or

Register with your email address

Oppure, solo se sei una persona fisica (NO azienda/associazione), puoi scegliere anche di registrarti con i social:

Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Network Banca Etica

IL BOSCO DI LORENZO - Un progetto generativo

A campaign of
COOP SOCIALE L'ARCOBALENO S.C.S.

Contacts

A campaign of
COOP SOCIALE L'ARCOBALENO S.C.S.

IL BOSCO DI LORENZO - Un progetto generativo

Support this project
100%
  • Raised € 14,420.00
  • Sponsors 68
  • Expiring in 296 days to go
  • Type Donation  
  • Category Environment & pets
  • Obiettivi
    13. Agire per il clima
    15. Vita sulla terra

A campaign of 
COOP SOCIALE L'ARCOBALENO S.C.S.

Contacts

The project

SAVE THE DATE - 25 FEBBRAIO 2023

Primo evento di messa a dimora degli alberi che andranno a formare il Bosco di Lorenzo. Sarà l'occasione per ritrovarci, ricordare Lorenzo e mettere le mani nella terra che ospiterà l'ecosistema che diventerà il suo bosco.

  • Sabato 25 febbraio 2023, presso l’azienda agricola ospitante La Piemontesina, in frazione Mandria 13 a Chivasso (TO), alle ore 10:00

Programma:

ore 10:00 ritrovo presso La Piemontesina

ore 10:15 camminata di 5/10 min. fino al campo (il campo è adiacente ad una sterrata, sarà quindi possibile l’utilizzo dell’auto per chi ne avesse necessità)

ore 10:30 tutti nel campo a scavare e piantare!

ore 12:00 ritorno alla Piemontesina per un momento di condivisione e un piccolo aperitivo


CHI SIAMO

La famiglia, amicə e colleghə di Lorenzo Vinci, in collaborazione con:

  • Azienda agricola La Piemontesina, che ospiterà sui propri terreni il Bosco di Lorenzo e si occuperà della piantumazione degli alberelli e della manutenzione dell’area
  • Cooperativa sociale L’Arcobaleno, garante del progetto, che ne cura gli aspetti contrattuali e contabili
  • Studio di architettura Maurizio Fassio per la progettazione paesaggistica del bosco e dell’area sosta
  • Banca Popolare Etica per la promozione ed il sostegno progettuale

CHI ERA LORENZO

Il Bosco di Lorenzo – un progetto generativo” nasce per ricordare e onorare la vita di Lorenzo Vinci, prematuramente scomparso il 3 luglio 2022. 

Lorenzo ha scelto di orientare la propria carriera ed il proprio impegno a quelle realtà che rispecchiavano i suoi ideali di un mondo più giusto, più equo e più solidale, centrandola, anche forzando un po' gli ambiti della sua laurea in giurisprudenza, sulla finanza etica e l’economia sociale. 

Tra i suoi tanti impegni professionali vogliamo ricordare quelli per lui più significativi e identitari: la presidenza di MAG4 Piemonte, storica cooperativa della finanza etica torinese, la direzione di “InVerso”, incubatore di imprese sociali del Comune di Roma e in ultimo l’incarico in Banca Etica presso l’Ufficio Modelli di Impatto e VSA (Valutazione Socio-Ambientale) con i colleghi Tommaso Rondinella e Andrea Abbate. 

Coerentemente con la propria idea del mondo Lorenzo ha sempre avuto un vivo interesse verso l’agricoltura sostenibile e l’ambiente, testimoniato anche dall’impegno in qualità di Presidente di AIAB Piemonte (Associazione Italiana Agricoltura Biologica).

Lorenzo Vinci a Oropa, ritratto dall’amico Fabrizio Padovani

A latere l’amore per il teatro, condiviso con il fratello Mario, nato quando Lorenzo giovanissimo “batteva” la provincia torinese con lo storico GTT, gruppo teatro territorio, al seguito del geniale regista Gianni Serra. Negli anni ha sempre coltivato questa passione, a volte calcando la scena e in altri periodi quale spettatore attento e appassionato.

Nella vita privata, da orgoglioso nativo del quartiere operaio di Santa Rita a Torino si è ritrovato a vivere prima nelle colline di Gassino e poi in mezzo ai campi del Canavese. Man mano ha sviluppato un amore verso la natura, un orticello nel giardino, e, negli ultimi anni, il sogno utopico di “fare un bosco”, guidato dal desiderio di riconquistare gli spazi antropizzati e industrializzati della campagna per restituirli al caos vitale degli ecosistemi naturali.

