or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Sanrito Festival 2021 (piccolo festival di grandi canzoni - settima edizione)

A campaign of
Sanrito Festival

Contacts

A campaign of
Sanrito Festival

Sanrito Festival 2021 (piccolo festival di grandi canzoni - settima edizione)

Support this project
82%
  • Raised € 3,291.00
  • Target € 4,000.00
  • Sponsors 188
  • Expiring in 69 hours to go
  • Type Keep it all  
  • Category Music & concerts

A campaign of 
Sanrito Festival

Contacts

The project

SANRITO 2021 - IN STREAMING -

5/6 MARZO

Ti sei mai chiesto in questo anno che fine abbiano fatto la musica e gli artisti?
Parlo di tutte quelle persone che vivono di arte, dai musicisti ai tecnici e a tutto il mondo dello spettacolo.

Sai che fine hanno fatto?
Sono stati dimenticati , questa è la verità.

Hanno riposto nei cassetti e nei loro armadi strumenti, attrezzature e sogni, e si sono messi in attesa.
Un’attesa che dura oramai da un anno .

Sanrito è la piccola bolla di vita in cui proveranno ad entrare, per dar voce ad uno spettacolo in streaming fatto di musica fresca e giovane e di tanta, tantissima, passione.

Un’orchestra di undici professionisti, dieci concorrenti, gli ospiti, il presentatore Pietro Fiocco, le incursioni di Cece Mannazza, le interviste di Francesca e decine di persone che aiuteranno l’arte a rivivere e risplendere per due sere.

Ma... c’è un ma...

Tutto questo può succedere solo con il tuo aiuto.
Sanrito ha bisogno di te per vedere la luce.

Puoi aiutarci sostenendo il nostro piccolo ma prezioso progetto acquistando una delle proposte che trovi qui sotto, diventando così la molla, il motore e il primo protagonista di questo speciale evento.

Abbiamo fissato un obiettivo che non è nulla in confronto a quello delle grandi manifestazioni mediatiche, ma che per noi è importante proprio per riuscire a dar voce a ciò che amiamo di più: la musica!

In cambio, porteremo direttamente a casa tua la realizzazione del nostro sogno in compagnia del più piccolo ma ostinato gruppo di Super Eroi della musica.

Aiutaci a realizzare Sanrito!
Diventa uno dei protagonisti del nostro progetto.
Acquista il tuo biglietto e accendi la prima luce sul nostro spettacolo!

Ci vediamo nel tuo salotto, venerdì 5 e sabato 6 marzo 2021.
E sarà bellissimo.


CHI SIAMO

Il Festival Sanrito è una competizione canora ad alto contenuto qualitativo , un progetto aperto a chiunque creda nella rivoluzionaria potenza della bellezza e nella condivisione della propria arte espressiva. Il Sanrito è orgogliosamente piccolo ed indipendente. Una favolosa orchestra , guidata da un sapiente maestro ascolta, arrangia ed esegue i brani proposti dai concorrenti .
Un team di professionisti "del bello" medita, organizza e concretizza l'evento.
È la rivolta propositiva e gioiosa di una comunità di appassionati che ha accumulato un’esperienza ventennale nel mondo della produzione musicale dal basso, la musica che cresce nei piccoli club live, quella originale, che racconta lo spirito del suo tempo, lontana dai cliché e dai puri interessi commerciali.
Ideato nel dicembre 2014 sulla falsariga dello storico festival della canzone italiana di Sanremo, il Sanrito si propone fin dall’inizio, con la prima edizione del 2015, di essere un “ Rito ” da proporre ogni anno, nelle stesse date del più blasonato festival ligure, il venerdì e il sabato, rigorosamente in contemporanea.

Dieci concorrenti (cantautori o band) si sfidano sul palco , dove è presente un’ orchestra di otto elementi (numero incrementato ad undici a partire dall'edizione 2019, essendosi aggiunta la sezione dei fiati), assieme ad un presentatore , alle vallette/i e agli “ospiti stranieri” , ma anche al tappeto rosso, alla sigla , alle interviste , ai video promozionali e perfino ad un battage pubblicitario pre-festival con rivelazioni dell’ultimo minuto.

