oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Recupera la tua password

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Password inviata

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Finanziato

Le cicale

50
sostenitori
Fine

IL DOCUMENTARIO


Quando l’estate finisce, la formica previdente passerà un inverno sereno, la cicala che ha preferito cantare tutto il tempo invece morirà al freddo. Ma che succede se anche i chicchi di grano messi da parte dalla formica non sono più sufficienti ad affrontare l’inverno ? 

Le cicale è un viaggio intimo nella vita di chi, già andato in pensione o in procinto di andarci, si ritrova a lottare ancora per sopravvivere, perché lo stato sociale oggi non basta più a garantire una serena “età del riposo”. Per tutti, quando l’inverno è arrivato, i chicchi di grano messi da parte non erano sufficienti, spesso nemmeno ad avere la certezza di poter dormire con un tetto sopra la testa. Ma il destino non li ha piegati, questi pensionati ed esodati non sono rassegnati ma pieni di energia, perché sanno che è un loro diritto arrivarci vivi alla morte. Un racconto corale, dove attraverso le voci di queste ‘cicale’ loro malgrado, ci troviamo di fronte una possibile verità, che il futuro dei giovani sarà molto simile al presente dei vecchi. 

Il progetto ha il patrocinio di Arci e Ucca-Unione dei Circoli del Cinema dell'Arci

 

PERSONAGGI PRINCIPALI

 

                                                  

 Mario ha 80 anni, una pensione di 650 euro e rischia lo sfratto per finita locazione.
 Da giovane “è morto fra le braccia di Anna Magnani”, recitando nel film Camice Rosse, poi è emigrato in Germania. Tornato in Italia ha lavorato per 20 anni in una cooperativa di spedizioni, vivendo sempre nel quartiere Cinecittà, vicino gli studios di cui è stato una   promessa mancata.

  

                                                  

    Giuliana ha cresciuto 4 figli maschi da sola, ha 82 anni e ogni pomeriggio esce per andare in un bar di Torpignattara a Roma, dove cerca di convertire “le genti” alla parola di Cristo. Giuliana è una fervente evangelica, prende la pensione di reversibilità del marito ed è stata sfrattata per finita locazione. Oggi vive in una piccola casa di 30mq a Centocelle.

   

                                                                                                                      Pino ha 71 anni, due matrimoni alle spalle e una figlia appena maggiorenne; lavorava come rappresentante di una ditta di pellami e come hobby viaggiava in tutto il mondo. Dopo essere  stato sfrattato per morosità, vive in una casa occupata vicino la stazione Anagnina, alla  periferia di Roma e percepisce una pensione minima di 500 euro.

 

                                                  

 Marco, il più giovane, ha perso il lavoro di capo cantiere quando aveva 48 anni, da quel giorno riesce a lavorare soltanto in nero e potrà raggiungere la pensione minima di vecchiaia,  ma non quella contributiva, solo dopo i 70 anni. Si è separato e ha perso la casa, anche lui  vive in un’occupazione alla periferia di Roma.

 

IL CONTESTO

La situazione è drammatica: in Italia 7 milioni di pensionati vivono con meno di 1.000 al mese, (il 17% sotto i 500 euro) e 400.000 invece sono le persone che hanno perso il posto di lavoro in età avanzata (per lo più over 50), ma che non hanno ancora maturato i requisiti per ottenere la pensione di vecchiaia: troppo giovani per andare in pensione ma troppi vecchi per trovare un nuovo lavoro.

 

NOTE DI REGIA

Nell’estate del 2009, con una piccola telecamera, abbiamo registrato una serie di interviste in un condominio di Roma, quartiere Cinecittà. Si trattava di una vicenda di sfratti, con la particolarità che le lettere recapitate per “fine locazione” erano indirizzate soltanto agli inquilini anziani dell’immobile. Il proprietario avevo scelto con cura i soggetti più fragili. 8 anni dopo abbiamo ritrovato quel materiale e rivedendolo c’è venuta voglia di tornare in quel condominio e di realizzare una storia sulla vita degli anziani a Roma in questi difficili anni di crisi. Alcuni di loro sono morti, altri andati via, qualcuno è rimasto.

La vecchiaia è un’età difficile da raccontare, che richiede tempo, dove il corpo decade, i ricordi diventano frammentari e la fiducia e la disponibilità verso un racconto video non è facile da ottenere, perché inevitabilmente altera quelle piccole abitudini quotidiane a cui gli anziani sono gelosamente attaccati, avendo un minore controllo del mondo circostante, sia fisico che mentale, più simili a dei bambini che a degli adulti.

