or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Sinestesia Cairo'13

A campaign of
Maged El Mahedy

Contacts

A campaign of
Maged El Mahedy

Sinestesia Cairo'13

Campaign ended
  • Raised € 570.00
  • Sponsors 17
  • Expiring in Terminato
  • Type Donation  
  • Category Documentaries and inquiries

A campaign of 
Maged El Mahedy

Contacts

The project

Il progetto nasce da una lunga gestazione intellettuale-esistenziale che affonda le sue radici nella mia infanzia. L'esigenza di rappresentare questo Egitto in cambiamento, un paese in cui ho trascorso i primi venticinque anni della mia vita, pieno di contraddizioni, é nata già con la primavera araba del 2011, dalla quale é scaturito il mio primo lavoro "I don't speak good, I dance better", premiato al Torino Film Festival 2012 come migliore film documentario. Quando nel 2013 il colpo di stato contro Morsi ha scosso il paese nuovamente sono partito per l'Egitto con la consapevolezza di voler portare sullo schermo immagini di viva memoria audiovisiva. Il progetto si pone non solo come documentario socio politico sugli accadimenti del 2013, ma come una memoria personale che inizia con il suono della Rababa - uno strumento tipico in Egitto composto da un legno e una scatoletta di tonno vuota - e il rombo dei caccia che sentivo da bambino. Si tratta di un dialogo immaginario tra il protagonista e la Sfinge in un racconto che si snoda, prevalentemente al Cairo, con alcuni frammenti girati a Roma,  attraverso immagini live inedite della rivoluzione e ricordi del mio passato. Il titolo "Sinestesia. Cairo '13" sta a rappresentare il concetto di contaminazione, nella più positiva accezione culturale estetica e sociale. L'opera nasce dalla mia esperienza di cittadino e di cineasta, dalla mia memoria personale, ma credo possa rappresentare una visione stimolante di accadimenti storici il cui corso é ancora incerto e controverso.

SINOSSI

É il 2013 e l'Egitto viene investito, a distanza di soli due anni dalle primavere arabe, da una nuova agitazione. Il popolo si scaglia contro  Mohamed Morsi, primo presidente democraticamente eletto nel giugno 2012, esponente del partito dei fratelli Musulmani, scendendo in piazza e spaccando di fatto in due il Paese. Il presidente Morsi verrà deposto nel luglio 2013. Sinestesia. Cairo '13 é un documentario socio-politico della durata di 70', che affronta quello che viene chiamato dall'Occidente "colpo di stato" e dall'Egitto "rivoluzione". Girato in tempo reale tra Roma e soprattutto il Cairo, l'opera viene raccontata attraverso lo sguardo di un cineasta egiziano immigrato in Italia, Maged El Mahedy, che racconta in diretta quei giorni, attraverso un originale punto di vista oscillante tra nostalgia e integrazione verso un paese che ha lasciato da un quarto di secolo e di cui ricorda il suono della Rababa e il rombo della caccia che hanno dominato la sua infanzia. Un racconto di memoria sonora tra il protagonista e la Sfinge.

PERCHE' di una raccolta fondi

La realizzazione di un film documentario è un'operazione che generalmente coinvolge numerosi soggetti, tra cui un produttore e un distributore. Questo progetto è stato realizzato soltanto grazie alla tenacia e all'esperienza del regista che lo ha scritto, girato e prodotto senza alcun aiuto pratico e supporto finanziario. Purtroppo il progetto ha avuto continui stop and go per carenza di risorse. Adesso siamo ad un passo dal traguardo, ma manca una delicata fase di post produzione, quella del montaggio del suono, particolarmente importante in un progetto che come questo vuole caratterizzarsi proprio come percorso di memoria audiovisiva, e quindi anche sonora.

Il vostro sostegno è la nostra chiave di volta.

L'AUTORE

Maged El Mahedy è un regista egiziano. Venuto in Italia oltre 25 anni fa, dopo una laurea in filosofia, spinto da una grande passione per la settima arte, ha studiato cinema presso la scuola di Marco Bellocchio. Autore di numerosi cortometraggi ha esordito con il suo primo documentario nel 2012: "I don't speak good, I dance better", premiato al Torino Film Festival 2012 come miglior film documentario. Qui vi proponiamo il trailer . Piace qui sottolineare che anche il primo film è stato interamente realizzato solo grazie alla tenacia di Maged senza alcun contributo esterno.

Comments (5)

Per commentare devi fare
  • MB
    Marco fatto! Buona fortuna con il crowfunding; mi sembra un'ottimo progetto da supportare
    • MD
      Maria Teresa un progetto davvero meritevole! in bocca al lupo
      • SC
        Stefano In bocca al lupo!
        • AH
          Allan Unfuckingbelievable!
          • LD
            Leonardo Si tratta con tutta evidenza di un progetto importante dal punto di vista artistico e culturale, che viene da un documentarista di talento. Lo sostengo con convinzione.