenti, anche dalla Presidenza della Repubblica, nei suo primi dieci anni ha itinerato tra i luoghi della Memoria, e dal 2007 si svolge nel cuore della città di Grosseto, nei suggestivi spazi del Cassero senese, grazie alla co-organizzazione della locale amministrazione comunale.

Nell’ultimo anno purtroppo le cose sono cambiate . Oggi il Comune di Grosseto è retto da una maggioranza composta da forze di estrema destra e lo stesso Sindaco non ha mai preso le distanze da certe forze o posizioni.

E’ una situazione che riteniamo grave e intollerabile , che ci ha infine indotti a rinunciare alla co-organizzazione del Comune di Grosseto, pur consapevoli che questa nostra scelta comporterà la rinuncia anche ad importanti benefici, e potrà mettere in pericolo la stessa sopravvivenza del Festival Resistente.

Per questo ti chiediamo un impegno, anche piccolo, per il Festival Resistente.

Ti chiediamo una donazione per consentire al Festival Resistente di continuare a esistere: come sempre

LIBERO , INDIPENDENTE e ANTIFASCISTA

Sostieni il Festival Resistente

Hanno partecipato al Festival Resistente, anno dopo anno, 25 aprile dopo 25 aprile…

Accordi e Disaccordi trio, Alberto Patrucco, Alfio Cavoli, Alì Rashid, Andrea Lanzini, Angela Batoni, Bobo Rondelli, Bottega dei Mestieri Teatrali, Carlo Sciannameo, Clan e Chyna, Claudio e Uachupè, Compagnia Saltapalchi, Comunità del Mediterraneo, Coro degli Etruschi, David SoulCrew Bardelli, Dj Pravda, Don Alessandro Santoro, ElectricBop Quintet, Elisabetta Lanfredini, Federico Borselli, FFD, Figli di Madre Ignota, Folkabbestia, Francesco Chioccon, Gaetano Santoro, Gallara, Giancarlo Ilari, Gianmaria Testa, Gioachino Lanotte, Giulio Cavalli, I Briganti di Maremma, I'm Not Your Dj, I Matti delle Giuncaie, I Napoleoni, I Partigiani del Rock, I Sonatori della Boscaglia, Introducers, Il Pan Del Diavolo, Kento, Khorakhanè, Laura Balbo, Leonardo Libenzi, Luca Bonelli, Lucio Corsi, Lucio Niccolai, Luoghi Comuni, Magnapasta, Marcello Baraghini, Marco Giuliani, Maremma Strega Pizzica Band, Maria Caterina Frani, Mario Cardinali, Mariposa, Marmaja, Matteo Rovere, Mirko Gallara, Moni Ovadia, Mr Gongi e le Scatole di Taos, Naif, Niccolò Storai, Ostinati e Contrari, Officine Libertà, Paolo Migone, Pardo Fornaciari, Piero Bronzi Quartet, Luca Pirozzi, Saverio Tommasi, Scaramouche, Scat Plaza, Selton, Sergio Staino, Shafy, Simone Cristicchi, Stefano Stefani, Teatro Studio, The Gang, The Zen Circus, Tamales de Chipil, Teatro Schabernack, Teatro Studio, Tétes de Bois, Tito and the Brain Suckers, Titta Nesti Quintet, Tommaso Urselli, Tonino Carotone, Vincanto, Yo Yo Mundi, Zastava Orkestar e tanti, tanti altri...

Hanno partecipato al Festival ResistenteHanno partecipato al Festival ResistenteHanno partecipato al Festival ResistenteHanno partecipato al Festival ResistenteHanno partecipato al Festival ResistenteHanno partecipato al Festival Resistente

IL FESTIVAL RESISTENTE

Il Circolo Arci 'Associazione Festival Resistente' nasce a Grosseto dall'impulso di un gruppo di giovani che, all'inizio degli anni Novanta, dette vita al Coordinamento Studentesco Antifascista con l'intento di diffondere la cultura e i valori della Resistenza.

"Gli stati possono vincere le guerre, l'umanità ne è sempre sconfitta"

Così recita la lapide che, grazie all'iniziativa del Coordinamento Studentesco Antifascista, nel 1993 venne posata sulle mura medicee, in piazza Esperanto, in occasione del 50° anniversario della 'strage di pasquetta', a ricordo del bombardamento alleato che straziò la città di Grosseto il 26 aprile 1943 e nel quale morirono 134 persone tra cui molte donne e bambini.

