oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

LOTUS FAMILY

Una campagna di
Renata Porretti

Contatti

Una campagna di
Renata Porretti

LOTUS FAMILY

LOTUS FAMILY

Sostieni questo progetto
22%
  • Raccolti € 785,00
  • Obiettivo € 3.500,00
  • Sostenitori 15
  • Scadenza 5 giorni rimanenti
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Fundraising personale

Una campagna di 
Renata Porretti

Contatti

Il Progetto

Ad aprile accoglieremo la vita di una splendida creatura a casa nostra e vorremmo poterlo far nascere, crescere ed educare rispettando i nostri desideri, filosofie e ideali. Nella nostra società tutto ciò che si distanzia dai metodi ordinari può divenire estremamente complicato a livello economico e noi non vorremmo che fossero i soldi ad impedirci di realizzare il nostro sogno genitoriale.

Il parto in casa, i pannolini ecologici e biodegradabili, l'istruzione alternativa, le cure naturali, il percorso nella società senza vaccinare il cucciolo richiedono molti più soldi di quelli che noi come coppia di lavoratori riusciamo a produrre. Quindi le alternative sono due o smettiamo di credere nel mondo in cui abbiamo sempre creduto o proviamo a chiedere solidarietà a chi la pensa come noi, magari intessendo una rete con chi ha già intrapreso questo cammino o pensa di farlo.

Noi siamo Renata e Juan, una coppia in cammino spirituale e creativo. Io, Renata, sono una massaggiatrice, tarologa, futura “alberista” (figura che facilita nella lettura e interpretazione dell’albero genealogico) e consulente olistica e spirituale, particolarmente legata alle tecniche sciamaniche di cura. La mia missione è la guarigione e il processo di evoluzione del femminile e del maschile come integrazione di queste due meravigliose parti che ci appartengono e ci completano.

Il mio compagno Juan è uno storico dell’arte e musicista che si occupa principalmente di percussioni e flauti e lavora con la permacultura, l'agricoltura sinergica e biodinamica con un particolare sguardo all'aspetto pedagogico per l'insegnamento a bambini e adulti per portare la consapevolezza di una forma più etica e sana di vivere, coltivare e cogliere ciò che questa splendida Terra ha da offrire.

Siamo molto curiosi e aperti alla creatività cercando e sperimentando forme di sostentamento alternative come la produzione di conserve e cibi essiccati biologici e a km o e la costruzione di manufatti artigianali, come i mandala Ojo de Dios, da destinare alla vendita o allo scambio.

Durante l’estate , in concomitanza col lavoro che svolgiamo nell’area in cui viviamo, giriamo per festival olistici, biologici e musicali dove sia presente una Healing Area, io portando le mie competenze attraverso trattamenti individuali, cerchi di donne e misti, Juan portando la sua musica e le sue conoscenze legate alla cura e al rispetto della Terra e vendendo i prodotti di nostra produzione.

Viviamo in affitto in una vecchia stalla di sasso ristrutturata e adibita a casa sui colli bolognesi, abbiamo un orto e alcuni alberi da frutta da cui traiamo parte del nostro alimento, e cerchiamo di affidarci ai GAS (Gruppi di Acquisto Solidale) per la maggior parte dei beni di sostentamento di cui necessitiamo e in una piccola parte ci forniamo in supermercati, con l’intento di ridurre sempre di più il consumismo e di appoggiare e sostenere gli agricoltori e le imprese biologiche locali. Cerchiamo di risparmiare anche sui consumi con una stufa a legna, un camino e una stufa a pellet per scaldare il nostro nido.

A breve metteremo al mondo una meravigliosa creatura e desideriamo darle una vita il più possibile libera e creativa e una nascita naturale e serena e per questo abbiamo il desiderio di fare il parto in casa con Nascita Lotus.

Ma cos'è la Nascita Lotus?