Per avvicinarsi a questa percezione abbiamo amalgamato due differenti registri: l’intervista e la presa diretta. Con le interviste abbiamo soddisfatto il bisogno che hanno gli anziani di parlare di sé e di sentire che l’interlocutore è interessato a loro; ci hanno raccontato della lotta per la sopravvivenza che quotidianamente affrontano e del disagio che vivono, ma anche della loro vita passata: gli amori, i figli, i viaggi, il rapporto con i loro genitori. Con la presa diretta invece abbiamo potuto raccontare la vita di tutti i giorni: gli uffici comunali, la palestra, mentre mangiano o si fanno la barba, durante i giorni difficili dello sfratto, quando pregano o vanno al cimitero o più semplicemente a prendere un caffè al bar.

I personaggi che abbiamo scelto hanno tutti un comune denominatore: pur nelle difficoltà nessuno si è arreso. Dare voce alle loro storie personali non significa indugiare sul loro disagio o soffermarsi in modo passivo di fronte alle difficoltà, ma cercare invece di darne un‘immagine positiva, almeno nella volontà di non lasciarsi andare e di cercare sempre una soluzione. Le nostre cicale sono molto formiche.
 

CHI SIAMO 

Emiliano Mancuso nasce a Roma nel 1971. Ha iniziato tardi a pensare alla fotografia come mezzo espressivo per documentare la realtà. Laureato in Filoso fia nel 1997, specializzato in Estetica, era interessato all’immagine soltanto come problema filosofico. Lasciati gli studi postuniversitari, ha iniziato a lavorare collaborando con le più importanti testate nazionali ed internazionali: National Geographic, The New York Times, Newsweek, Time, L’Espresso.
Nel 2011 pubblica il libro Stato d’Italia e vince il Picture of the Year.
Nel 2014 ha realizzato il suo primo documentario Il diario di Felix in concorso al 55° Festival dei Popoli in concorso nella sezione Panorama e in nomination al Globo d’oro 2015 come miglior documentario.

Federico Romano nasce a Roma nel 1988. Dopo la laurea in Disegno Industriale all’ISIA di Roma e il master presso la Scuola Romana di Fotografia, si trasferisce e lavora a Berlino. Tornato in Italia nel 2013, frequenta il corso di fotogiornalismo presso Officine Fotografiche e realizza il suo primo reportage sul tema dell’emergenza abitativa a Roma. Il lavoro è stato esposto per la prima volta durante la X edizione di FotoLeggendo e pubblicato su L’Espresso. Collabora come videomaker con agenzie pubblicitarie, ha realizzato video per Volkswagen, Mercedes Benz, Smart, Nissan, Amgen, Merck & Co, BNL Paribas, Aim Group, AstraZeneca

ZONA (www.zona.org): è un luogo sensibile ai nuovi linguaggi della fotografia, del video, del giornalismo e alla condivisione tra professionisti. Fondata sui valori dell’etica e della conoscenza, Zona è aperta non solo alla documentazione fotografica e audiovisiva tradizionale, ma anche a contributi che arrivano dalla ricerca e dallo studio di materiali fotogra fici storici e poco conosciuti, così come a linguaggi creativi sperimentali.

 

GLI OBIETTIVI DEL CROWDFUNDING             

La campagna di crowdfunding servirà a:

- sostenere le spese di montaggio;
- sostenere le spese di post produzione audio e video;
- realizzare una colonna sonora originale.

  • MD
    Marcello
    2 mesi, 1 settimana fa
    Felice di contribuire a questo nuovo progetto di Emiliano
  •    
    • avatar
      Giuditta
      2 mesi, 2 settimane fa
      Da pensionata solidarietà non potevo non sostenerlo
    •    
      • RC
        Roberta
        2 mesi, 2 settimane fa
        forza!
      •    
        • GL
          Giancarlo
          2 mesi, 4 settimane fa
          fate un buon lavoro!!!!
        •    

          per commentare devi fare login
            • dieci euro

              nome e cognome nei titoli di coda

              10.00
            • venti euro

              Il Dvd del documentario spedito a casa tua + nome e cognome nei titoli di coda

              20.00
            • trenta euro

              Il Dvd del documentario spedito a casa tua + una polaroid del progetto firmata dagli autori + nome e cognome nei titoli di coda

              30.00
            • duecentocinquanta euro

              Sei un comune, un'associazione, un ente, un club, una scuola, una biblioteca? Puoi affittare il documentario e organizzare una proiezione pubblica con la partecipazione del regista (*spese di viaggio escluse)

              250.00
            • tremila euro

              Coproduzione del documentario. Contattaci per decidere insieme le modalità di coproduzione

              3.000.00