L’apprezzamento del pubblico, la promozione del festival attraverso i social, il passaparola dei partecipanti e degli spettatori, hanno fatto sì che le potenzialità di crescita dell’evento aumentassero di anno in anno, fino ad avere la necessità di essere “trasferito” dal piccolo club della frazione di Margarita, L’Isola Condorito, luogo in cui è nato e si è sviluppato, alla città di Cuneo , presso le strutture del nuovo spazio Varco&Auditorium Foro Boario, dove ha trovato una più ampia possibilità di espressione e visibilità.

Ciò che è davvero importante, e va sottolineato, è che, oltre alle competenze tecniche ed il lavoro svolto in maniera altamente professionale, vi è anche la condivisione del proprio tempo e delle proprie capacità , con la realizzazione, ogni anno, di un ambiente lavorativo che risulta fin da subito colmo di collaborazione , creatività , entusiasmo , partecipazione . Tutto ciò è quello che conta davvero del festival e prova tangibile è il fatto che l’“ambito” premio della gara non è altro che una simbolica statuetta di resina,  il “ Carlos Desnudo ”, prodotta da InstaTwin e fedele riproduzione di Juan Carlos Cid Esposito, allora proprietario de L’Isola Condorito di Margarita, e che dal 2015 passa di mano in mano al vincitore o alla vincitrice. Teniamo a specificare che quella statuetta è unica e irripetibile (l’azienda produttrice, infatti, non esiste più) ed è stata riparata ogni anno da svariati tipi di rottura. Il vincitore o la vincitrice acquisisce di diritto anche la possibilità (più scherzosamente lo definiamo “l’obbligo”) di partecipare l’anno successivo, per difendere il titolo.

Straordinario è proprio vedere, riconoscere e trasformare le capacità e le competenze personali, in un ambiente altamente preparato, serio, creativo e collaborativo , una realtà unica , costruita attorno ad un nucleo “forte”, che ogni anno ha modo di allagarsi, stringendo legami umani e lavorativi tra le persone coinvolte, cosa che raramente potrebbe accadere in altri contesti. Ciò che più stupisce i “nuovi arrivati”, ovvero i concorrenti che sono “estranei” a questo entourage, è sentire il forte rapporto che unisce gli orchestrali e la direzione artistica, e non hanno altra via di scampo che quella di farsi rapire, partecipando fin da subito con entusiasmo alle prove e al “gioco” che si crea nella costruzione dell’evento, altamente scherzoso e serio allo stesso tempo .

OBIETTIVI

Tra gli obiettivi principali che fin da subito ci siamo proposti, vi è la possibilità di dare a tutti gli artisti meritevoli, selezionati per il concorso, di avere una grande piccola orchestra che possa riarrangiare il brano proposto e renderlo così “nuovo” anche per l’autore stesso. Inoltre, vi è l’opportunità per i musicisti e per i lavoratori del settore di confrontarsi e di accrescere le proprie competenze professionali, imparando e condividendo proposte per l’arrangiamento dei brani, facendo maturare le capacità di produzione musicale, soprattutto nei più giovani, ma anche le capacità di ascolto e di confronto all’interno di un gruppo di persone, tutte rivolte allo stesso scopo: creare la musica che verrà suonata durante le due serate del festival.
Il concorrente selezionato, una volta costruito il suo “pezzo” ha l’occasione di suonare davanti ad un pubblico numeroso ogni sera, sia il venerdì che il sabato, vivendo un’esperienza “doppia”: da una parte l’emozione di partecipare ad una competizione che ha un premio in palio, seppur simbolico, dall’altra l’emozione di stare facendo qualcosa di nuovo, proponendo un proprio brano in una maniera totalmente differente rispetto al “solito” modo di suonarlo.

