or

Register with your email address

Oppure, solo se sei una persona fisica (NO azienda/associazione), puoi scegliere anche di registrarti con i social:

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Insieme per la giustizia sociale e ambientale. Sostieni il Forum Disuguaglianze e Diversità!

A campaign of
Forum Disuguaglianze e Diversità attraverso la Fondazione Basso

Contacts

A campaign of
Forum Disuguaglianze e Diversità attraverso la Fondazione Basso

Insieme per la giustizia sociale e ambientale. Sostieni il Forum Disuguaglianze e Diversità!

Insieme per la giustizia sociale e ambientale. Sostieni il Forum Disuguaglianze e Diversità!

Campaign ended
  • Raised € 85,203.00
  • Sponsors 662
  • Expiring in Terminato
  • Type Donation  
  • Category Community & social

A campaign of 
Forum Disuguaglianze e Diversità attraverso la Fondazione Basso

Contacts

The project

Aggiornamento

La nostra raccolta fondi si arricchisce di una collaborazione speciale! Stefano Disegni, disegnatore satirico, per 6 settimane, a partire dal 12 settembre, proporrà una vignetta sui temi che il Forum affronta nel suo lavoro di ricerca e azione, lasciando a chi legge la possibilità di riempire i fumetti vuoti con proprie battute. Le vignette verranno pubblicate settimanalmente sul sito e sui canali social del ForumDD e per proporre il proprio testo e prendere parte all’iniziativa, bisognerà essere già sostenitori e sostenitrici della campagna del ForumDD oppure decidere di diventarlo (senza nessuna soglia minima o massima, la donazione alla campagna è assolutamente libera). Le vignette vincitrici verranno pubblicate sul numero cartaceo e sul sito de L’Espresso oltre che sui canali del ForumDD e i vincitori/le vincitrici diventeranno co-autori/co-autrici delle vignette e le riceveranno a casa autografate. Tutte le informazioni per partecipare all’iniziativa sulla pagina dedicata sul sito del ForumDD.

Insieme per la giustizia sociale e ambientale

Il Forum Disuguaglianze e Diversità dal 2018 è impegnato per la riduzione delle disuguaglianze economiche, sociali e di riconoscimento. Lo fa attraverso 66 membri, 8 organizzazioni di cittadinanza attiva, 48 partner di progetto, 8 sostenitori, 5 persone di staff e portando nel dibattito pubblico, nelle istituzioni e nella società civile proposte concrete e realizzabili di politiche e azioni pubbliche contro le disuguaglianze. Il nostro metodo, basato sul confronto acceso e la costruzione di alleanze, ci ha consentito di ottenere risultati concreti. Ora, per continuare con forza adeguata il nostro lavoro, è necessario il sostegno di tutte le persone che credono sia possibile costruire una società più giusta.

Quando lanciammo il ForumDD, di disuguaglianze si parlava ancora poco. Dominava l’idea che si trattasse di qualcosa di inevitabile o addirittura funzionale in una società sviluppata. Andando controcorrente, un gruppo di studiosi delle disuguaglianze eotto organizzazionidi cittadinanza attiva – ActionAid, Caritas Italiana, Cittadinanzattiva, Dedalus cooperativa sociale, Fondazione di Comunità di Messina, Legambiente, Uisp con capofila la Fondazione Lelio e Lisli Basso, che agisce come soggetto giuridico per conto del ForumDD – decidono di creare un luogo dove far convivere visione e concretezza, ricerca e proposte, per dimostrare l’opposto: le disuguaglianze sono evitabili perché frutto di scelte politiche, sono nemiche dello sviluppo e della coesione sociale, ed è possibile eliminarle se c’è la volontà di farlo.

Come lavoriamo: temi, ricerca, proposte, alleanze

Abbiamo affrontato questioni centrali per superare davvero le disuguaglianze e costruire un futuro più giusto. Tra queste: le cause delle disuguaglianze di ricchezza, l’efficacia dei patti educativi di comunità contro fallimento scolastico e povertà educativa, il lavoro povero, le biforcazioni fra effetti positivi e negativi della transizione digitale, le sfide sociali delle crisi pandemica e climatica, le disuguaglianze di genere, le esperienze italiane di mutualismo, le potenzialità e i limiti della cooperazione sociale.

Utilizzando i frutti della ricerca esistente, facendo ricerca noi stessi e attingendo ai saperi e alle pratiche dei tanti che nel nostro paese si battono contro le disuguaglianze, abbiamo costruito un’interpretazione robusta dei fenomeni in atto, che ci ha consentito di formulare proposte concrete e articolate di politiche pubbliche e azioni collettive. Con emozione siamo stati in questi anni oggetto di attenzione e fiducia da parte di un gran numero associazioni, reti, movimenti e singole persone che nel ForumDD hanno trovato un ponte, un interlocutore, una comunità. E abbiamo costruito alleanze, mettendo a repentaglio le nostre idee.

Risultati e sfide

Le proposte e l’azione hanno portato a risultati concreti. Durante la pandemia, è stata accolta, seppur in parte, la nostra proposta di introdurre un Reddito di Emergenza per raggiungere milioni di persone escluse da altre misure. La diffusione della conoscenza è diventata un criterio per misurare l’impatto sociale delle Università. Nei Parlamenti italiano ed europeo si discute della nostra proposta di costruire imprese pubbliche Europee contro i monopoli privati su tre grandi temi di interesse collettivo: salute, energia e digitale. Tra le priorità del PNRR è entrata la riforma per gli anziani non autosufficienti. Si è tornati a discutere di partecipazione strategica dei lavoratori e delle lavoratrici nell'impresa sulla base di una nostra proposta operativa. L’obiettivo di un “salario minimo”, a cui abbiamo concorso con una proposta, raccoglie crescenti consensi. Un’eredità universale e incondizionata a tutti i e le diciottenni, finanziata con una riforma fiscale giusta, è al centro del confronto di movimenti giovanili e anche di partiti. Il Ministero dell’Istruzione ha aperto alla proposta di contrastare la povertà educativa attraverso i Patti educativi territoriali. L'idea che non c'è giustizia ambientale senza giustizia sociale si fa strada nel confronto pubblico, con effetti operativi. Forme diverse di promozione di una nuova classe dirigente sono in sperimentazione.

Abbiamo raggiunto questi e altri risultati nonostante la forte chiusura delle istituzioni pubbliche alla pressione e alle proposte della società civile. E così, su altre battaglie, come rigenerare la Pubblica Amministrazione e garantire un vero monitoraggio civico del PNRR siamo decisamente indietro rispetto a quanto avevamo proposto. E gli stessi risultati raggiunti sono parziali e talora instabili. Questo non ci fa certo arretrare. Anzi, ci conferma che il nostro lavoro deve continuare. Ma su tutti i fronti serve di più. 

Ecco perché ti chiediamo di fare un pezzo di strada insieme a noi

Dopo questi primi anni di avviamento e di sostegno da parte di autorevoli fondazioni, per noi si apre una fase nuova. Per consolidare e sviluppare i nostri risultati una raccolta diffusa di fondi è indispensabile. Vogliamo farlo continuando a essere autonomi da ogni pregiudizio e condizionamento, competenti nell’affrontare la complessità e comprendere i diversi punti di vista, radicali come richiede la radicalità delle ingiustizie esistenti. E allora abbiamo bisogno di tutte le persone che credono in un cambiamento possibile. Trovare fondi non è semplice per chi fa un lavoro di ricerca e advocacy e non soltanto progetti. Solo una raccolta diffusa, aperta a persone fisiche e giuridiche (che potranno dedurre o detrarre l’importo erogato), aggiungendosi agli altri finanziamenti, può consentirci di andare avanti e di farlo con la forza necessaria. Noi ci impegneremo a usare i fondi che raccoglieremo, attraverso la Fondazione Basso,per dare continuità e più forza al lavoro di questi quattro anni e per radicare e sviluppare i risultati raggiunti, sempre documentati in dettaglio nel nostro sito. E saremo felici di ringraziare pubblicamente sul nostro sito ogni persona che donerà, se ci darà il consenso a rendere noto il suo nome, che in caso contrario resterà riservato.

Insieme dove possiamo arrivare? 

Con la tua donazione non solo consentirai al ForumDD di continuare e rafforzare il suo lavoro di lotta alle disuguaglianze, ma diventerai parte attiva di questo processo entrando a far parte della nostra Comunità. Potrai così partecipare a incontri organizzati dal ForumDD su tematiche di interesse, organizzarti in gruppo con altri donatori e donatrici per proporre momenti di "Conversazione con …" membri del ForumDD, ricevere comunicazioni dedicate, e pesare sulle scelte del ForumDD attraverso indagini su specifici aspetti delle nostre ricerche e proposte.

Ci rivolgiamo a tutte le persone che si sentono investite dal “compito” che l’articolo 3 della Costituzione assegna alla Repubblica e desiderano contribuire a rimuovere gli ostacoli che limitano di fatto la libertà e l'eguaglianza e impediscono il pieno sviluppo della persona umana. Essere parte della Comunità del ForumDD è un modo concreto per assumere questo compito.

Comments (109)

To comment you have to
  • SS
    Salvatore Il Forum e' una delle belle notizie e certezze del nostro Paese. Un grazie sincero per il grande lavoro svolto.
    • TC
      Tiziana ciampolini@s-nodi.org
      • MP
        Massimo Buon futuro Uguale per tutti
        • FC
          Fabio Ho fatto il Bonifico. Grazie di questa possiblità di sostenre il Forum DD
          • TB
            Tiziana Cerco di contribuire come posso
            • GC
              Giulio Daje Forum!
              • avatar
                Mario tanti pregano un tizio che non si è mai visto e agiscono in ragione della paura della sua punizione. Magari fare qualcosa per dei tizi che non hai ancora visto ma che potresti incontrare forse ha più senso. forse...
                • LD
                  LUCIO Sereni e perseveranti!
                  • avatar
                    Luciano Più di un buon motivo! Il Forum Disuguaglianze e Diversità dal 2018 è impegnato per la riduzione delle disuguaglianze economiche, sociali e di riconoscimento. Lo fa attraverso 66 membri, 8 organizzazioni di cittadinanza attiva, 48 partner di progetto, 8 sostenitori, 5 persone di staff e portando nel dibattito pubblico, nelle istituzioni e nella società civile proposte concrete e realizzabili di politiche e azioni pubbliche contro le disuguaglianze.
                    • AR
                      Andrea Bravissime e bravissimi! Continuate il vostro lavoro, il Paese ne ha bisogno. Andrea Ruggeri, Oxford