or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

La scuola senza mura: disegnare la città che educa.

A campaign of
Giuseppe Campagnoli

Contacts

A campaign of
Giuseppe Campagnoli

La scuola senza mura: disegnare la città che educa.

Campaign ended
  • Raised € 150.00
  • Sponsors 3
  • Expiring in Terminato
  • Type Keep it all  
  • Category Books and publishing

A campaign of 
Giuseppe Campagnoli

Contacts

The project

Mai più studenti chiusi per ore dentro le mura di un reclusorio scolastico. La città sarà il luogo della educazione, della scoperta, dell'apprendere. Chi ha a cuore l'educazione e la città non può fare a meno di leggere questo libro.

Il libro sarà la prosecuzione del racconto del viaggio guidato dentro la città educante dove molti sono i luoghi da disegnare e da ridisegnare. Potrà guidare,come in una specie di manuale, architetti, educatori, insegnanti, amministratori e genitori visionari e appassionati a costruire un isolato educante, un quartiere educante, una intera città educante. La città nella sua interezza ed il suo intorno ambientale sono da riconcepire. Il libro, che è la naturale prosecuzione  in chiave squisitamente architettonica, del pamphlet "La città educante. Manifesto della educazione diffusa" di Paolo Mottana e Giuseppe Campagnoli edito nel 2017 da Asterios  di Trieste e del volume "L'architettura della scuola" di Giuseppe Campagnoli edito da Franco Angeli nel 2007, sarà prodotto in lingua italiana, francese e inglese e distribuito in tutto il mondo attraverso Amazon e iTunes.

E’ tempo di mettere nero su bianco, nel senso del disegno anche solo raccontato e non necessariamente costruito come faceva Aldo Rossi. Ho preso i miei appunti e disegnato scene e luoghi nel viaggio breve con Paolo Mottana seguendo le sue parole e le sue considerazioni. Ho anche riletto in modo profondo ed attualizzato “La città giardino del domani” di Ebenezer Howard. Di due splendide utopie si può fare una realtà. Per trasformare la città e la campagna in città educante occorre intervenire anzitutto nei luoghi su cui posare una nuova organizzazione di quella che una volta chiamavamo scuola perché non sia più distinta e separata dalla vita quotidiana e dai suoi personaggi e perché sia quel motore della conoscenza e della crescita che alla città manca da tempo. Il viaggio dell’ultmo capitolo del libro “La città educante. Manifesto della educazione diffusa” fa intravvedere come potrebbe essere questa città del futuro che non separa più l’urbanitas dalla campagna ma nemmeno la scuola dalla città e dalla campagna, la vita intera da tutte le sue mirabili varianti. L’educazione si gioverebbe del fatto di avere a disposizione spazi urbani qualificati insieme a spazi rurali e selvatici tornati alla sostenibilità delle colture e della vita agreste. Contribuite per la scrittura di questo progetto urbano della città che educa.

Il budget del progetto verrà impiegato per l'editing e la stampa a colori del libro (circa € 5000,00)  per la realizzazione dei gadget di ricompensa e la loro spedizione  per la pubblicità, la distribuzione, gli oneri di PdB e fiscali.La Scuola senza mura apetta il vostro sostegno! Il progetto editoriale verrà ridotto in proporzione alla somma raccolta al netto delle spese e le ricompense saranno distribuite entro i primi mesi del 2018. Abbiamo poco più di quattro mesi per raccogliere la somma indispensabile alla pubblicazione e distribuzione del volume che affideremo ad un editore indipendente che si renderà disponibile. Le traduzioni saranno effettuate compatibilmente con il budget realmente raccolto. Il testo originale è in italiano.

La bozze provvisorie della copertina e l'anteprima della bozza elettronica su iTunes

Comments (0)

Per commentare devi fare

    Community