or

Register with your email address

Oppure, solo se sei una persona fisica (NO azienda/associazione), puoi scegliere anche di registrarti con i social:

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Non può andare tutto in fumo

A campaign of
ASSOCIAZIONE NUOVI ORIZZONTI ECOLOGICI

Contacts

A campaign of
ASSOCIAZIONE NUOVI ORIZZONTI ECOLOGICI

Non può andare tutto in fumo

Campaign ended
  • Raised € 1,243.00
  • Sponsors 28
  • Expiring in Terminato
  • Type Donation  
  • Category Environment & pets
  • Obiettivi
    3. Salute e benessere
    13. Agire per il clima

A campaign of 
ASSOCIAZIONE NUOVI ORIZZONTI ECOLOGICI

Contacts

The project

PERCHE’ QUESTO PROGETTO:

A Padova, recentemente dichiarata sito Unesco, a 3 km dalla basilica di Sant’Antonio si trova l’inceneritore San Lazzaro.

Costruito nel 1962 in una zona che in quegli anni era considerata alla prima periferia della città sorge oggi nel bel mezzo di quartieri residenziali e a poche centinaia di metri in linea d’aria dal futuro polo ospedaliero di Padova est.

Padova è una città già fortemente inquinata che vanta tristi primati per qualità dell’aria. 

Nel 2020 come nel 2019 la centralina APS1 di Viale dell’Internato Ignoto, concepita proprio per monitorare le emissioni dell’inceneritore, ha registrato il più alto numero di sforamenti del limite giornaliero di polveri fini PM10 in città (87 sforamenti nonostante il lockdown, contro i 35 ammessi) ed uno dei più alti di tutta la regione, seconda solo alla centralina di  via Tagliamento a Mestre (88 sforamenti)  attribuendosi inoltre la media annua di polveri fini PM10 (37 microg/m3) e di polveri ultrafini PM2,5 (28 microg/m3) più alta della città (dati ARPAV 2020).

In un simile contesto di inquinamento atmosferico già fortemente preoccupante la regione Veneto a fine 2021 ha dato il via libera al potenziamento, mascherato da ammodernamento dell’inceneritore.

Con la quarta linea infatti, nonostante la dismissione delle linee 1 e 2, dalle attuali 165.000 t/anno di rifiuti si arriverà a bruciarne 215.000 t/anno creando inevitabilmente un sensibile aumento degli elementi inquinanti.

Bruciare 50.000 t/anno in più di rifiuti vuol dire produrre ulteriori 70.000 t/anno circa di CO2 nonostante l’Unione Europea ci chieda una drastica riduzione dei gas clima alteranti. Le polveri sottili e gli Ossidi di Azoto aumenteranno di circa il 40% e vi sarà un’inevitabile incremento di diossine, Furani e PCB tutti composti cancerogeni e persistenti nell’ambiente.

CHI SIAMO:

Residenti, associazioni di cittadini, studenti e comitati si sono subito attivati per fermare questo scellerato progetto inviando alle regione una serie di osservazioni contro la costruzione della quarta linea di Hestambiente e contro il Piano Regionale Rifiuti valido per il 2020-2030 e dando vita a forme di resistenza civile attraverso volantinaggio, affissione di striscioni e incontri di sensibilizzazione per i cittadini.

COSA PROPONIAMO:

Le vere alternative all’incenerimento sono la riduzione dei rifiuti (imballaggi, ecc.), il potenziamento dell’estrazione dei materiali riciclabili, applicando l’innovazione tecnologica (lettori ottici, ecc) e ilporta a porta generalizzato con tariffa puntuale: azioni che renderebbero la 4° linea inutile e costosa, utile solo a chi la costruisce per i dividendi che potrà intascare.

PERCHE’ DONARE:

Sostieni anche tu il nostro progetto.

Grazie al tuo contributo potrai aiutarci a finanziare il ricorso al TAR ed altre iniziative contro l’avvio di questo progetto.

Lo diciamo ancora una volta con convinzione: NON PUO’ ANDARE TUTTO IN FUMO!

Comments (9)

To comment you have to
  • MN
    Mario Fausto buongiorno mi si chiede di effettuare la donazione da un conto intestato a me, ma io come tesoriere di Coalizione Civica per Padova sono incaricato di donare dal conto dell'Associazione, come posso fare? grazie
    • avatar
      Lia Una battaglia fondamentale in una città che non ha bisogno di potenziare l'incenerimento dei rifiuti, ma la raccolta differenziata e il recupero.
      • DT
        DANIELA Grazie per il vostro impegno
        • FB
          Federico Una battaglia giustissima contro regione e amministrazione locale che rispondono solo agli appetiti di Hera. Ridurre i rifiuti è necessario non bruciarli
          • OS
            Ornella grazie per l'opportunità di poter sostenere una importante battaglia ambientale
            • GS
              Gianni La terza linea è sufficiente. Bisogna produrre meno rifiuti, riciclarli, riusarli e raccogliere i rimanenti con il porta a porta e tariffa puntuale senza profitti
              • PG
                Pasqualina Sostengo questo progetto perchè la salute non può essere messa in secondo piano rispetto al profitto
                • ML
                  Maria Assunta Patrizia sostengo questo progetto perchè non ci può essere salute se l'ambiente non è in slaute
                  • avatar
                    Maria È una battaglia in cui credo da anni, quando chiedevo la chiusura delle prime due linee. Sono felice che oggi ci sia questa iniziativa e così tante persone se ne occupano ora che il rischio non è solo di continuare a subire l'esistente, ma di veder nascere la quarta linea, inutile, costosa e dannosa.

                    Questo progetto ha segnalato obiettivi di sviluppo sostenibile

                    Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) costituiscono una serie di 17 obiettivi concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite.

                    3. Salute e benessere

                    Buona salute: garantire una vita sana e promuovere il benessere di tutti a tutte le età.

                    13. Agire per il clima

                    Lotta contro il cambiamento climatico: adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze.