or

Register with your email address

Oppure, solo se sei una persona fisica (NO azienda/associazione), puoi scegliere anche di registrarti con i social:

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

La Casa cambia casa: una nuova sede per Casa delle donne per non subire violenza

A campaign of
CASA DELLE DONNE PER NON SUBIRE VIOLENZA APS

Contacts

A campaign of
CASA DELLE DONNE PER NON SUBIRE VIOLENZA APS

La Casa cambia casa: una nuova sede per Casa delle donne per non subire violenza

La Casa cambia casa: una nuova sede per Casa delle donne per non subire violenza

Support this project
100%
  • Raised € 1,928.00
  • Sponsors 46
  • Expiring in 49 days to go
  • Type Donation  
  • Category Community & social
  • Obiettivi
    5. Uguaglianza di genere
    10. Ridurre le disuguaglianze

A campaign of 
CASA DELLE DONNE PER NON SUBIRE VIOLENZA APS

Contacts

The project

Dall’1 gennaio 2024 Casa delle donne per non subire violenza si è trasferita in una nuova sede, completamente accessibile e inclusiva, senza barriere architettoniche.

Il Centro Antiviolenza di Bologna, dopo oltre vent'anni nella storica sede di via dell'Oro n.3 si è spostato in una nuova sede in via Masia 19/A  ampia e funzionale, che rappresenta un importante passo avanti nella possibilità di offrire un’accoglienza inclusiva a tutte le donne che ne hanno bisogno.
Da tempo sognavamo una sede praticabile per tutte, che potesse tradurre concretamente la nostra accoglienza rivolta a ogni donna che subisce violenza. La violenza di genere, infatti, è un fenomeno trasversale che attraversa le culture, le generazioni, le condizioni economiche e l’orientamento sessuale. Un fenomeno che riguarda anche tantissime donne con disabilità che non vedevamo l'ora di accogliere in una sede senza barriere. 

Abbiamo lasciato la nostra sede in via dell’Oro 3 dov'erano accumulati oltre trent’anni di storia femminista e politica della Casa delle donne che abbiamo trasportato dall’altra parte della città. Non è stato un trasloco facile dal punto di vista fisico ed emotivo. Lo abbiamo fatto con le nostre forze e con l'aiuto di realtà e professionisti, lo abbiamo portato avanti continuando a tenere attivi e aperti tutti i nostri servizi e le nostre attività, così come la nostra risposta telefonica, attiva tutti i giorni dalle 9 alle 17 e anche in reperibilità.

Abbiamo passato giorni immerse fra gli scatoloni, ritrovando vecchi documenti, ripercorrendo la storia di Casa delle donne. Una storia e un sogno di trent'anni fa che ogni giorno ricomincia quando la nostra porta si apre per aiutare una nuova donna che ne ha bisogno. Siamo approdate nella nuova sede nei primi giorni di gennaio e fra gli scatoloni da disfare abbiamo accolto la prima telefonata del 2024 fra queste nuove mura.

Lo sforzo è stato grande anche dal punto di vista economico: il cambio sede ha comportato un grande investimento di risorse accumulate in oltre 30 anni di operatività per raggiungere questo importante obiettivo. 

Per questo abbiamo deciso di chiedere l'aiuto di tutti e tutte per attivare una raccolta fondi con la quale ci poniamo l'obiettivo di raggiungere almeno i 10.000€.


Il sostegno di ognuno è importante
per valorizzare una realtà femminista che da oltre trent'anni aiuta le donne a uscire dalla violenza e non solo: organizza e promuove attività di informazione e sensibilizzazione per generare cultura contro la violenza. 

Casa delle donne per non subire violenza è un Centro Antiviolenza attivo da oltre trent’anni sul territorio di Bologna e provincia. Accoglie e sostiene le donne nel loro percorso di fuoriuscita dalla violenza, lo fa offrendo loro ospitalità in Case Rifugio protette a indirizzo segreto, in emergenza e sul lungo periodo; supportandole con un Servizio Specialistico di Psicologia e con un team di avvocate per la consulenza legale; attivando un piano di orientamento e accompagnamento al lavoro per consentire loro di emanciparsi anche economicamente dal compagno violento. Da novembre 2021 è attiva anche una linea telefonica in LIS alla quale si possono rivolgere le donne sorde che vivono una situazione di violenza e da ottobre 2022 uno sportello universitario contro la violenza di genere, realizzato con l’Università di Bologna e dedicato alle persone che subiscono violenza all’interno dell’Ateneo.
All’interno del Centro è attivo, dal 1997, anche il progetto Oltre La Strada dedicato alle vittime di tratta e sfruttamento sessuale e/o lavorativo.

Comments (13)

To comment you have to
  • MC
    Martina donazione da parte di Luisa Petrucci. Buon lavoro!
    • MI
      Maria Grazie di cuore per essere Casa
      • SS
        Sandro un piccolo sostegno per l'immenso lavoro che voi fate
        • LG
          Luca Grazie
          • FN
            Federica Grazie!!
            • AC
              Odissea nello Spazio APS Dalle compagne e dai compagni del circolo ARCI RitmoLento, un contributo minimo per la vostra lotta storica alla violenza di genere e per una società fondata sulla cura in quanto elemento di solidarietà collettiva e non più in quanto strumento di oppressione. Grazie!
              • avatar
                Eugenia Grazie infinite per tutto ciò che fate per le donne.
                • MM
                  Marina Sempre al vostro fianco, in ricordo di Angela, con grandissimo affetto.
                  • avatar
                    Emanuela Come faremmo senza di voi..Grazie di esistere!!
                    • ag
                      annarita Donazione per regalo compleanno a Claudia Cerri

                      Questo progetto ha segnalato obiettivi di sviluppo sostenibile

                      Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) costituiscono una serie di 17 obiettivi concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite.

                      5. Uguaglianza di genere

                      Parità di genere: raggiungere la parità di genere attraverso l'emancipazione delle donne e delle ragazze.

                      10. Ridurre le disuguaglianze

                      Ridurre le diseguaglianze: ridurre le disuguaglianze all'interno e tra i paesi;

                      Vuoi sostenere questo progetto?