Si tratta di un metodo antico e ancestrale perso nel tempo e che sta ritornando nella realtà odierna da qualche decennio, ma che purtroppo non è ancora ampiamente conosciuta e consiste nel non tagliare il cordone ombelicale al momento della nascita ma lasciare che nascituro, cordone e placenta restino connessi fino al distacco naturale.

In che modo?

A livello fisico e fisiologico ci sono svariati vantaggi e i bambini non subiscono il trauma di dover imparare a respirare improvvisamente dopo 9 mesi all'interno di un ambiente liquido. Attraverso il cordone avviene uno scambio di ossigeno anche dopo la nascita, permettendo ai nascituri di abituarsi al nuovo ambiente un po’ alla volta. I livelli di emoglobina e di ematocrito nel sangue dei neonati Lotus sono nettamente più alti rispetto a quello dei nati con metodo tradizionale quindi con taglio immediato del cordone, in quanto in quest'ultimo è contenuto molto sangue pieno di nutrienti e mantenerne la connessione contrasta fortemente problemi come l'anemia neonatale; inoltre favorisce l'innalzamento delle diverse immunitarie dei bambini

A livello spirituale i bambini mantengono un’integrità: coloro che sostengono la Nascita Lotus e che ne hanno fatto larga esperienza, come “l’ostetrica dai piedi scalzi” Ibu Robin Lim e Shivam Rachana, affermano che la placenta sia il nostro Angelo Custode e che la separazione immediata dal cordone ombelicale e quindi dalla placenta costituiscono un trauma profondo nell’Essere Umano che viene alla Luce, creando una conseguente sensazione di divisione da sé stesso e dalla Madre terra che lo accoglie. Risulta inoltre che i bambini nati con la Nascita Lotus abbiamo ricordi vividi e chiari della loro gestazione e della loro nascita, prova ulteriore della capacità della placenta di portare nei bambini una presenza e una chiarezza mentale e emozionale che va ben oltre ciò che si può immaginare.

Inoltre la placenta si può definire una panacea: per esempio, se si verifica un’emorragia durante il parto, mangiarne una parte ferma in brevissimo tempo la fuoriuscita di sangue. Si possono inoltre fare quelli che sono chiamati rimedi placentari: si tratta, per esempio, una volta che il cordone si è naturalmente staccato dall’ombelico dei bambini, di reidratare la placenta, eliminare le parti non trattabili come le vene, affettarla e disidratarla creando una polvere che sarà un integratore molto efficace per il bambino e per i genitori, in particolar modo per la madre. Ci sono poi svariati modi di produrre rimedi placentari .La placenta infatti aiuta a stimolare la montata lattea, riduce drasticamente per non dire completamente gli episodi di depressione post-partum, aiuta dopo il parto a fermare in brevissimo tempo perdite di sangue in caso di emorragia al momento del parto, è un energetico e un immunostimolante.

Ultimo ma non meno importante è l’aspetto rituale legato alla Nascita Lotus: appena dopo il secondamento, ovvero l’ultima fase del parto in cui la placenta viene espulsa, questa può essere appoggiata su un foglio di carta da disegno girandola da ambo i lati, creando un quadro che potrà essere appeso nella stanza del nascituro come ricordo e come protezione. Con il cordone ombelicale reidratato si potrà creare un acchiappasogni: si modella il cordone come un cerchio e poi con dei fili si tesserà la tela, si potranno applicare pietre, piume e abbellire questo meraviglioso oggetto da appendere alla culla sempre come protezione per il neonato.

Le parti non trattabili per il rimedio placentare si potranno seppellire in un luogo sacro e sicuro e piantare un albero come simbolo di nascita, evoluzione e affidamento all’Universo e ai suoi cicli che ci guidano e ci accompagnano nel cammino della nostra esistenza terrena.

Insomma direi che i motivi di questa scelta sono i più svariati, troviamo che sia un modo sano, etico, evolutivo e perché no, anche romantico, per accogliere il miracolo della Vita di cui abbiamo l’onore di essere partecipi.

