or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

La Clubhouse degli All Reds

A campaign of
All Reds Rugby Roma

Contacts

A campaign of
All Reds Rugby Roma

La Clubhouse degli All Reds

Support this project
9%
  • Raised € 1,850.00
  • Target € 20,000.00
  • Sponsors 31
  • Expiring in 162 days to go
  • Type Keep it all  
  • Category Community & social

A campaign of 
All Reds Rugby Roma

Contacts

The project

Nella società del capitalismo sfrenato e della spettacolarizzazione i grandi eventi sportivi sono diventati sinonimo di speculazione e pretesto per intervenire barbaramente nel paesaggio urbanistico e sociale.
Ripercorrendo solo alcuni grandi eventi sportivi di questi ultimi 15 anni (da Torino 2006 ad Atene 2008, dai mondiali di nuoto a Roma nel 2009 alla doppietta mondiali ed olimpiadi 2014-2016 in Brasile), ci restituiscono un immagine di come lo sport sia diventato il cavallo di Troia del capitale e degli speculatori immobiliari, l’occasione per le avanguardie della finanza per mettere le mani su interi paesi eludendo leggi e diritti fondamentali.
Roma non è per nulla immune al cancro della speculazione cementizio-sportiva: i mondiali di nuoto del 2009, la città del rugby a Spinaceto o la vela di Calatrava sono solo alcuni grigi e tristi frame di una città dove le cricche del cemento la fanno da padrone mentre le aree destinate alla pratica sportiva scarseggiano o sono fatiscenti. In un Paese in cui mancano palazzetti dello sport, impianti nelle scuole e nei quartieri, in cui i beni comuni capaci di generare ricchezza sociale sono sempre più sott’attacco trovano invece spazio le grandi opere inutili ( dal TAV al MUOS, dal TAP alle TRIVELLE. )

Noi All Reds crediamo che lo sport sia inclusione, aggregazione, integrazione e quindi un diritto inalienabile di ogni persona che debba essere garantito da welfare e politiche sociali adeguate, e perciò immaginiamo una città dotata di impianti di quartiere polifunzionali, palestre per le scuole, strutture accessibili a tutte e tutti, fruibili dalla comunità, e di certo non una città che presta il fianco ad attività affaristico speculative.

Spinti da quest’idea di sport nel lontano 2004 siamo entrati la prima volta ad Acrobax, quello che una volta era il cinodromo della capitale, e sul quel campo dove un tempo correvano i cani ci siamo immaginati uno spazio da restituire alla comunità, uno spazio dove poter praticare sport libero, gratuito e accessibile a tutte e tutti, uno spazio dove giocare al meraviglioso gioco del rugby.
Ci siamo riappropriati di quello spazio abbandonato, lo abbiamo trasformato e lontani da interessi, dalle logiche economiche e di mercato ne abbiamo fatto un luogo sociale dove praticare sport popolare gratuito, cultura e aggregazione. Contrari all’idea machista dello sport come cura estetica ed esteriore del proprio corpo, alla violenza di genere e a qualsiasi tipo di sopraffazione, alla visione dello sport come mero intrattenimento e strumento per apparire e non essere, vediamo nello sport uno strumento che va oltre le differenze tanto da esaltarle e diventare la nostra forza.
Negli anni siamo diventati una grande comunità che sfiora i 200 atleti tra seniores maschile, femminile e giovanili che si rispecchia in questi valori, che crede nella difesa degli spazi conquistati, nella valorizzazione dei beni comuni, lontani dalle logiche del profitto, che lotta per evitare la chiusura delle tante realtà sociali oggi a rischio, spazi sotto la continua minaccia di sgombero e di risarcimento, una comunità che crede nella forza dello sport popolare come motore di progetti di riqualificazione e sviluppo urbano e di inclusione sociale. Uno sport che altro non può che definirsi anticapitalista e quindi antifascista, antisessista e antirazzista.

Oggi, spinti più che mai dal nostro motto Mai un passo indietro, guardiamo in grande, continuiamo a immaginare, a sognare uno spazio adeguato alla nostra grande famiglia sportiva.
Ed è per questo che abbiamo deciso di lavorare alla costruzione della nuova Club House in maniera totalmente autofinanziata, un progetto ambizioso, faticoso, ma indispensabile.
Uno spazio che modificheremo con le nostre forze ed energie, libero e aperto a tutte e tutti, che sarà palcoscenico di momenti aggregativi davanti a birre e terzi tempi, ma anche davanti a proiezioni di partite, di film, di presentazioni di libri, dibattiti e quant’altro. Uno spazio che per una realtà come la nostra, diventerà la principale la principale fonte di sussistenza, di autogestione e autofinanziamento.
Una grande sfida, ma un passo necessario alla soglia dei nostri 15 anni, perchè ci piace ricordare che "a volte la storia ha bisogno di una spinta" e il nostro sport ce lo insegna tutti i giorni che la spinta e il sostegno sono pratiche fondamentali.

La nuova club house si svilupperà quindi nel tunnel che ospita quella attuale, in un area di 210 mq, di cui circa 165 mq saranno dedicati alla clubhouse e circa 45 mq saranno adibiti a magazzino per gli altri laboratori del nostro spazio, Acrobax.

La clubhouse prevede due aree principali: un’area di 115 mq, in cui è incluso un piccolo spazio di accoglienza/segreteria , un bar , un magazzino ad uso del bar, uno spazio per tv e visione partite . Una seconda area, di 50 mq circa è adiacente alla prima e sarà adibita a sala riunioni e comprensiva di magazzino per stock materiali, merchandising, ecc.
Il lato lungo della club house sarà dotato di finestre e di una porta secondaria che affacceranno sul baricadero.

I lavori prevedono la ristrutturazione dell’intero tunnel. Tra i lavori principali è prevista la demolizione dell’attuale parete laterale in plexiglas e ferro e la costruzione di una parete in muratura (GASBETON), la demolizione completa del pavimento in linoleum e posa del pavimento in grès porcellanato, l’impermeabilizzazione della copertura oltre a tutti i lavori di demolizione, le opere murarie e la predisposizione all’impianto elettrico.
La pittura delle pareti e l’infilaggio e montaggio frutti dell’impianto elettrico è escluso dai costi e saranno lavorazioni svolte dagli All Reds.
La posizione delle finestre riportata nella pianta è da intendersi orientativa.



Come ricompensa per il tuo sostegno abbiamo una stampa a colori autografata di Zerocalcare

Inoltre, per ogni offerta superiore ai 10 euro, verrai omaggiato con gadget targati All Reds da ritirare a fine campagna.


Il Documentario "Rosso vivo"

https://www.facebook.com/rossovivodoc

www.allreds.it

Comments (7)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Mauro  Grandissimi. Adoro questo progetto. non vedo l'ora di venire li, sedermi a bere una birra e vedere magari i miei figli, quando saranno cresciuti ancora un po', fare il passaggio vincente per una meta.
    • fb
      francesca romana  Daje forte
      • avatar
        Livia  Daje Reds! Evviva la Club house! Vi si vuole bene...
        • FS
          Francesco Maria  Daje Forte rossi!
          • avatar
            Gianluca  Per mio figlio e per tutti gli altri/e
            • avatar
              Daniele  Daje Reds! Tutto il bene del mondo per questo progetto :) Danielone vostro
              • aL
                adriano  Mai un passo indietro. Avanti All Reds, fino alla meta

                Gallery

                Community

                Vuoi sostenere questo progetto?