oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Network di ENPA

Portiamo in salvo le 100 caprette dell’isola di Palmaria

Una campagna di
ENPA Onlus

Contatti

Una campagna di
ENPA Onlus

Portiamo in salvo le 100 caprette dell’isola di Palmaria

Campagna terminata
  • Raccolti € 2.195,00
  • Sostenitori 104
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Donazione semplice  
  • Categoria Ambiente & animali

Una campagna di 
ENPA Onlus

Contatti

Il Progetto



Palmaria è una meravigliosa isola di fronte a Porto Venere, in provincia della Spezia. Un ecosistema prezioso e fragilissimo, messo come al solito a rischio dall’uomo. A Palmaria vivono liberamente circa cento caprette. Non si sa esattamente chi le abbia portate; quello che si sa è che le caprette hanno cominciato a riprodursi mettendo a repentaglio l'ecosistema dell'isola. Circa un anno fa, si è deciso di “eradicarle”, termine che può lasciare dubbi su soluzioni cruente, come se la colpa di questa situazione fosse delle ignare caprette. E’ subito scattata una mobilitazione che ha visto associazioni, personaggi noti e singole persone protestare per scongiurare che le caprette venissero uccise .

Abbiamo atteso pazientemente sperando che dalle parole si passasse ai fatti, ma nulla è successo. E abbiamo sempre vigilato affinché nessuno potesse, sbrigativamente e ingiustamente, rispolverare l’ipotesi dell’uccisione. Anche l’ultimo bando del Comune è andato deserto, e così siamo intervenuti noi.

Dal 3 febbraio saremo sull’isola di Palmaria. Preleveremo le caprette, una per una, e cercheremo per ciascuna una adozione responsabile . Le daremo a chi deciderà di adottarle e di tenerle non come animali da reddito, bensì come animali da compagnia nel rispetto delle loro caratteristiche che sono diverse da quelle di un cane o un gatto.

Questa grande operazione di salvataggio ha dei costi elevati , anche in considerazione del fatto che stiamo parlando di un’isola. Ci sono i costi della cattura, del trasporto, del mantenimento, i costi importanti relativi alle cure veterinarie e alle verifiche pre e post adozione; costi da sostenere fino a quando l’ultima capretta avrà raggiunto la sua destinazione. Al sicuro. Amata, accudita, protetta.


Ora tocca a voi aiutarci per portare in salvo le caprette di Palmaria.


Molti di voi – centinaia di migliaia di italiani – conoscono questa storia: avete visto servizi televisivi, ascoltato e rilanciato appelli, avete sottoscritto petizioni e protestato assieme a noi per salvare la vita di queste caprette. Bisogna passare – come abbiamo fatto noi – dalle parole ai fatti, dalla protesta alle azioni concrete.


Aiutateci, sosteneteci in questa grande operazione: anche i 5 euro di una colazione o di un aperitivo possono fare la differenza. E se non conoscevate i fatti, ora li conoscete. Non ignorateli. Perché la prossima volta potremmo non esserci. Sostenete ci direttamente da questa pagina oppure con una donazione sull'Iban IT25 Q050 1803 2000 0000 0251 360


Su questa pagina pubblicheremo copia delle ricevute di ogni spesa sostenuta, in modo che tutti possano constatare che nulla di quanto raccolto verrà utilizzato per scopi diversi, nemmeno per scopi che vedano beneficiari altri animali bisognosi.
Chi volesse proporsi come adottante, offrirsi come volontario o collaborare in altro modo può scrivere alla sezione Enpa di Genova (CRAS), all’indirizzo mail genova@enpa.org .


Una rassegna stampa sulle caprette di Palmaria.

A questo indirizzo web potete leggere una rassegna stampa sulla vicenda delle caprette di Palmaria.

Commenti (7)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Allison E  Buona fortuna, dagli Stati Uniti. Sono contenta che state facendo questo per le capre. Persone fantastiche!
    • VF
      Valeria  Portate in salvo tutte le carpette, ho delle foto fatte tanti anni fa arrampicate sugli scogli
      • avatar
        Federica  Fin da bimba le vedevo arrampicare in parete in Palmaria ❤
        • avatar
          Luca  Buona fortuna e grazie
          • DB
            Daniele  Devo aggiungere che è grazie alla giornalista Sondra Coggio, della sede spezzina de Il Secolo XIX, che poi la notizia è rimbalzata sui media. Sondra si è impegnata tantissimo per le caprette della Palmaria e bisogna dargliene merito.
            • DB
              Daniele  Spero si possa finalmente risolvere in maniera incruenta. Sono contento che la mia notizia (sono stato il primo a diffonderla) abbia sorbito effetti, ma non sarò soddisfatto fino alla felice conclusione della faccenda. La foto è mia ;) http://partigianocivico.it/wp/index.php/2016/10/24/le-caprette-della-palmaria-sindaco-mi-scrive/
              • FM
                Filippo  Olé