Un altro ambizioso obiettivo è quello di creare un festival cuneese , che sia un punto di riferimento per i cittadini, ma anche per chi, da fuori città, è interessato alla musica originale e prodotta dal basso: il festival è infatti uno spettacolo che dura due giorni, fatto sempre e solo rigorosamente live , e non sono pochi gli avventori, oltre ai concorrenti fuori sede, che si fermano nelle strutture ricettive del centro: fans, genitori e parenti degli artisti in gara, infatti, hanno apprezzato l’ospitalità e la bellezza della capitale della provincia granda e questo non può che essere una buona motivazione affinché il festival possa crescere ancora, diventando un appuntamento annuale anche per chi, da fuori, vuole approfittare di visitare la nostra città, in un periodo decisamente fuori stagione per il turismo.
A partire dal 2018 , abbiamo avuto modo anche di trasmettere tutte e due le sere del festival in diretta, tramite una webradio nata per l’occasione (RadioJambo), grazie alla collaborazione con l’associazione Binario69 di Bologna .


L’ esperienza radiofonica è stata sicuramente IL primo esperimento , sia per poter dare la possibilità a chi non può spostarsi e raggiungere di Cuneo di ascoltare quello che succede in Auditorium, sia per ritornare ad una dimensione dell’ascolto della musica, rivolgendoci alla radio (seppur “web”) come mezzo di trasmissione più adatto per quest’arte, lasciando perdere tutte le questioni dell’immagine che, invece, diventano predominanti attraverso altri canali di trasmissione.
In poche parole, lo scopo è quello di proporre ad un pubblico attento e divertito , e in una maniera impeccabilmente professionale, quello che vedono i nostri occhi e che sentono le nostre orecchie, ricreando l’entusiasmo che costituisce la base durante tutte le fasi di costruzione del progetto, il quale risulta nuovo ogni anno, ma che rimane ben saldo in un’idea predominante: creare Bellezza e diffonderla .



Quest'anno, la situazione attuale ci "costringe" a reinventarci e a proporci non solo con i suoni, ma anche con le immagini al mondo esterno, poiché sarà impossibile avere la presenza del nostro ormai affezionato pubblico. Abbiamo quindi bisogno di una squadra di tecnici e di attrezzature che ci permettano di essere guardati in mondovisione!
Da qui l'esigenza di avere un sostegno economico da chi ha sempre partecipato al progetto Sanrito, dal primo anno, o solo da poco tempo, e anche per i nuovi arrivati e le nuove arrivate, dandoci la possibilità di aprirci, includendo nella nostra "famiglia" chiunque sia interessat* a farne parte.

BENVENUT*!

Comments (61)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Elena Sanremo zona rossa, Sanrito?
    • LL
      Luisa Fate anche voi una donazione, il divertimento è assicurato
      • avatar
        Elisa Yeah
        • avatar
          Simona Grazie a tutte voi Anime belle... 🙏🏻🙏🏻🙏🏻❤️❤️❤️
          • rs
            rolando Buon Sanrito e buona festa.Rolando
            • avatar
              WSF Collective Ciao Rolando, GRAZIE!
              3 days, 7 hours ago
          • EB
            Enrico Bravi Ben!
            • avatar
              WSF Collective Bravissimi Ben! ❤️
              3 days, 7 hours ago
          • avatar
            Jussara Viva il Sanrito e le persone belle che fanno cose belle ❤️
            • avatar
              WSF Collective viva le persone che cercano e sostengono le Cose Belle! GRAZIE!
              6 days, 8 hours ago
            • EB
              Enrico Jus, mannaggia, quest'anno guarderemo Sanrito ognuno a casa propria...
              4 days, 7 hours ago
          • EG
            Enrico Puso egoista lascia spazio ai giovani
            • avatar
              WSF Collective Puso è uno dei pilastri del festival, probabilmente diventerà lui stesso uno dei premi in palio in futuro, chissà...
              6 days, 9 hours ago
          • FB
            Florian Mitici 🤙🤙🤙
            • avatar
              WSF Collective ma quanto sei abbraccioso??? :)
              6 days, 9 hours ago
          • avatar
            Marcello Buon lavoro e buon divertimento.
            • avatar
              WSF Collective Grazie Marcello!
              6 days, 15 hours ago

          Gallery

          Community

          Vuoi sostenere questo progetto?