or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Rifioriamola con le Bombe di semi

A campaign of
Ass. Slow Food Ogliastra

Contacts

A campaign of
Ass. Slow Food Ogliastra

Rifioriamola con le Bombe di semi

Rifioriamola con le Bombe di semi

Campaign ended
  • Raised € 470.00
  • Sponsors 20
  • Expiring in Terminato
  • Type Donation  
  • Category Environment & pets

A campaign of 
Ass. Slow Food Ogliastra

Contacts

The project

L’incendio del 14 luglio 2019 In Ogliastra, nel littorale di Orri’ (lido di Tortoli’) ha ridotto in fumo circa 800 ettari, distruggendo un’enorme e intatta fetta di macchia mediterranea.

Questa tragedia ambientale ha scosso fortemente tutti gli Ogliastrini tanto che quando l'artista di Tortolì, Franco Mascia, ha lanciato su Facebook la proposta di fare qualcosa di immediato contro questo scempio. Sono arrivate subito le risposte da diversi cittadini tra cui dei soci dell'Associazione Slow Food Ogliastra di cui Patrizia Ferreli ne è la Presidente. Tra i soci adetenti sin dal primo minuto Salvatore Marongiu (Azienda agricola Terra e Abba) Giorgio Falchi (Agronomo) Sergio Piras (Azienda agricola Pacha Mama) e Jean Louc Madinier ( Sardaigne en Liberté). Anche l'Avvocatessa Paola Cucca si è dimostrata subito interessata.
Nel giro di qualche giorno si è formato il tavolo di lavori, L'idea è quella di preparare e lanciare sui terreni bruciati le "bombe di semi" per agevolare il rigenerarsi della macchia mediterranea distrutta.
Nei giorni successivi viene indetta un'assemblea dell'associazione Slow Food Ogliastra: si parla di quanto sia importante mettere subito radici nei terreni bruciati specialmente quelli scoscesi per evitare che le piogge autunnali dilavino il suolo, ritardando di decenni la ripresa del verde nella nostra bellissima costa. Il progetto è stato accolto e approvato da tutti i soci presenti all'assemblea che intendono partecipare massivamente all'iniziativa.

Si è deciso così di realizzare una manifestazione pubblica, aperta a tutti, per dare un segnale di positività dopo l'incendio e per informare e sensibilizzare sull'importanza della prevenzione e su le posibile tecniche di recupero della zona bruciata.

Appena arriveranno le prime piogge di fine estate l'argilla si impregnerà di acqua, tenendola per dare la possibilità ai semi all'interno di germinare e radicare, le radici si fisseranno saldamente al suolo dando vita ad un processo che agevolerà il processo naturale di rinverdimento. Fare "bombe di semi" consiste nel fabbricare delle palline o dei dischetti di argilla con al loro interno dei semi, verranno seminate essenze erbacee autoctone, specialmente azotofissatrici.

Al Gruppo si sono aggiunti ultimamente Davide Schiavone laureato in scenze forestali e Matteo Arthemalle Canapicoltore che che aveva già una collaborazione con l'associazione L'uomo che pianta gli alberi di Cagliari e l'intenzione di organizzare un intervento più articolato di rimboschimento che presenterà durante la giornata del 24 Agosto.

Anche il comune di Lanusei ha voluto deliberare per sostenere l'iniziativa donado 400 euro per la causa, ritenuta una questione di interesse di tutti gli Ogliastrini.

Il gruppo è attualmente aperto e disposto ad accogliere nuovi membri.
Intendiamo fare un primo intervento su almeno 10 ettari di area pubblica, attorno alla chiesetta di San San Salvatore. L'entità dell'intervento dipenderà dalla quantità di fondi che raccoglieremo, quindi dal cuore di tutti voi. L'iniziativa che si svolgerà con una prima fase di preparazione delle bombe di semi nei pressi della chiesetta di San Salvatore avrà la funzione di Informare tutti i presenti sulle tecniche di prevenzione degli incendi e sulle problematiche delle piante aliene infestanti che propagano gli incendi e sull'utilizzo delle bombe di semi per il rapido recupero di pascoli degradati.
Abbiamo bisogno di comprare semi, argilla in polvere e teloni per stendere ad asciugare le "bombe di semi" e alcuni altri piccoli attrezzi. La stima di spesa per il primo intervento in area pubblica è di 3000 Euro. Anche Sardaigne en Liberté si è resa dispinibile per una donazione. Il territorio e il nostro patrimonio comune e ci pemette di Attrarre ogni anno centinaia di turisti. Vi vogliamo coinvolgere affinché contribuiate anche voi a far RIFIORIRE TUTTA LA COSTA BRUCIATA.

Contiamo sulle vostre donazioni e dei vostri ospiti per organizzare un grande evento il 24 Agosto dove speriamo incontrarvi.

Comments (9)

Per commentare devi fare
  • dp
    diego  Forza Ragazzi!!! Avanti tutta !!!
    • SM
      Associazione Slow Food Ogliastra   Grazie Diego, siamo quasi pronti. A Sabato
      3 weeks, 6 days ago
  • avatar
    Manuela  bel progetto 💪🏻
    • SM
      Associazione Slow Food Ogliastra   Grazie di cuore, rifioriremo
      1 month ago
    • SM
      Associazione Slow Food Ogliastra   Grazie Manuela, Sabato e il grande giorno. È quasi tutto pronto.
      3 weeks, 6 days ago
  • avatar
    Maurizio  Ottima iniziativa. Bravi e grazie!
    • SM
      Associazione Slow Food Ogliastra   Grazie Maurizio rifioriremo insieme
      1 month ago
  • SF
    Stefania  Una iniziativa davvero lodevole. Complimenti e grazie.
    • GD
      Giovanni  Felice di contribuire a questa bellissima iniziativa :)

      Community