or

Register with your email address

Oppure, solo se sei una persona fisica (NO azienda/associazione), puoi scegliere anche di registrarti con i social:

Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Sette anni per un pugno di cenere SOS Colle del Nibbio

A campaign of
soscolledelnibbio

Contacts

A campaign of
soscolledelnibbio

Sette anni per un pugno di cenere
SOS Colle del Nibbio

Sette anni per un pugno di cenere SOS Colle del Nibbio

Support this project
100%
  • Raised € 530.00
  • Sponsors 19
  • Expiring in 341 days to go
  • Type Donation  
  • Category Personal fundraising
  • Obiettivi
    8. Lavoro dignitoso e crescita economica
    11. Città e comunità sostenibili
    12. Consumo e produzione responsabili

A campaign of 
soscolledelnibbio

Contacts

The project

In una assolata domenica d’inverno, il nostro sogno è andato letteralmente in fumo. Per l’estate eravamo pronti ad ospitare i primi avventori nelle tre camere con spettacolare vista sulla Majella e sui Monti Pizzi.

L’80% dei lavori erano realizzati, buona parte del materiale necessario all’ultimazione era pronto in cantiere e a causa di un incendio accidentale ci ritroviamo solo un pugno di cenere.

Agriturismo bruciato Civitaluparella

Il progetto dell’agriturismo di Colle del Nibbio nasce nel 2016 acquistando il rudere de “Lu Pagliar Petrone”, avendo già una chiara idea di quello che sarebbe dovuto diventare a breve: una struttura per poter ospitare poche persone con la voglia di condividere con noi l’interesse per il nostro territorio. Il progetto prevedeva tre camere per gli ospiti, una cucina, una sala da pranzo, un laboratorio per la trasformazione dei nostri prodotti e per la vendita dei formaggi fatti con il latte delle nostre capre e la possibilità di fare escursioni nei dintorni grazie alla qualificata esperienza di Accompagnatore di Media Montagna di Paolo.

Simona e Paolo Colle del Nibbio Civitaluparella

Non si tratta dell’ambizione personale di un grosso progetto imprenditoriale, piuttosto del desiderio di dare il proprio contributo alla crescita e valorizzazione di un intero territorio montano, difficile da coltivare, lontano da ogni circuito turistico e in un’area interna considerata “svantaggiata”.

Fin dall’acquisto del rudere abbiamo avviato le produzioni agricole: i primi alveari per il miele, i primi campi di aglio, patate e fagioli, le prime due capre per ripulire il rudere dai rovi. Nel corso degli anni i campi sono diventati più grandi, gli alveari aumentati a 24, le capre diventate 40, i cani 4. Abbiamo avviato il nostro mini caseificio e a marzo diventeremo genitori di Irene.

Abbiamo acquisito la fiducia dei nostri clienti e spedito i nostri prodotti in tutta Italia. Ci siamo districati tra chili di carta e burocrazia, leggi, bandi, autorizzazioni, pandemie, aumento indiscriminato dei prezzi delle materie prime e la loro scarsa reperibilità. Tantissime ore di lavoro, notti insonni a ragionare e giornate intere di duro lavoro fisico, senza un giorno riposo o ferie, ma con forza e tenacia eravamo quasi al traguardo. Spronati dal supporto di quanti ogni giorno ci chiedevano quando avrebbero potuto degustare i nostri piatti e godere con noi della natura circostante.

Patate Colle del Nibbio Civitaluparella

Un progetto importante da oltre 400.000,00 euro, un progetto che di questi tempi in pochi avrebbero avuto il coraggio di portare avanti: una struttura in bioedilizia, costruita con materiali naturali e ad altissima efficienza, con il recupero delle acque reflue dalla vasca di fitodepurazione e la massima accessibilità senza barriere architettoniche.

Nonostante i fondi dei Bandi Europei (PSR) senza i quali sarebbe stato impossibile persino pensare ad un progetto simile, è stato necessario indebitarsi. La Regione Abruzzo ci ha anticipato 125.000,00 euro e altrettanti li avrebbe dati al completamento del progetto. Nel frattempo abbiamo acceso dei mutui per 175,000,00 euro.

Totale 300.000,00 euro.

Bioedilizia Colle del Nibbio

Al momento in tanti ci hanno manifestato la disponibilità a sostenerci economicamente e non possiamo nascondere la nostra necessità di dover accettare per poter coprire il debito di cui ci siamo caricati. Confidiamo nella Regione Abruzzo affinché possa riconoscere il caso fortuito dell’incendio in modo da poter evitare la restituzione delle somme percepite. Con la banca abbiamo la speranza che tutto vada per il meglio. Sicuramente abbiamo bisogno di molte risorse economiche per poter risolvere questa tragica situazione.

Ogni piccolo o grande contributo per noi sarà un motivo in più per andare avanti e fare di tutto per salvare la nostra piccola realtà e magari avviare nuovi progetti sul territorio.

Sarà nostra cura aggiornarvi periodicamente sull’andamento della raccolta e di quelle che saranno le spese con la pubblicazione degli estratti conto e delle fatture.

I fondi raccolti saranno usati, in ordine, a copertura di:

  • debiti con i fornitori e tecnici che già ci hanno fornito materiali e consulenza;
  • debiti e spese nei confronti della banca e della Regione;
  • attrezzature andate perse nell’incendio.

Se, grazie al vostro aiuto, la somma raggiunta dovesse essere superiore rispetto alle spese elencate, ci impegneremo a reinvestirla per un piccolo progetto che si avvicini il più possibile a quello che era il nostro sogno.

Non ci tireremo indietro davanti ad altre proposte di aiuto, ma al momento questa è la necessità. Soprattutto abbiamo bisogno di rimanere calmi e non caricarci di troppo stress per tutelare la bambina che arriverà tra 2 mesi.

È andato distrutto un progetto materiale, il tempo e i soldi dedicati a quel progetto, persino il telefono con l ultime foto della struttura senza ponteggi. Non si distruggeranno il nostro lavoro, il nostro impegno, i nostri prodotti e il sogno che le idee trasformate in realtà possano contribuire a risollevare la sorte di intere aree.

grazie da Colle del Nibbio

Comments (8)

Per commentare devi fare
  • MS
    MORENA Un piccolo sostegno per aiutarvi a non mollare. Vi abbraccio forte Morena
    • avatar
      Paolo Grazie mille Morena 💚
      2 weeks, 6 days ago
  • avatar
    Simona ❤️
    • avatar
      Paolo 💚
      2 weeks, 6 days ago
  • LF
    Lavinia In bocca al lupo Ragazzi! Arriverà la vs meraviglia… rinascerete♥️
    • avatar
      Paolo Grazie Lavinia 💚
      3 weeks ago
  • avatar
    Alessandro Il mio piccolo contributo a due anime splendide. Forza ragazzi, si riparte più forti di prima, c'è una meraviglia in arrivo.
    • avatar
      Paolo 💚
      3 weeks ago

Questo progetto ha segnalato obiettivi di sviluppo sostenibile

Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) costituiscono una serie di 17 obiettivi concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite.

8. Lavoro dignitoso e crescita economica

Buona occupazione e crescita economica: promuovere una crescita economica inclusiva, sostenuta e sostenibile, un'occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti.

11. Città e comunità sostenibili

Città e comunità sostenibili:creare città sostenibili e insediamenti umani che siano inclusivi, sicuri e solidi.

12. Consumo e produzione responsabili

Utilizzo responsabile delle risorse: garantire modelli di consumo e produzione sostenibili.

Vuoi sostenere questo progetto?