or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Sextival 2022 | Il festival della salute ed educazione sessuale

A campaign of
Nassa Rapallo

Contacts

A campaign of
Nassa Rapallo

Sextival 2022 | Il festival della salute ed educazione sessuale

Support this project
54%
  • Raised € 3,242.00
  • Target € 6,000.00
  • Sponsors 116
  • Expiring in 52 hours to go
  • Type Keep it all  
  • Category Events & festivals
  • Obiettivi
    3. Salute e benessere
    5. Uguaglianza di genere
    10. Ridurre le disuguaglianze

A campaign of 
Nassa Rapallo

Contacts

The project

Sesso. Sessualità. Piacere. Erotismo. Identità di genere. Malattie sessualmente trasmissibili.

C’è qualcosa che si scuote nella vostra pancia a leggere queste parole all’inizio di un testo per un crowdfunding? Non è strano. Perché, in pubblico, non se ne parla. Di sesso, di piacere, di erotismo, se ne parla di nascosto, in privato: come se ci fosse qualcosa di cui vergognarsi. Sui palchi, di informazione sessuale non se ne parla mai. Ed è cosi che si diffonde una pericolosa ignoranza. 
Ma partiamo dalle basi.

Chi siamo – e come siamo finitə a parlare di sessualità?

Il progetto Nassa nasce nel 2019 a Sestri Levante (Genova), per poi espandersi anche a Chiavari un anno dopo, con l’obiettivo di raccogliere le idee dellə giovani del territorio, promuoverle e realizzarle. Nassa Rapallo, nata a febbraio del 2021, è la più recente delle tre associazioni al momento attive nel Tigullio. Noi nassarolə operiamo collettivamente con l’intento di creare un territorio all’altezza delle nostre idee, attraverso un dialogo inclusivo tra persone differenti, perché convintə che ognunə abbia il diritto e il dovere di potersi mettere in gioco per concretizzarle.

Ad inizio partita abbiamo preparato dei sondaggi per comprendere gli interessi della popolazione giovanile nel nostro territorio. Le tematiche relative all’educazione sessuale ricoprivano sempre i primi posti. A conferma di questo interesse e bisogno, nell’ultimo anno, ben due licei della zona – il Liceo Delpino di Chiavari e il Liceo Da Vigo di Rapallo – hanno deciso di organizzare assemblee d’Istituto sulla tematica dell’educazione sessuale, alla cui organizzazione abbiamo volentieri partecipato quando la rappresentanza del liceo rapallese ci ha chiesto un aiuto. Il riscontro pienamente positivo di queste esperienze tigulline ci ha fatto comprendere l’esigenza di organizzare qualcosa per colmare un tangibile e urgente vuoto informativo.

Quali obiettivi abbiamo?

C’è un vuoto informativo, dunque.

Eppure, nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, di cui l’Italia è firmataria assieme agli altri paesi ONU, ai punti 3 e 5 vengono citati obiettivi specifici a proposito di salute sessuale:

3.7 Entro il 2030, garantire l’accesso universale ai servizi di assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva, inclusa la pianificazione familiare, l’informazione, l’educazione e l’integrazione della salute riproduttiva nelle strategie e nei programmi nazionali.
5.6 Garantire l'accesso universale alla salute sessuale e riproduttiva e ai diritti riproduttivi [...]

Nessuno ne parla.
E nel frattempo, i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dimostrano gravi conseguenze legate a questa mancanza di servizi ed informazioni:

...nel 2004, la morte e la disabilità legate alla salute sessuale e riproduttiva rappresentavano quasi un terzo del carico di malattia per le donne in età riproduttiva in tutto il mondo; una donna su quattro nella regione europea ha subito una violenza da parte del partner intimo nel corso della sua vita; lo studio sul comportamento sanitario nei bambini in età scolare ha mostrato che il 21% degli adolescenti a 15 anni è sessualmente attivo, e molti rischiano di contrarre malattie sessualmente trasmissibili o di avere una gravidanza non pianificata non usando i preservativi o metodi efficaci di controllo delle nascite.

