oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Sandrone Soldato "per la più grande Italia"

Una campagna di
Antonio Campanini

Contatti

Una campagna di
Antonio Campanini

Sandrone Soldato "per la più grande Italia"

Campagna terminata
  • Raccolti € 1.575,00
  • Sostenitori 50
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Teatro & danza

Una campagna di 
Antonio Campanini

Contatti

Il Progetto

SANDRONE SOLDATO

ovvero

PER LA PIÚ GRANDE ITALIA

di Angelo Ruozi Incerti

Sandrone soldato ovvero per la più grande Italia, è stato scritto da un ufficiale italiano tra il 1917 e il 1918 all'interno di campo di prigionia in Germania, visto il contenuto antimilitarista e la conteporaneità tematica della commedia FèMa Teatro ha deciso di metterlo in scena.

All'impianto drammaturgico  originale sono state aggiunte parti più moderne ed in linea con la poetica della compagnia, l'allestimento vede in campo diversi artisti (scultori, musicisti, scenografi costumisti ecc. ecc.).

Visto l'argomento non prettamente commerciale e le difficoltà a reperire risorse economiche dagli enti pubblici FèMa Teatro ha deciso di autofinanziarsi attarverso propri fondi, attraverso il supporto dell'Ass. Mirni Most (un ponte per la pace) e attraverso una raccolta fondi online.

per questo vi chiediamo di contribuire anche con una somma minima

locandina originale

Locandina originale

Il progetto

Il progetto si propone di allestire e rappresentare il copione della farsa in due atti per burattini “Sandrone Soldato” ovvero “Per la più grande Italia”, scritta nei campi di prigionia di Rastatt e Celle (Germania) nel 1917-18 da Angelo Ruozi Incerti ufficiale dell’Esercito Italiano; essa poi fu trascritta a Cellelager (Hannover) in un quaderno dal suo compagno amico Giuseppe Denti. Il testo è stato scritto in situazioni umane estreme: dopo la disfatta di Caporetto e nella condizione di prigionia prima a Friederichfeste-Rastatt e poi a Cellelager ed esprime la comprensione dell’inutilità e della crudeltà della guerra. Ma è anche un testo che attraverso la semplicità dei burattini si rende denuncia dei responsabili del Primo Grande Massacro Mondiale. Alla maschera di Sandrone, personaggio del popolo e della terra d’Emilia, è affidato il compito di incarnare gli ultimi, sempre oppressi e vinti. Egli è circondato in scena da un cast di personaggi votati alla guerra per esaltazione, per carriera, per guadagno; soprattutto caratterizzati da profonda disumanità. Hanno i nomi di Cadorna, Diaz, D’Annunzio e l’Imboscato, ovvero il padrone che sta lontano dalla trincea e trae profitto dal conflitto. La luce della pace è proprio nell’incontro col nemico, l’Austro. I due si riconoscono divisi dalle divise, ma uniti dalla loro condizione di carne da macello, di proletari in armi l’uno contro l’altro per fasti e ricchezze di pochi altri che li comandano. Degno di nota è l’uso della parola come arma innanzitutto del conflitto di classe: da una parte il parlare dialettale e quotidiano di Sandrone e l’essenzialità delle ragioni di vita di Austro (che fa sì che il nemico è come noi) che vanno al cuore della questione: il diritto alla pace e ad una vita dignitosa. Dall’altra il parlar forbito sempre in odore di raggiro o mellifluamente violento di chi sta loro sopra. L’avvicendarsi rapido di personaggi e situazioni consente di entrare in questa storia, attraversarla in tutta il suo dolore, ma con la capacità che fu proprio dell’autore di dare una tragica leggerezza al dramma. E’ testo di denuncia e di pace andato proprio in scena nel campo di prigionia 100 anni fa. Lo spessore del tema e delle parole nel copione e la storia di Ruozi Incerti suo autore ci ha intrigato. Di più. Ci ha chiamato da un tempo lontano a mettere in scena una storia che è nelle nostre corde di cittadini e artisti e burattinai. Uno spettacolo contro la guerra, una storia per la pace nel mondo.

I burattini di Brina Babini

La nostra associazione - Mmirni Most  (un ponte per la Pace) che ha un profondo legame con il mondo dei burattinai e del Teatro di figura ritiene lo spettacolo dei burattini uno straordinario mezzo di comunicazione per propagandare valori fondamentali per la convivenza; il valore storico artistico di questa opera andata in scena solo una volta 100 anni fa, nel lager, ci impone di impegnarci per rappresentarla. Da più di quindici anni organizziamo l’evento RaduPo; raduno di burattini sulle rive del Po in memoria di Otello Sarzi; tre burattinai che da anni partecipano a questo evento (Maurizio Mantani , Elis Ferracini e Sara Goldoni) hanno deciso di impegnarsi per rappresentare “Sandrone Soldato” con la preziosa consulenza del Centro Studi Prima Guerra Mondiale nella persona di Carlo Perucchetti. Ma oltre ai citati, le persone impegnate nella realizzazione di questo progetto sono molte.

