or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Rendiamo la didattica digitale un diritto di tutti.

A campaign of
PC4U.tech

Contacts

A campaign of
PC4U.tech

Rendiamo la didattica digitale un diritto di tutti.

Support this project
75%
  • Raised € 11,301.00
  • Target € 15,000.00
  • Sponsors 155
  • Expiring in 4 days to go
  • Type Keep it all  
  • Category Community & social
  • Obiettivi
    1. Zero Povertà
    4. Istruzione di qualità
    10. Ridurre le disuguaglianze

A campaign of 
PC4U.tech

Contacts

The project


Sai cosa vuol dire condividere un solo computer tra quattro fratelli per seguire le lezioni online?
Sai cosa vuol dire fare a meno del tuo telefono per permettere a tuo figlio di seguire le videolezioni sul Web?
Sai cosa vuol dire portare la tua bambina a casa della vicina per poter utilizzare un PC per la didattica a distanza?

Siamo quattro ragazzi 18enni di Milano Jacopo, Matteo, Emanuele e Pietro che, nonostante abbiamo avuto la fortuna di vivere il periodo della didattica a distanza serenamente, abbiamo toccato con mano situazioni come queste, molto più diffuse di quanto pensavamo, anche vicino a noi.


Di che cosa si tratta?

Per questo motivo abbiamo creato, durante il periodo del primo lockdown, PC4U.tech per dare il nostro piccolo contributo al problema della didattica digitale. PC4U.tech è un' iniziativa no-profit che si occupa della raccolta e ricondizionamento di pc e tablet usati ma funzionanti – che vengono poi ridistribuiti agli studenti della provincia di Milano che non ne dispongono.

Con un approccio giovane e semplice, e anche un po’ innovativo, abbiamo creato una piattaforma, facile da usare, composta da due bottoni DONA” e RICEVI” che permettono rispettivamente, a chi ha dispositivi da dare di farlo con semplicità e velocità e a chi, invece, ne ha bisogno di farne richiesta con altrettanta immediatezza.


Non siamo i primi…

Siamo consapevoli dell’esistenza di iniziative simili alla nostra, altrettanto lodevoli e nobili; siamo anche consapevoli dei fondi che il Governo ha messo a disposizione per aiutare la scuola, dando PC e tablet in comodato d’uso agli studenti bisognosi. Tuttavia, dopo numerosi confronti, ci siamo resi conto che, nonostante i svariati progetti, numerose famiglie sono comunque rimaste senza dispositivi sufficienti per la scuola digitale dei loro figli, anche nella ricca Milano e hinterland. Ne abbiamo testimonianza ogni giorno, dalle richieste che riceviamo (che ad oggi hanno superato le 300).


I dati lo rispecchiano!


Ma il periodo di didattica a distanza non è mica finito?

Sfortunatamente no: in seguito all'ultimo Dpcm del governo, rilasciato il 4 novembre ed entrato in vigore il 6 novembre, la Lombardia rientra nelle zone rosse identificate. Pertanto, ogni istituto della regione, salvo rare eccezioni, è stato costretto ad adottare la didattica a distanza. Questa situazione ha rimesso migliaia di famiglie (soltanto a Milano e hinterland), meno abbienti, in grandi difficoltà non avendo i mezzi giusti per affrontare questa difficile situazione.

Nonostante il tempo passato dall'ultimo lockdown, troppe famiglie Milanesi sono nella stessa identica situazione dello scorso Marzo.

Noi di PC4U.tech, inoltre, abbiamo una visione chiara: crediamo fortemente nel valore del digitale applicato alla didattica, e siamo sicuri che sia una risorsa fondamentale, di cui tutti, indipendentemente dalle proprie condizioni economiche e sociali, hanno il diritto di disporre ora, come in futuro, a prescindere dal periodo di emergenza sanitaria attuale. Il processo di digitalizzazione, in Italia in forte ritardo, parte dalle nuove generazioni.


Come funziona?

Il processo è semplice: una volta ricevute le donazioni, ci mettiamo in contatto con i donatori per accordarci sul ritiro del dispositivo, che avviene al loro domicilio; sempre noi poi ci occupiamo di portare il dispositivo dai nostri tecnici, che ne verificano il funzionamento, eliminano ogni dato se ancora presente e lo ricondizionano; finalmente, consegniamo il dispositivo, oramai rinnovato, sanificato e pronto all’uso, al domicilio di chi ne ha fatto richiesta, con un packaging curato e caloroso, che vuole ricordare il valore del dono.


Perché stiamo facendo un crowdfunding?