Ma il processo non si ferma alla nascita ovviamente. C’è una vita da guidare e da accudire, con tutto quello che ne consegue. Per quanto riguarda i beni utili a tutto questo ci affidiamo per quanto possibile al riciclo e riuso di vestiti, lettino, fasciatoio, passeggino, sia tramite circuiti che passano gratuitamente questa tipologia di articoli, sia attraverso negozi dell’usato.

Il costo maggiore in una realtà come la nostra, sotto questo punto di vista, sono i pannolini biodegradabili e la sanità. Stiamo decidendo di utilizzare i pannolini lavabili da usare in casa, ma per una questione di praticità, nei primissimi mesi e nei momenti in cui siamo in viaggio, necessitiamo di un’alternativa pratica ma non inquinante, e i pannolini biodegradabili sono a nostro avviso la soluzione più ottimale, anche se hanno un costo considerevole rispetto ai pannolini classici che però inquinano.

Per quello che concerne la sanità, trovare un pediatra che segua vie alternative alla medicina tradizionale e che sia aperto alla concezione di un’alimentazione vegetariana per i bambini è motivo di ricerca accurata e comporta costi ulteriori: noi non assumiamo farmaci e ci curiamo, le rare volte che ce n’è la necessità, con rimedi naturali, non mangiamo carne, pesce e raramente mangiamo latticini. Ci nutriamo sostanzialmente di frutta fresca e secca, verdura, cereali, legumi, e uova, e troviamo grande beneficio a livello di salute in questa scelta, per non parlare dell’aspetto umano legato al non maltrattamento degli animali.

Se si vuole guardare al futuro c’è poi il discorso dell’istruzione, legata al tema della libertà di espressione e dei vaccini. Le possibilità che vagliamo sono la scuola famiglia, la scuola paritaria e/o libertaria, con applicazione di metodi montessoriani e steineriani, e anche queste soluzioni possono dover far fronte a delle spese: fare scuola famiglia spesso significa spostarsi e viaggiare per rendere esperienziale l’apprendimento, così come esistono scuole alternative che hanno costi ridotti e altre che ne hanno di più elevati.

Quello che stiamo chiedendo sono 3500 euro

Che andrebbero suddivisi in questo modo:

1000€ nascita

750€ pannolini usa e getta biodegradabili x i primi 3 anni

150€ pannolini lavabili fino ai 3 anni di età

600€ spese mediche x i primi tre anni

1000€ spese varie (educazione e apprendimento fino al terzo anno di età, alimentazione biologica)

Abbiamo molta fede in un futuro diverso, più libero e votato alle necessità di espressione e di evoluzione delle nuove generazioni che stanno arrivando tra noi.

Per tutti questi motivi siamo qui a chiedere il vostro contributo per rendere questa nostra visione una realtà il più possibile fluida e armoniosa da attuare.

Siamo disponibili ad accogliere chiunque voglia avere informazioni e voglia approfondire i temi che abbiamo trattato.

Vi ringraziamo anticipatamente per il vostro sostegno e aiuto e vi abbracciamo dal profondo del cuore e dell’anima.

RENATA E JUAN

PER APPROFONDIMENTI:

Robin Lin - IL LIBRO DELLA PLACENTA - il Chakra dimenticato

Shivam Rachana - LOTUS BIRTH: IL PARTO INTEGRALE - Nati con..la placenta!

Commenti (2)

Per commentare devi fare
  • RZ
    Raffaele  Fatto (Egle Acuzio)
    • VB
      VALENTINA  Renata, un abbraccio!!! Mi piace pensare di potermi occupare per un anno dei pannolini lavabili per la vostra splendida creatura, in qualità di "zia" della nostra Famiglia Cosmica bolognese.

      Gallery

      Vuoi sostenere questo progetto?