or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Il dispensario di Jareya (India): per una assistenza medica nella scuola e nei villaggi.

A campaign of
Associazione Jarom ONLUS

Contacts

A campaign of
Associazione Jarom ONLUS

Il dispensario di Jareya (India): per una assistenza medica nella scuola e nei villaggi.

Il dispensario di Jareya (India): per una assistenza medica nella scuola e nei villaggi.

Campaign ended
  • Raised € 1,105.00
  • Sponsors 29
  • Expiring in Terminato
  • Type Donation  
  • Category Community & social
  • Obiettivi
    3. Salute e benessere

A campaign of 
Associazione Jarom ONLUS

Contacts

The project

🇮🇹 Jarom Onlus è un’associazione no-profit fondata nel 2013 per aiutare a sostenere le comunità locali nell'area intorno a Jareya, circa 25 km a sud di Ranchi, capitale del Jharkhand, nel nord-est dell’India.
Il nostro progetto principale è supportare la Nawa Maskal School , ovvero “Scuola della Nuova Luce”, situata a Jareya, con oggi 22 classi e circa 800 allievi/e. Questa non è una semplice scuola ma un centro educativo e di formazione in continua espansione. Infatti al suo interno, oltre due strutture ospitanti le aule, ci sono anche una foresteria, un campo sportivo, un orto, delle stalle, un forno, una panetteria, un negozio di abbigliamento, un caseificio e un dispensario.

IL PROGETTO
Il dispensario è un progetto nato per offrire un punto di primo soccorso agli abitanti dell'area di Jareya, zona rurale in cui non vi sono centri sanitari pubblici o privati. Dal 2008 offre assistenza medica agli abitanti dei villaggi intorno alla scuola, così come al personale scolastico e agli studenti e studentesse, che spesso hanno febbre (malaria e tifo), problemi dermatologici, ortopedici, etc.


Quindi il servizio ad ora fornito è duplice, da una parte quello di infermeria più tradizionale, per lo più per gli allievi/e della scuola ma non solo, e un secondo, il cosiddetto "dispensario mobile" che prevede di raggiungere le persone nei loro villaggi. Il team è oggi composto da un'infermiera  e da un padre religioso, che dà una mano anche come interprete, in quanto parla le varie lingue locali, e guidando l'auto. Inoltre, ogni giovedì un medico si reca al dispensario della scuola per un paio d'ore.
Dal 2018 sono quindi iniziate le visite regolari nei villaggi: ogni giorno, in un luogo diverso, coprendo un totale di almeno 30 villaggi, l'infermiera, a volte accompagnata da medici volontari, si siede sotto l’albero al centro dei villaggi e aspetta che le persone arrivino. Una volta conosciuti i dolori o problemi fisici, viene loro fornito il farmaco appropriato o, qualora fossero necessari ulteriori accertamenti, viene fissato un appuntamento per i giorni successivi,
garantendo l’accompagnamento all’ospedale più vicino e l’assistenza fino alla diagnosi e guarigione.
Quando possibile alcuni volontari medici italiani hanno preso parte al progetto: fino ad ora studenti e professionisti (medici e infermieri) hanno visitato e contribuito sul posto al progetto. Tali contributi hanno aiutato il dispensario a crescere nell'igiene, nella cura e nell'approccio sistematico.
Il servizio di dispensario è garantito tutto l'anno dalle 8.30 alle 16.00, dal lunedì al sabato. Dalle 8.30 iniziano le visite e i check-up all’interno della scuola, per studenti e personale scolastico, mentre dalle 10.30 il servizio diventa itinerante e si sposta nei villaggi limitrofi.

Il vostro prezioso contributo potrà sostenere l’attività e i servizi del dispensario, in particolar modo le donazioni raccolte andranno a coprire il costo di farmaci , lo stipendio dell’infermiera e il carburante per l’automobile per raggiungere i villaggi e, eventualmente, gli ospedali in città. Il nostro obiettivo sarebbe quello di coprire le spese annuali di gestione del dispensario, che corrispondono a circa €5.000, ci aiutate a raggiungere questo obiettivo? Grazie!