La messinscena di Sandrone Soldato sarà, quale tributo all’autore Ruozi e alle vittime di tutte le guerre e riconoscimento a quanti si impegnano quotidianamente perché queste tragedie non avvengano più, come fu 100 anni fa, realizzata con i burattini. Cercheremo di attenerci il più possibile al testo, ma dato che la nostra intenzione non è ‘museale’, sarà spettacolo di oggi, con contributi ‘tecnici’ ed artistici che non potevano essere messi in campo a quel tempo e con l’attualità di voci e variazioni sul testo che il mondo dei burattini, dello spettacolo dal vivo ed in rapporto col pubblico, richiede.

Abbiamo inoltre inserito, rispetto all’originale, lo svolgimento di una storia che viaggia in parallelo al racconto di guerra di Sandrone. E’ la marionetta che ‘incarna’ Ruozi e la sua vita nel lager, la sua capacità, in quella condizione, di salvarsi, come altri suoi compagni di prigionia, grazie all’arte, all’intelligenza, alla coscienza. Questo porta lo spettacolo a rivolgersi ad un pubblico di giovani ed adulti, e con loro fare memoria e riflettere su ciò che è stato e purtroppo ancora è. Historia magistra vitae…ma spesso il genere umano è studente molto distratto, ripetente gli errori e gli orrori del passato.

Per tutto ciò chiediamo sostegno alla realizzazione di Sandrone Soldato-Per la più grande Italia, in questi tempi non facili, che quando si ha voglia di dire qualcosa, spesso è difficile concretamente dirla.

Come utilizzeremo i fondi raccolti .

Scultura teste di legno per i burattini euro 1.000,00

Costruzione marionette euro 400,00

Scenografie euro 1.100,00

Costruzione baracca euro 800,00

Costumi burattini euro 800,00

Trasferte burattinaio euro 600,00

Regia euro 800,00

registrazione canti euro 500,00

Colorazione teste burattini euro 500,00

Totale euro 6.500,00

Il Team

Antonio Campanini produttore

Andrea Mainardi      montaggio video

Maurizio Mantani burattinaio , scenografie , costumi , scultura burattini .

Elis Ferracini burattinaio

Ferruccio Filippazzi voci registrate e consulenza alla regia

Brina Babini scultura e colorazione burattini

Sara Goldoni costruzione marionette da tavolo

Sandra Pagliarani costumi

Viola Mattioni violoncello

Irene Battaglia canto

Commenti (20)

Per commentare devi fare
  • sv
    salvatore  credo di aver commesso degli errori nel prenotare il io sostegno al progetto non avevo capito il funzionamento del sistema perchè al primo clic mi è arrivata una mail e non avevo letto i messaggi successivi generati dai miei nuovi molteplici clic. Mi dispiace per l'inconvenienet ho effettuato il mio bonifi co con la prima prenotazione con l'identificativoPDBUSER167161 227489
    • GA
      Giovanni  In extremis e anche poco, ma l'economia...non gira, almeno da queste parti. Apprezzate il gesto, scusate il ritardo e...avanti Compagni! Un abbraccio grande da Palau. Nanni e Lella
      • avatar
        Maria  Il sostegno al progetto è stato effettuato a nome e per la volontà delle ALLEGRE COMARI , gruppo di Anzola Emilia con sede al Centro Civico di Lavino.
        • FM
          Francesca  In bocca al lupo!
          • avatar
            Sara  Che bravi, complimenti!!! Il video è meraviglioso e la voce dell'attore che racconta la storia emoziona, sarà perchè ha quell'accento romagnolo inconfondibile!?
            • avatar
              Maurizio  grazie Sara, troppo buona!
              6 mesi, 1 settimana fa
          • avatar
            Francesca  ue, ma dopo che hai donato non ti arriva nessuna conferma? non vorrei aver cappellato qualcosa... :(
            • avatar
              Antonio   ciao francesca ! ho guardato il tuo versamento non c'è con cosa li hai fatto ?
              6 mesi, 2 settimane fa
          • NT
            Nausicaa  che bel progetto, forza sindaco!
            • avatar
              Maurizio  Grazie Nau, <3
              6 mesi, 3 settimane fa
          • TC
            Tommaso  evvai con coraggio! Buon lavoro!
            • avatar
              Maurizio  Grazie Tommaso
              6 mesi, 3 settimane fa
          • MM
            Monica  Forza sindaco! Ce la potete fare.
            • avatar
              Maurizio  Grazie!!
              6 mesi, 3 settimane fa
          • AD
            Angelino  Spero vivamente che il progetto vada in porto. In bocca al lupo

            Gallery

            Community