Senza contare che i casi confermati di HIV sono quasi raddoppiati in tutta la regione europea tra il 2000 e il 2013.

Nessuno-ne-parla. O quasi. Perché vent’anni fa, nel 2002, l’OMS ha riunito espertə in materia di sessualità da tutto il mondo per “ridefinire la salute sessuale”. E le definizioni – più – di rilievo che sono state prodotte sono due: una è la risposta alla domanda "cosa è la sessualità?"

La sessualità è un aspetto centrale dell'essere umano per tutta la vita e comprende sesso, identità e ruoli di genere, orientamento sessuale, erotismo, piacere, intimità e riproduzione. La sessualità è sperimentata ed espressa in pensieri, fantasie, desideri, credenze, atteggiamenti, valori, comportamenti, pratiche, ruoli e relazioni. Se la sessualità può includere tutte queste dimensioni, non tutte vengono sempre sperimentate o espresse. La sessualità è influenzata dall'interazione di fattori biologici, psicologici, sociali, economici, politici, culturali, etici, legali, storici, religiosi e spirituali.

L’altra è quella centrale nell’obiettivo della conferenza, ovvero la definizione di salute sessuale:

La salute sessuale è uno stato di benessere fisico, emotivo, mentale e sociale in relazione alla sessualità; non è semplicemente l'assenza di malattia, disfunzione o infermità. La salute sessuale richiede un approccio positivo e rispettoso alla sessualità e alle relazioni sessuali, così come la possibilità di avere esperienze sessuali piacevoli e sicure, senza coercizione, discriminazione e violenza. Affinché la salute sessuale sia raggiunta e mantenuta, i diritti sessuali di tutte le persone devono essere rispettati, protetti e soddisfatti.

Esatto. Diritti sessuali. E uno di questi, è proprio il diritto all’informazione e all’educazione sessuale.

Ma dunque, cosa vogliamo fare?

Abbiamo detto che nessuno ne parla? E allora parliamone!

Il  25 e 26 giugno,a Rapallo (GE), nell’area geografica con il tasso di anzianità più alto d’Europa, avrà luogo il Sextival.
Abbatteremo i tabù e le barriere che ci costringono e restringono, non permettendoci di avere accesso ai servizi che possano garantirci livelli accettabili di salute sessuale.
Lə ospiti saranno professionistə che parleranno di sessualità a 360°, con interventi frontali, ma anche attraverso workshop e laboratori, oltre ad una parte serale dedicata a musica ed esibizioni, in modo da creare momenti di aggregazione genuina fra persone con background esperienziali differenti. L'obiettivo a lungo termine è quello di mettere insieme le molte realtà del nostro territorio che già si occupano di salute sessuale e creare delle vere e proprie cassette degli attrezzi che possano guidare le persone nella ricerca di servizi e informazioni riguardanti la propria sessualità. 

Perché un crowdfunding?

Siamo tantə, giovani, con capacità diverse e desbelinatə. Ma siam’ misci.

Il Sextival vuole prima di tutto essere una fonte di informazioni per chiunque, perché i diritti, anche quelli sessuali, non si pagano. Questo significa che chi verrà a seguire l’evento dovrà poterlo fare gratuitamente e che lo spazio disponibile, un classico spazio da sagra, sia privo di barriere architettoniche. Per organizzare tutto questo, ci sono molte spese ad incombere minacciose sulle nostre ambizioni. E ogni giorno spunta nella nostra lista della spesa una voce nuova, che noi mica lo sapevamo, noi mica lo abbiamo mai organizzato un evento del genere. 

Ecco una lista sintetica delle nostre principali spese:

Allestimento festival
Abbiamo da allestire tutto lo spazio a disposizione: i palchi, i posti a sedere, la cucina e tutti i suoi bicchieri bio, oltre all’affitto dei bagni chimici. 
Per coprire queste spese ci servono €1450.