CHI SIAMO
Con base a Torino, Jarom è oggi formata da una trentina di giovani volontari e volontarie provenienti da differenti ambiti di studio e professionali, fra cui: psicologia, medicina, architettura, indologia, ingegneria, educazione e lingue.
La nostra missione è migliorare le condizioni di vita delle popolazioni ādivāsī mantenendo e valorizzando il loro patrimonio culturale e naturale. Il termine ādivāsī è il risultato dell’unione di due parole sanscrite: il prefisso ādi (originario) e vāsī (abitante) e la traduzione letterale in italiano risulta essere abitanti originari .
Già dal 2011 operiamo con diverse azioni sul territorio, tra Italia e India. Offriamo la possibilità di partecipare a campi di volontariato , e da qualche anno anche campi per gli studenti di medicina . Organizziamo eventi di sensibilizzazione e informazione, come seminari e conferenze in collaborazione con enti locali ed Università, ma anche serate di incontro con musica e proiezioni di film, occasione anche per raccogliere fondi e ricevere donazioni. Più recentemente abbiamo iniziato un programma che prevede attività nelle scuole, con lo scopo di avvicinare i più piccoli alla realtà ādivāsī.


EN Jarom Onlus is a non-profit association founded in 2013 to help and support the local communities in the area around Jareya, about 25 km south of Ranchi, capital of Jharkhand, in northeast India.
Our main project aims at sustaining the Nawa Maskal School , or "School of the New Light", located in Jareya, a school with today 22 classes and about 800 students. This is not just a school, but a continuously expanding educational and training centre. In fact, in addition to the kindergarten and the school, there is also a guest house, a sports field, a vegetable garden, stables, an oven, a bakery, a clothing shop, a dairy and a dispensary.

THE PROJECT
The dispensary is a project born to offer a first aid point to the villagers of the Jareya area, a rural area where there are no public or private health centres. Since 2008 it offers medical assistance to the villagers around the school, as well as to school staff and students, who often have fever (malaria and typhoid), dermatological and orthopedic problems, etc.
So the service provided so far is twofold: on the one hand, a more traditional infirmary service , mostly for the pupils of the school but not only, and on the other hand the "mobile dispensary" which reaches the people in their villages. The team now consists of a nurse and a religious father, who helps out as an interpreter, as he speaks the various local languages, and drives the car. In addition, every Thursday a doctor goes to the school dispensary for a couple of hours.
Whenever possible some Italian medical volunteers have taken part in the project: until now students and professionals (doctors and nurses) have visited and contributed to the project on-site. Such contributions helped the dispensary to grow in hygiene, care and systematic approach.
The dispensary is open all year round from 8.30 a.m. to 4.00 p.m., Monday to Saturday: at 8.30 a.m. the visit of students, teachers or other staff begins, while from 10.30 a.m. the visit of villages starts.

Your precious contribution will help us to support the activities and services of the dispensary, in particular, the donations collected will cover the cost of medicines , the salary of the nurse and the fuel for the car to reach the villages and, if needed, the hospitals in the city.
Our aim would be to cover the annual running costs of the dispensary, which are approx. €5,000, can you help us reach this goal? Thanks!

WHO WE ARE
Based in Turin, Italy, Jarom is today made up of about thirty young volunteers from different fields of study and professional backgrounds, including: psychology, medicine, architecture, Indology, engineering, education and languages.
Our mission is to improve the living conditions of the ādivāsī people by maintaining and enhancing their cultural and natural heritage.
The word “ādivāsī” originates from two words in Sanscrito and it literally means: original (“adi”) inhabitants (“vasi”). Its literal translation in Italian should be “original inhabitants”.
Since 2011 we have been operating with various actions in the territory, between Italy and India. We offer the possibility to participate in volunteering camps , and recently we also offer camps for medical students . We organize events to raise awareness and information, such as seminars and conferences in collaboration with local authorities and universities, but also evenings of meetings with music and film screenings, also an opportunity to raise funds and receive donations. More recently we have started a programme of activities in schools , with the aim of bringing children closer to ādivāsī reality.

Comments (7)

Per commentare devi fare
  • MF
    Maria Teresa Grazie! Un saluto e un abbraccio
    • DD
      Debora Un abbraccione a tutti!! <3
      • Fs
        Federica Un progetto che merita molto, bravi!
        • avatar
          Ida Con affetto
          • avatar
            Giovanna Un'associazione giovane con progetti concreti e continui aggiornamenti! Evviva Jarom!
            • VR
              Virginia ❤️
              • AB
                Antonietta Bravi ragazzi!

                Community

                Questo progetto ha segnalato obiettivi di sviluppo sostenibile

                Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) costituiscono una serie di 17 obiettivi concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite.

                3. Salute e benessere

                Buona salute: garantire una vita sana e promuovere il benessere di tutti a tutte le età.