In questi primi mesi di attività siamo riusciti a consegnare oltre 100 dispositivi ad altrettante famiglie bisognose che ne hanno fatto richiesta. Siamo riusciti a farlo grazie, oltre al nostro impegno quotidiano e ad un primissimo finanziatiore (famigliare), al supporto di alcune aziende e associazioni che ci hanno aiutato: Informatici Senza Frontiere, una cooperativa no-profit che coordina un gran numero di informatici volontari, che hanno verificato e ricondizionato ogni dispositivo donato; For-Te , un progetto sociale ideato e supportato da Esprinet, che offre lavoro a dieci persone con disabilità cognitiva e che ci ha aiutato nella consegna dei dispositivi alle famiglie; TIM e Huawei che, colpiti dal progetto, ci hanno donato tablet nuovi. Ma adesso la complessità è aumentata, perchè stiamo ricevendo moltissime richieste e anche, fortunatamente, molte donazioni: per riuscire a gestire tutto con una buona qualità siamo forzati a cambiare la nostra strategia, prendendo in considerazione costi che inizialmente non avevamo calcolato.

Il nostro lavoro è sì gratuito, ma non è abbastanza.

Il tuo aiuto ci serve per portare avanti il nostro progetto , che sentiamo, ora più che mai, necessario . Sempre più ragazzi e famiglie ci contattano ogni giorno, raccontandoci le loro storie, e spiegandoci quanto abbiano davvero bisogno della nostra mano , in un periodo che diventa sempre più complicato e difficile.


Qual è il nostro obiettivo?

L'obiettivo di questo crowdfunding è raccogliere €15.000 per coprire tutti i costi necessari per poter gestire le prossime 300 richieste (più di 100 sono già arrivate). Nello specifico, i soldi verranno utilizzati per finanziare il ricondizionamento dei dispositivi donati, che include l acquisto di componenti hardware da sostituire (hard disk, batterie, cavi di alimentazione, mouse, schermi, ecc.), l'acquisto delle licenze di Windows 10 (quando non sono incorporate nel PC), i costi di trasporto/spedizione , visto l’elevato numero di ritiri che dobbiamo afeffettuare, le spese del packaging (scatoloni, cartoline, sticker, ecc.) e, infine, le spese per la gestione amministrativa dell'Associazione. Abbiamo anche previsto l'acquisto di circa un quarto dei 300 dispositivi da donare da un fornitore che ce li fornisce già ricondizionati, visto che stimiamo di non riuscire ad ottenere un numero sufficiente di donazioni di device "recuperabili", anche sulla base dell'esperienza di questi 3 mesi di attività.


Come vi ringraziamo per il vostro prezioso supporto?

Dona per supportare noi e la nostra iniziativa, aiutando dei giovani che hanno voglia di intraprendere, che hanno voglia di fare innovazione, che hanno voglia di fare del bene, aiutando il prossimo.

Ma soprattutto dona per consentire alle famiglie in difficoltà con ragazzi che vanno a scuola di garantire loro lo stesso diritto allo studio dei loro coetanei più fortunati.
Assieme, rendiamo la didattica digitale un diritto di tutti.
#PC4Everyone
#unpcinognicasa

Comments (33)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Luciana Complimenti per l'iniziativa e avanti così!
    • MS
      Mario Bellissima iniziativa. Bravi!!!
      • avatar
        Iacopo Mari Grande idea ragazzi!!!!!!! Sto “svuotando” dai file due pc dello studio da donare
        • rp
          rita Bellissima iniziativa! Complimenti ragazzi!
          • MM
            Living inside srl State facendo una cosa molto importante che vi fa onore. Complimenti sinceri.
            • avatar
              Elena complimenti per l'iniziativa
              • AC
                Andrea È bello quando dei giovani prendono l'iniziativa e fanno accadere cose senza aspettare che delle cose accadano.
                • LS
                  Laura Ciao ragazzi. Ho visto il servizio su Sky e vi faccio i complimenti per l’iniziativa. L’avete esposta con chiarezza e competenza. Siate orgogliosi di quello che fate e di ciò che siete. Alla vostra età c’è gente viziata che perde tempo in giro, mentre voi avete messo a disposizione degli altri il vostro tempo e le vostre risorse. Vi auguro il meglio e cercherò di fare quanto possibile per supportarvi. Sono certa che avrete davanti un futuro e una carriera eccellente, qualunque sia la strada che vorrete intraprendere nel vostro futuro. Laura
                  • FG
                    CLUSIT - Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica Iniziativa ammirevole e utile
                    • PC
                      Paoletti La cultura deve essere un diritto di tutti perchè cittadini pensanti avranno cura e rispetto delle persone e della cosa pubblica arricchendo sé stessi e tutti gli altri.

                      Gallery

                      Questo progetto ha segnalato obiettivi di sviluppo sostenibile

                      Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) costituiscono una serie di 17 obiettivi concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite.

                      1. Zero Povertà

                      Sconfiggere la povertà: porre fine alla povertà in tutte le sue forme, ovunque.

                      4. Istruzione di qualità

                      Istruzione di qualità: garantire a tutti un'istruzione inclusiva e promuovere opportunità di apprendimento permanente eque e di qualità.

                      10. Ridurre le disuguaglianze

                      Ridurre le diseguaglianze: ridurre le disuguaglianze all'interno e tra i paesi;

                      Vuoi sostenere questo progetto?