Spese necessarie (tecnicismi e burocrazia)
Abbiamo da pagare le bollette per gas ed elettricità, le assicurazioni, la SIAE, fonicə, piano sicurezza e conformità, e le marche da bollo. Oltre a casseproiettorimicrofoniluci e altre care cose. 
Per questo ci servono invece €1400.

Sponsorizzazione
Per poter diffondere il più possibile questa campagna crowdfunding e la partecipazione all’evento abbiamo bisogno di anticipare parecchi danari. 
La cifra ammonta a circa €600.

Trasferimento e alloggio ospiti
Lə nostrə ospiti parteciperanno pro bono, per sostenere la causa della diffusione della cultura sulla salute ed educazione sessuale. Ciò non significa però che si debbano sobbarcare anche le spese di spostamento ed alloggio, che in alcuni casi possono essere anche piuttosto ingenti, venendo da città fuori Liguria. 
Per coprire queste spese ci servono €1500.

Gadget
Per la creazione dei gadget abbiamo potuto risparmiare molto grazie alla collaborazione con l’associazione DaNoiPerVoi, la quale si occuperà insieme a noi della realizzazione pratica di borse, segnalibri e magliette. Ci sono però le spese di base per procurare i materiali su cui lavorare, oltre alla stampa di adesivi, brochure e altro materiale informativo. 
Per questo avremo bisogno di €990.

Con i restanti 60 euro nel caso raggiungessimo i €6000 previsti dalla raccolta fondi, offriamo una birra allo staff che avrà lavorato duro pre, durante e post Sextival per la realizzazione di tutto questo. Avremo sicuramente bisogno di rinfrescarci un po’.



Come aiutarci?

Puoi lasciarci un contributo economico attraverso questa pagina! Qualsiasi donazione sarà un bene prezioso e siamo gratə a tuttə coloro che decideranno di contribuire. Ovviamente, se non hai la possibilità economica ma desideri darci un sostegno, puoi - o devi? - diffondere questa campagna ad amicə e familiari, seguirci sui social (li trovi nella sezione contatti in questa pagina), scriverci per darci dei consigli su come trovare sponsor e fondi aggiuntivi. Siamo particolarmente attivə su Instagram (@_sextival) e sul nostro sito web (sextival.it), dove troverai maggiori informazioni!

E poi partecipate, venite a vederci. Siamo sicurə che non ve ne pentirete.

Tenetevi prontə: Rapallo is about to get sexy.

Comments (28)

Per commentare devi fare
  • RC
    Raffaella Grazie ragazzi, avete fatto un lavoro magnifico, e a Rapallo: lasciatevelo dire da una anziana, è praticamente un miracolo!
    • avatar
      Samuele Sono arrivato da Asti solo per voi!!! Grandi ragazzi !!!
      • FD
        Francesco Bravi ragazzi. In culo al comune ;)
        • AB
          Alessandro Bellissimo progetto, ce n'è proprio bisogno! Un saluto dalla regia di TRP! <3
          • GP
            Gloria DAJE
            • avatar
              Virginia 💙💛
              • GR
                Gianni buon crescita
                • GC
                  Giulia Misci...ma mica nesci! La Nassa è tutto quello che avrei voluto ci fosse quando ancora ero giovine e abitavo i lidi tigullini. Vi seguo e vi supporto, col cuore, e sì, anche coi dindi, che schifo non fanno! Spero di riuscire a venire :)
                  • NM
                    Nicolò Questi eventi sono fari nella notte bigotta e retrograda di questo paese.
                    • CO
                      Cristiano ANNAMO

                      Gallery

                      Questo progetto ha segnalato obiettivi di sviluppo sostenibile

                      Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) costituiscono una serie di 17 obiettivi concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite.

                      3. Salute e benessere

                      Buona salute: garantire una vita sana e promuovere il benessere di tutti a tutte le età.

                      5. Uguaglianza di genere

                      Parità di genere: raggiungere la parità di genere attraverso l'emancipazione delle donne e delle ragazze.

                      10. Ridurre le disuguaglianze

                      Ridurre le diseguaglianze: ridurre le disuguaglianze all'interno e tra i paesi;

                      Vuoi sostenere questo progetto?