Inizia così in seno al gruppo studentesco un lavoro di recupero della memoria e delle testimonianze storiche sui fatti principali che hanno caratterizzato la storia della provincia di Grosseto negli anni quaranta, che sfocia nella progettazione di una manifestazione culturale da realizzarsi annualmente in occasione della Festa nazionale della Liberazione.

I promotori del Comitato coinvolgono nel progetto l'ARCI - Comitato Provinciale di Grosseto, che accetta e appoggia fin da subito l'iniziativa, oltre ai due soggetti presenti nel territorio della provincia di Grosseto che si occupano nello specifico delle tematiche legate alla Resistenza, ovvero l'ISGREC (Istituto Storico Grossetano della Resistenza e dell'Età Contemporanea) e l'ANPI – Comitato Provinciale di Grosseto (Associazione Nazionale Partigiani d'Italia).

Nasce così il "Festival Resistente" e la prima edizione si celebra a Bagno di Gavorrano nel 1997. Con qualche pausa dovuta a mancanza di fondi (2000, 2001) il Festival prosegue la sua strada organizzato e sostenuto dagli stessi soggetti coinvolti fin dalla prima manifestazione.

IL FESTIVAL RESISTENTEIL FESTIVAL RESISTENTE

Associazione Festival Resistente

Il Circolo Arci 'Associazione Festival Resistente' si costituisce formalmente nel 2005, raccogliendo l'eredità umana e organizzativa del Coordinamento Studentesco Antifascista che, a sua volta, fin dai primi Novanta aveva promosso importanti iniziative sui temi della Resistenza (compresa l'ideazione e la realizzazione del Festival Resistente) ed il cui 'nucleo storico' è ancora oggi parte dell'Associazione Festival Resistente.

Sono scopi e finalità dell'Associazione contribuire: «alla promozione sociale e allo sviluppo culturale e civile dei lavoratori e dei cittadini, ed alla sempre più ampia diffusione della democrazia e della solidarietà nei rapporti umani e fra i popoli, alla pratica e alla difesa delle libertà civili, individuali e collettive; a tramandare la memoria della Resistenza italiana al nazifascismo e dunque a promuovere la conservazione e la valorizzazione del patrimonio storico, politico e culturale dell'antifascismo e della resistenza, valore fondante, nella sua perenne attualità, dell'ordinamento costituzionale» (Statuto, art. 3).

L'Associazione non ha fini di lucro ed opera su base esclusivamente e rigorosamente volontaristica. L'Associazione Festival Resistente è federata all'ARCI e aderisce al CESVOT.

IL FESTIVAL RESISTENTEIL FESTIVAL RESISTENTE

Festival Resistente

Per ringraziare e lasciare un ricordo indelebile del contributo dato per rendere possibile e indimenticabile il XX Festival Resistente, abbiamo pensato e realizzato con l'aiuto delle socie e dei soci alcuni riconoscimenti, simbolici e memorabili.

Ogni ricompensa inserita sul progetto è legata alla storia e alla condivisione d'intenti nei valori della Resistenza e della Costituzione Italiana.

Tutti i contributi riceveranno un piccolo ricordo del Festival Resistente, chi potrà e vorrà investire un po' di più nel progetto troverà in cambio un premio di grande valore affettivo e culturale. Vogliamo aggiungere qualche dettaglio sulla loro storia e sui motivi che ce li hanno fatti scegliere.

► Bottiglia di Birra ed. Festival 2018 serie limitata "Birrificio Sociale La Staffetta" (€ 25,00)

Una bottiglia di birra prodotta in edizione limitata dal Birrificio Sociale La Staffetta .

Il birrificio sociale “La Staffetta” nasce nel 2012 dall'idea dei tre fondatori Matteo, Davide e Francesco. Dopo il primo anno di attività, i tre decidono di affiliare la loro associazione all'Arci, assumendo, con un pizzico di orgoglio, la dicitura di “ circolo verde ”. Verde come il colore dei loro studi (tutti laureati alla facoltà di scienze agrarie) e del luppolo, che La Staffetta coltiva sia a Vecchiano, perlopiù a scopo dimostrativo, che soprattutto sul Gargano, dove l'azienda agricola biologica “Vocino”, con la supervisione dei tre, cura la coltivazione di luppolo, orzo e frumento necessari per la produzione.

