oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Rockarossa

Una campagna di
Ass. Cult. Rockarossa

Contatti

Una campagna di
Ass. Cult. Rockarossa

Rockarossa

Campagna terminata
  • Raccolti € 308,00
  • Sostenitori 19
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Donazione semplice  
  • Categoria Eventi & festival

Una campagna di 
Ass. Cult. Rockarossa

Contatti

Il Progetto

Rockarossa torna il 2 3 e 4 agosto 2018 a Petrosino, nella sua sede storica, in Piazza Biscione.

Questa la line up ufficiale dell'edizione 2018

La Storia di Rockarossa

Per 5 edizioni (dal 1993 al 1997) Petrosino ha tributato la musica rock e di tendenza con un grande raduno musicale, probabilmente il più importante che il nostro territorio ricordi: Rockarossa. Cinque edizioni per un festival unico nel suo genere e fortemente legato all’area geografica che lo ha ospitato. Non a caso, il nome scelto per l’evento lega in maniera indissolubile la musica e la nota roccia del fondale di Biscione, punto di arrivo per gli adolescenti e giovani bagnanti, approdo da cui partire per solcare altri mari, affrontare nuove avventure. Questo è lo spirito che ha caratterizzato il festival: dare spazio ai giovani, al loro talento in costruzione. Ad affiancare i giovani talenti, sul palco del Festival, si sono affacciati alcuni tra i nomi di punta per le nuove generazioni musicali: dai QBeta con Roy Paci agli Uzeda (unico gruppo Italiano, oltre alla P.F.M. ad aver inciso le famose Peel Session per John Peel, storico deejay della BBC), dagli Use and Abuse (che approdò alla Vacation House, storica etichetta discografica hardcore) con Gianfranco Marino (The Zest, Routine, Rym) e Giovanni Gulino (Marta sui Tubi) da Cesare Basile a Carmelo Pipitone (Marta sui Tubi, ORK e Dunk) e poi ancora i mazaresi NeverMind del chitarrista Riccardo Corso (a Sanremo con Simone Cristicchi), gli Incunabula di Castelvetrano (il bassista Peppe Mangiaracina ha vinto un Sanremo con Arisa e suonato affianco ad Alan Parsons), i Nuovi Briganti, gli Acacia di Palermo (approdati alla Underground Simphony, storica etichetta di prog rock), il chitarrista e compositore marsalese Gino De Vita, i BraindeaD (di recente citati nel libro di Max Salari “Rock Progressivo Italiano”) e molti altri artisti che hanno sposato e condiviso il progetto musicale. La manifestazione, nata dall’intuito di alcuni ragazzi che crearono successivamente un’associazione culturale (Progetto Kanea),  è ancora adesso ricordata come un vero e proprio evento, costruito interamente sulla passione, sul valore dell’amicizia, sul rispetto del territorio, sulla voglia di scommettere sul proprio futuro attraverso la musica, attraverso un linguaggio universale che ancora adesso continua a far vibrare dando un senso di comunità ai giovani d’oggi. Un linguaggio comune che parla di arte, di cultura, di futuro.

FINALITA’/OBIETTIVI

Pur essendo passati circa 20 anni dall’ultima edizione, oggi, in un clima rinnovato per la città di Petrosino, tocca ai nuovi giovani riprendere il filo di una racconto mai veramente interrotto. Questo perché molti musicisti del territorio hanno continuato a seguire con interesse l’evolversi di quel linguaggio musicale, hanno portato, attraverso lo studio e i viaggi, la loro esperienza fuori dal confine regionale. Ad oggi si vuole costruire un contenitore rinnovato e moderno che sappia essere innovativo nella formula e nella comunicazione. Gli strumenti mediatici di oggi consentono certamente una visione globale delle attività, per questo ci si prepara a costruire un evento che sia pienamente legato al mondo dei social, che insieme alla musica sappia raccontare il territorio. Rockarossa 2018 sarà l’occasione per ospitare nella nostra città artisti di caratura nazionale e internazionale. Rockarossa 2018 prevede una due giorni di musica con un grande palco aperto sin dal pomeriggio alle giovani produzioni musicali e la sera ai concerti. In piazza Biscione sarà istallato uno spazio riservato agli espositori, un villaggio delle arti e della creatività dove saranno coinvolte etichette musicali, maestranze del settore musicale, artisti di strada, ecc. Una grande vetrina che permetterà di promuovere il proprio lavoro e la propria arte. Il supporto di un evento già nel cuore del pubblico e realizzato con una formula adeguata al nostro tempo consentirà alla città di Petrosino un grande ritorno di immagine per gli operatori del luogo e per le strutture ricettive, in periodi difficili per l’economia del Paese e del Sud Italia.

Rockarossa intende ricreare la magia del rock ed il fermento musicale degli anni ’90 in questa parte di Sud. Quelle prime edizioni, crearono band, amicizie, amori, sotto la buona stella di un rock che dimostrerà ancora una volta di essere più vivo che mai!

Commenti (1)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Fabio  La musica, la migliore religione al mondo in cui non ci sono minacce o promesse. cit. Minou Drouet

    Gallery

    Community