or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

NESHO

A campaign of
Nesho Band

Contacts

A campaign of
Nesho Band

NESHO

Support this project
100%
  • Raised € 534.00
  • Sponsors 21
  • Expiring in 125 days to go
  • Type Donation  
  • Category Music & concerts

A campaign of 
Nesho Band

Contacts

The project

NESHO

Ciao a tutti siamo Nesho, ci sentiamo Nesho e viviamo Nesho!

Nesho è una band che ama identificarsi come un’unità di cui ogni membro è parte fondamentale e integrante, un’entità singola in cui sono proiettate le vite di ciascun componente.

Trova la luce nella primavera del 2021 e ad oggi è composta da Riccardo Brunello (Bruno) alla voce e quando gli garba alla chitarra ritmica, Alessandro Ardizzon (Ardy) alla chitarra elettrica, Stefano Donà (Stefano, si perchè i bassisti non meritano un soprannome) al basso, Marco Fiorese (il Maestro perché, anche se non sembra, studia al conservatorio) alle tastiere e Marco Ortolan (Marcone, sì perché lui è grande e forte) alla batteria.

Le origini

Tutto nato dalla volontà di Riccardo (cantante) che fino ad allora scriveva brani esclusivamente in lingua inglese, di esprimersi nella sua lingua madre, nella sua lingua di tutti i giorni, quella che più facilmente avrebbe trasmesso le sue sensazioni al pubblico: l’italiano.

Alessandro (chitarrista) faceva parte del suo stesso gruppo e da anni tra i due era venuta formandosi non solo una grande intesa a livello musicale, ma anche una grande amicizia.

Queste premesse hanno dato a Riccardo tutte le motivazioni per mettere Alessandro al corrente della nuova avventura in cui voleva lanciarsi. Questo, venuto a conoscenza delle intenzioni del suo caro, dolcissimo, bellissimo e simpaticissimo amico, ha preso la palla al balzo e ha deciso così di unirsi a lui nella ricerca di una nuova formazione che potesse soddisfare le loro esigenze.

Non hanno dovuto fare molta strada per accaparrarsi un batterista di tutto spessore. Marco, infatti, da mesi li accompagnava come fonico nei loro concerti e una volta ascoltato il progetto si è dimostrato fin da subito entusiasta a prenderne parte.

Una volta iniziata la collaborazione tra i tre, è sopraggiunta la tragica pandemia che tutti conosciamo e che tutti abbiamo subito. Non abbattuti e più affiatati che mai optano per il lavoro a distanza e, raramente, quando possibile in presenza, ma tutto esclusivamente a livello di pre-produzione. Questa situazione inaspettata ha avuto alcuni effetti positivi, come, permettere a Bruno, Ardy e Marcone, di sviluppare e affinare capacità in merito all’ homerecording , utili per qualsivoglia artista musicale moderno.

È indubbio che il particolare momento storico abbia messo a dura prova i loro “programmi di reclutamento” e, come qualsiasi persona è in grado di dedurre, la distanza per un breve periodo ha avuto come conseguenza il raffreddamento dei contatti e di conseguenza della musica stessa.

Non si sono dati per vinti e sfruttando al meglio le riaperture concesse dal Governo, tra il 2020 e il 2021 sono riusciti a trovare i membri che gli servivano per dare sempre più forma al sogno che li accompagnava da mesi.

Dapprima sono riusciti a contattare il Maestro tramite un fortuito caso. Un suo amico era collega di Riccardo e non poteva che finire nel modo più sperato. Stefano, invece, è stato notato attraverso un video pubblicato su instagram in cui dava prova della sua abilità al basso (e non solo). La presenza di una tastiera non ha solo donato maggior colore ai brani fino ad allora realizzati, ma ha fornito alla band spunti e empowerment in termini di adattabilità, versatilità e complessità sia melodiche che armoniche. D’altro canto il basso ha contribuito a una rivisitazione e a una maggiore attenzione alle parti ritmiche valorizzandole e arricchendole. La band era finalmente al completo.

Cosa facciamo?

Tutti i membri di Nesho vengono da esperienze, sia d’ascolto che pratiche, differenti.

Questo colorato afflusso influenze e le molteplici ispirazioni sono tutt’oggi sentite all’interno del gruppo che però è riuscito ad amalgamarle in qualcosa di vario, ma al contempo dal sound sempre più chiaro, distinguibile ed efficace.

Il genere di Nesho diventa così una fusione tra pop music, neo-soul, funky, indie-alternative con qualche leggere sfumatura di pop rock.

In poche parole un genere che faciliti la veicolazione dei messaggi al pubblico e che per questo motivo sia sempre condito di leggerezza e orecchiabilità, ma che non risulti scontato.

Ecco perché l’attenzione per gli arrangiamenti è molta, motivata sia dal divertimento da parte di tutto il gruppo e dall’affiatamento che li lega, sia dalla curiosità di cimentarsi in continue novità e complessità.

Uno spirito dettato dalla consapevolezza che ciò che funziona, non è mai semplice e che perfino la semplicità è spesso la difficoltà maggiore.

A tutto ciò si aggiunge una tipologia di scrittura testuale molto introspettiva, spesso autobiografica, a volte profonda e altre leggera. Ciò che spinge ogni testo a non seguire per forza delle regole preannunciate è la volontà formale do adattarsi nel modo più adeguato alla musica del brano su cui va a coricarsi.

Perché apriamo una campagna di crowd-funding?

Ciò che ci spinge ad aprire questa campagna innanzitutto risiede nel fatto che crediamo fermamente in questo progetto e questa nostra convinzione deriva anche dal riscontro che abbiamo avuto da parte del pubblico presente ai nostri concerti (quelli che siamo riusciti a portare a casa nonostante una pandemia) e da chi ha avuto il piacere di ascoltare in anteprima le nostre pre-produzioni.

A questa motivazione, in un certo senso, idealistica, va aggiunto un motivo più pratico.

A novembre inizieremo un intenso e dispendioso percorso di registrazioni che ha bisogno di essere sostenuto finanziariamente.

Siamo volenterosi e professionali, ma al contempo siamo giovani (i più vecchi di noi sono del 1997, il più giovane è del 2000) e oltre al mestiere di musicisti, siamo studenti universitari e stagisti, perciò risulta faticoso riuscire a reperire i fondi necessari a soddisfare i bisogni che nel prossimo futuro ci troveremo ad affrontare.

Avremmo voluto sostenerci per mezzo dei concerti, ma come potete immaginare, il virus che ha colpito tutto il mondo ci ha per mesi e mesi tolto ogni respiro e ogni possibilità di suonare in pubblico e di essere perciò pagati per farlo. Vogliamo essere pienamente sinceri con tutti voi, una parte riusciamo a finanziarla con i live che, dall’estate 2021, sono costanti nel nostro percorso, ma si tratta di una parte esigua e perciò non sufficiente.

Quello che vi chiediamo con tutta la consapevolezza e l’umiltà che ci contraddistingue è un contributo di qualsiasi entità, anche piccolo, che possa sostenere non solo noi, ma in senso lato nuova musica e nuova arte. Credete in noi, vi stupiremo e non vi dimenticheremo mai.

Vi ringraziamo per il tempo, vi amiamo a prescindere e tutto quello che sognamo è di portarvi con noi nel mondo Nesho.

Comments (2)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Giorgia Quello col cappello non mi piace
    • avatar
      Martina buona fortuna!

      Gallery

      Vuoi sostenere questo progetto?