Il “progetto Staffetta” nasce all'interno dei gruppi d'acquisto solidale e nel distretto di economia solidale trova la sua collocazione naturale, facendo propri i concetti più cari allo scambio etico : filiera corta, sostenibilità ambientale, rispetto e valorizzazione del lavoro e del volontariato, trasparenza e accessibilità dei prezzi.

Insieme alla bottiglia di birra abbiniamo la spilla del Festival Resistente, le due Cartoline edizione limitata, i pdf delle due edizioni del bando letterario e due consumazioni presso il Bar del Festival.

► La Sportina del Festival Resistente e un Biglietto Gratuito per l'edizione 2018 di Festambiente (€ 50,00)

Una sportina è per sempre... porta con te la sportina del Festival al mare, in montangna... anche in collina...

La nostra sportina non è un sacco vuoto, arriva colma di sorprese Resistenti e diventerà una perfetta alleata per combattere l'avvelenamento da abuso di buste di plastica!

Dentro alla sportina targata Festival Resistente troverai la bottiglia di birra del birrificio sociale La Staffetta, un biglietto gratuito per Festambiente 2018  la spilla del Festival Resistente, le due Cartoline edizione limitata, i pdf delle due edizioni del bando letterario e ben tre consumazioni presso il Bar del Festival.

► Maglia Festival Resistente (€ 75,00)

Una maglia per ricordare venti anni di impegno antifascista, disponibili modello uomo e donna in qualsiasi taglia.

Una maglia da sfoggiare per mettere in chiaro subito la squadra con cui combattere e che si adatta a tutte le occasioni. In puro cotone 100% dà il meglio come maglia estiva ed è adattissima per proteggersi dal freddo sotto gli abiti invernali.

Con la maglia riceverai la sportina del Festival, la bottiglia di birra del birrificio sociale La Staffetta, un biglietto gratuito per Festambiente 2018  la spilla del Festival Resistente, le due Cartoline edizione limitata, i pdf delle due edizioni del bando letterario e una consumazione presso il Bar per ogni giorno del Festival.

► Amaro Partigiano (€ 100,00)

Dalla Lunigiana l'Amaro Partigiano, il liquore di erbe dei boschi resistenti .

Archivi della Resistenza di Fosdinovo (MS) e RI-MAFLOW di Trezzano sul Naviglio (MI) si incontrano per realizzare “Amaro Partigiano”, un progetto sociale di autoproduzione e di creazione di lavoro etico .

Grazie a una campagna crowdfunding proprio su questo portale sono stati raccolti i fondi per produrre la prima tiratura ufficiale  di bottiglie dell’amaro e per costruire un liquorificio sociale.

Il liquorificio servirà a creare posti di lavoro all’interno della fabbrica abbandonata dal padrone e recuperata in forma autogestita dai suoi lavoratori e dalle sue lavoratrici. E questa struttura sarà sempre sociale, ovvero la sua funzione sarà anche quella di promuovere la sovranità alimentare: permettere alle realtà militanti di appoggiarsi in futuro al laboratorio per produrre i propri liquori e destinare il ricavato per il sostegno e l’autofinanziamento alle lotte e alle reti conflittuali nel quadro della costruzione di alternative al sistema di produzione corrente. Amaro Partigiano nasce come progetto no profit e anche in futuro tutto il ricavato delle vendite servirà a sostenere il progetto della fabbrica recuperata e le atività di Archivi della Resistenza, come il festival della Resistenza “Fino al cuore della rivolta”  e il Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo.

Insieme all'Amaro Partigiano avrai come ricompensa la maglia del Festival, la sportina del Festival, la bottiglia di birra del birrificio sociale La Staffetta, un biglietto gratuito per Festambiente 2018  la spilla del Festival Resistente, le due Cartoline edizione limitata, i pdf delle due edizioni del bando letterario e una cena al Festival (antipasto, piatto principale, dolce).

► Visita Guidata all' Istituto Storico Grossetano della Resistenza e dell'Età Contemporanea (€ 200,00)

L’Istituto storico grossetano della Resistenza e dell’età contemporanea Onlus (ISGREC) è un’associazione culturale senza scopo di lucro, associata alla rete dell’Istituto nazionale Ferruccio Parri.

Tra gli scopi statutari: ricerca su temi di storia contemporanea, raccolta di memorie e testimonianze, protezione e promozione del patrimonio culturale e del territorio, elaborazione di strumenti per la comunicazione, la divulgazione e la didattica. Una particolare vocazione riguarda la relazione tra memorie europee e locali , migranti e migrazioni , conoscenza e comprensione di diritti umani e principi di pari opportunità e di non discriminazione.

Esperienze recenti con partner di altri paesi europei nell’ambito di progetti Erasmus Plus e Europe for Citizen hanno arricchito conoscenze e competenze. L’Istituto ha una biblioteca specializzata in storia contemporanea di circa 10.000 volumi, un’emeroteca e molti fondi archivistici aperti al pubblico; gestisce inoltre un centro documentazione donna, specializzato in studi di genere e pari opportunità.

I risultati della ricerca storica sono divulgati attraverso pubblicazioni, prodotti multimediali, mostre, conferenze. È molto attivo sul web e pubblica una collana di storia contemporanea con una casa editrice locale. L’Isgrec ha al proprio interno una sezione didattica, la cui responsabile è un’insegnante distaccata dal MIUR. I progetti con le scuole su molte tematiche, non solo quelle più strettamente connesse con la storia contemporanea; nell’a.s. 2017-2018 sono stati proposti a insegnanti e studenti 18 diversi progetti didattici che spaziano dalla storia contemporanea a quella moderna, dall’urbanistica e dal rapporto città/campagna alla filosofia insegnata ai bambini, dalle pari opportunità e la lotta alle discriminazioni alle stragi in età repubblicana, dall’antifascismo in Italia e in Europa alla Costituzione…

Lo staff è composto da storici, insegnanti e giovani ricercatori con competenze in storia contemporanea, archivistica, biblioteconomia, didattica, gender culture, media production. L’Istituto è anche sede di servizio civile regionale e tirocini universitari, che interpreta come l’occasione di formare giovani laureati in materie umanistiche per possibili future altre collaborazioni.

Oltre alla visita la ricompensa consiste in una bottiglia di Amaro Partigiano, la maglia del Festival, la sportina del Festival, la bottiglia di birra del birrificio sociale La Staffetta, un biglietto gratuito per Festambiente 2018  la spilla del Festival Resistente, le due Cartoline edizione limitata, i pdf delle due edizioni del bando letterario, una cena al Festival (antipasto, piatto principale, dolce) e una consumazione bar per ogni giornata del Festival.

► Visita Guidata al Museo Cervi (€ 300,00)

Il Festival organizza in luglio una visita guidata al Museo Cervi (Gattatico) .

Il Museo per la storia dei movimenti contadini, dell’antifascismo e della Resistenza nelle campagne si trova nella bassa pianura reggiana, fra i Comuni di Gattatico e Campegine, ed è ambientato nella casa colonica dove la famiglia Cervi arriva nel 1934.

Contadini mezzadri, i Cervi compiono all’inizio degli anni ’30 scelte che si riveleranno fondamentali sia in ambito produttivo sia nel consolidamento di un deciso orientamento antifascista.

Fucilati insieme a Quarto Camurri per rappresaglia nel dicembre del 1943 , la vicenda dei sette figli maschi di Genoeffa e Alcide assume da subito un forte valore simbolico, mentre la loro casa – durante il secondo conflitto mondiale punto di riferimento e di concreto aiuto per antifascisti, renitenti alla leva, e per chi si opponeva alla guerra – diventa la meta privilegiata di tutti coloro che si riconoscono nei valori dell’antifascismo e della democrazia.

Casa Cervi diventa “Museo per la storia dei movimenti contadini, dell’antifascismo e della Resistenza nelle campagne” dopo uno spontaneo processo di trasformazione che si è concluso con il riallestimento del 2002.  Il Museo Cervi permette oggi di riscoprire la storia di questa famiglia, attraverso percorsi di visita nuovi e in costante aggiornamento , sia all’interno delle stanze del Museo, che sul territorio.

Nella visita è compreso il viaggio A/R in pullman e il pranzo.

La ricompensa si compone anche delle visita guidata all'ISGREC, la bottiglia di Amaro Partigiano, maglia del Festival, la sportina del Festival, la bottiglia di birra del birrificio sociale La Staffetta, un biglietto gratuito per Festambiente 2018, la spilla del Festival Resistente, le due Cartoline edizione limitata, i pdf delle due edizioni del bando letterario e una cena al Festival (antipasto, piatto principale, dolce), due consumazioni bar per ogni giornata di Festival.

Sostieni il Festival Resistente

Sostieni questo progetto

Ricompense

Seleziona questa ricompensa
€5.00

Sostengo il Festival Resistente

Due cartoline edizione limitata che rappresentano la storia del Festival Resistente. Oltre a queste, un caloroso abbraccio collettivo, dai soci dell'associazione per il tuo sostegno.

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€10.00

Spilla Festival Resistente

La spilla del Festival Resistente abbinata alle due Cartoline edizione limitata, ai pdf delle due edizioni del bando letterario ed a una favolosa consumazione presso il Bar del Festival

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€25.00

Bottiglia di Birra XX Festival Resistente [Serie limitata "Birrificio Sociale La Staffetta"]

Una bottiglia di birra prodotta in edizione limitata dal Birrificio Sociale La Staffetta.
Prodotta secondo i concetti più cari allo scambio etico: filiera corta, sostenibilità ambientale, rispetto e valorizzazione del lavoro e del volontariato, trasparenza e accessibilità dei prezzi.

La ricompensa include anche la precedente e due consumazioni al Bar Resistente durante il Festival

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€50.00

Sportina del FR + 1 biglietto per Festambiente 2018

Una sportina è per sempre.... porta con te la sportina del Festival al mare, in montangna.... anche in collina....

La ricompensa include anche tutte le precedenti e tre consumazioni al Bar Resistente durante il Festival

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€75.00

Maglia Festival Resistente

Una maglia per ricordare venti anni di impegno antifascista, disponibili modello uomo e donna in qualsiasi taglia.

La ricompensa include anche tutte le precedenti più una consumazione al Bar Resistente per ogni giornata del Festival

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€100.00

Bottiglia di Amaro Partigiano

Dalla Lunigiana l'Amaro Partigiano, il liquore di erbe dei boschi resistenti.
Un progetto sociale di autoproduzione e di creazione di lavoro etico reso possibile da un crowdfunding su ProduzionidalBasso e servito a creare posti di lavoro all’interno della fabbrica recuperata e autogestita dai suoi lavoratori e dalle sue lavoratrici.
Tutto il ricavato delle vendite di Amaro Partigiano servirà a sostenere il progetto della fabbrica recuperata e le attività di Archivi della Resistenza, come il festival della Resistenza “Fino al cuore della rivolta” e il Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo.

La ricompensa include anche tutte le precedenti più una cena completa al Ristorante Resistente durante il Festival

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€200.00

Visita Guidata all'ISGREC

L’Istituto Storico Grossetano della Resistenza e dell'Età Contemporanea ONLUS è un’associazione culturale senza scopo di lucro, associata alla rete dell’Istituto nazionale Ferruccio Parri.

Un luogo di eccellenza per la ricerca e messa in relazione tra memorie europee e locali, migranti e migrazioni, conoscenza e comprensione di diritti umani e principi di pari opportunità e di non discriminazione.

La ricompensa include anche tutte le precedenti più una cena completa al Ristorante Resistente e una consumazione al Bar per ogni giornata del Festival

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€300.00

Visita Guidata al Museo Cervi

Visita guidata al Museo Cervi di Gattatico in Luglio 2018, compreso il viaggio A/R in pullman e il pranzo. 

Un viaggio nella storia e nei valori della Resistenza nelle campagne, con percorsi di visita costantemente aggiornati.

La ricompensa include anche tutte le precedenti più una cena completa al Ristorante Resistente e due consumazioni al Bar per ogni giornata del Festival

Scegli

Commenti (6)

Per commentare devi fare
  • lc
    lorenzo  Ora e sempre e reistenza! ci si vede a Grosseto
    • avatar
      Filippo  Ora più che mai..RESISTENZA!
      • GC
        Giulio  RESISTERE RESISTERE RESISTERE
        • GT
          Giulia  Daje forte!!!
          • GF
            Giacomo  Un saluto resistente!
            • avatar
              Romina  Sempre e comunque resistere!

              Community

              Vuoi sostenere questo progetto?