Per questo abbiamo pensato di portare avanti i suoi ideali e la sua passione, realizzando tutti insieme “Il Bosco di Lorenzo”. 

IL LUOGO E L’AZIENDA OSPITANTE

L’offerta dell’azienda agricola “La Piemontesina” di ospitare Il Bosco di Lorenzo ci ha da subito entusiasmato: la Piemontesina infatti è una realtà viva, vivace ed innovativa che ha a cuore la protezione dell’ambiente, l’agricoltura sociale, la sostenibilità e la cura del territorio, valori che Lorenzo condivideva e per cui lottava. 

L’azienda si trova nella frazione Mandria di Chivasso (TO), storica tenuta di casa Savoia di notevole interesse architettonico, a due passi dalla frazione Molliette di Caluso, casa di Lorenzo. 

Tra le sue attività maggiormente innovative il primo agriasilo d’Italia, il maneggio e l’attività con gli asini, un vivaio di alberi forestali e antiche varietà da frutto, la coltivazione della canapa e molto altro; per saperne di più: https://www.lapiemontesina.it/


Immagine che contiene testo, elettronicoDescrizione generata automaticamente

La Piemontesina - Google Maps

I bimbi dell’agriasilo

IL PROGETTO

Il progetto "Il Bosco di Lorenzo" comprende la creazione di un piccolo bosco e di un’area sosta immersa nello stesso.

Tiglio in livrea autunnale

IL BOSCO

Il bosco proposto sarà composto da un misto di alberi forestali ad alto fusto con un ciclo di vita più lungo, e un misto di alberi da frutto e arbusti, per permettere l’alimentazione e il rifugio agli animali selvatici.

La gestione del bosco in queste modalità sarà promotrice di uno sviluppo della fauna selvatica che avrà la possibilità di nidificare tra gli arbusti più fitti, e non sarà disturbata durante le fasi di pulizia e gestione degli alberi.

Le essenze che verranno piantate saranno indicativamente:

Alberi forestali ad alto fusto: Querce, Tigli, Pioppi, Ciliegio selvatico (prunus avium), Noce nostrano (junglans regia), Carpino nero, qualche esemplare di Acero campestre, Frassino (frassino excelsior)

Arbusti per il sottobosco:  corniolo, biancospino, ligustro, fusaggine, sanguinello, rosa canina

Piante da frutto: meli antichi, melo e/o pero cotogno, melannurca, mela a polpa rossa, banano di montagna (asimina triloba), gelso, melograno

Perché gli alberi da frutto? 

- perché crescono abbastanza velocemente, e possono quindi creare zone verdi e piacevoli in attesa degli alberi più grandi e lenti

- perché bimbi, visitatori e i passanti possano goderne ed entrare in relazione con il luogo anche attraverso il gusto e l’olfatto

- perché attirano svariate specie di insetti, uccelli ed altri animali che potranno trovare rifugio e nutrimento

L'AREA SOSTA

L’area sosta vuole essere uno spazio vivo, accessibile e sfruttabile per le varie attività della Piemontesina (per esempio dai bambini dell'agriasilo), per tutte le persone che partecipano al progetto e per tutti gli eventuali visitatori "di passaggio". 

Dato l’amore e l’esperienza di Lorenzo in campo teatrale, l’idea guida per l’area sosta è quella di uno spazio scenico molto naturale e ben integrato con l boschetto circostante, sfruttabile anche per attività teatrali, strutturata quindi in modo tale da avere uno spazio scenico e uno spazio per gli spettatori. 

IL TERRENO E IL TERRITORIO

L’area individuata è di circa 70 per 100 metri, confinante con strada sterrata sui lati sud e est, a ovest un sentiero utilizzato per attività ippiche e podistiche la divide da una cava recintata e non più utilizzata che dovrebbe venire riempita e utilizzata per un possibile parco fotovoltaico.

Sul confine sud-est vi sono già degli alberi grandi che costeggiano la sterrata. Nei pressi dell’angolo nord-ovest c’è un grande pioppo sotto il quale un tronco a terra accoglie l’angolo delle fiabe dei bimbi dell’agriasilo. 

L’area è in parte attraversata in diagonale in direzione nord est dai cavi dell’alta tensione che confluiscono in un impianto elettrico visibile in direzione sud. Tra cava, cavi e centrale è abbastanza evidente che siamo su un territorio che sta subendo attacchi in direzione di un utilizzo del suolo piuttosto discutibile, e gli “eroi” della Piemontesina lavorano consapevolmente per contrastare il degrado di un territorio bello e di notevole pregio agricolo. Il bosco di cui ci stiamo occupando potrà essere un ulteriore piccolo tassello in questa direzione.

Immagine che contiene esterni, cielo, erba, campoDescrizione generata automaticamente

Con il progetto si cercherà di costruire degli spazi naturali ma che al tempo stesso siano adatti ad ospitare delle attività ludico-ricreative a disposizione dei bambini dell’agriasilo e anche, come menzionato precedentemente, quali spazi di aggregazione utilizzabili anche a fini teatrali o ludico-culturali. Per questo motivo sarà importante valorizzare al meglio la nostra area di insediamento.
Siamo geograficamente all’inizio della pianura padana ma fortunatamente ci rimangono ancora dei riferimenti paesaggistici che emergono nel paesaggio. La zona nord/nord-est è inquinata visivamente dalla presenza dei tralicci dell’alta tensione mentre verso nord-ovest si possono scorgere in lontananza le Alpi senza grandi ostacoli
 visivi. Sul lato sud est rimane visibile l’arrivo della linea dell’alta tensione con il centro di smistamento di Rondissone. A sud/sud- ovest prevale invece una piacevole vista sul borgo de “La Mandria di Chivasso”, insediamento unitario voluto dai Savoia nel 1700 per l’allevamento dei cavalli. A fare da sfondo al borgo si vedono le colline di Castagneto Po fino a scorgere la Basilica di Superga.

Il progetto si muoverà nella direzione di creare delle maestose quinte boschive vegetali verso le zone meno interessanti (tralicci e smistamento dell’energia elettrica) per aprirsi al paesaggio delle alpi, delle colline e dell’abitato storico.
All’inizio dell’area verrà proposta una piantumazione più rada e bassa, con alberi da frutta, identificando un’area di ingresso/accoglienza al bosco. Successivamente i percorsi tra la natura accompagneranno i visitatori verso aree più protette e raccolte, ma sempre cercando di mantenerne dal loro interno un incontro con il paesaggio come precedentemente accennato. Con il solo uso di piantumazioni arboree si cercherà di caratterizzare gli spazi, ed essere partecipi di un territorio più vasto, dalle Alpi alle colline, da La Mandria di Chivasso alla Basilica di Superga.

Progettazione dell'area a cura dell'architetto Maurizio Fassio

OBIETTIVI E CALENDARIO 

Abbiamo scelto di non fissare obiettivi in denaro. In fondo non importa se il Bosco di Lorenzo sarà grande o piccolo, il progetto verrà parametrato adeguando il numero di alberi e arbusti a quanto via via raccolto, l’importante è che:

TUTTO CIO’ CHE VORRETE DONARE GENERERÀ RADICI, FUSTI, GEMME, FOGLIE E FRUTTI

RIFUGIO E NUTRIMENTO PER LA VITA E OSSIGENO PER TUTTI NOI

In merito ai tempi di realizzazione si prevede di poter procedere ad una prima fase di piantumazione entro febbraio 2023, inaugurata da una giornata di lavoro collettivo alla quale potranno partecipare donatori e amici per ritrovarsi tutti e “mettere le mani” e il cuore nella terra che ospiterà il Bosco di Lorenzo.

Tra la primavera e l’estate 2023 verrà completato l’allestimento dell’area sosta per poi, sulla base degli eventuali ulteriori fondi raccolti, procedere ad una seconda fase di piantumazione tra novembre e dicembre 2023.


UN VALORE AGGIUNTO DEL PROGETTO: LA PRODUZIONE DI TERRICCIO – Impiantiamo Alberi per produrre Alberi

Spinto dalla passione per la terra e per gli alberi, combinata allo spirito di osservazione dei processi di trasformazione del legno in natura, Federico Citta nel 2021 inizia ad elaborare l’idea di autoprodursi i terricci utilizzati nell’Azienda di famiglia La Piemontesina.

La produzione di terricci Love Your Planet parte dall’idea che per produrre alberi non è possibile continuare ad inquinare con l’estrazione di torba fossile rovinando ecosistemi naturali, per poi lavorarla e trasportarla per migliaia di chilometri per il mondo. Come per l’energia, anche la torba può essere rinnovabile!

Con l’impianto di nuovi alberi, tra cui quelli del Bosco di Lorenzo, e la conseguente gestione del bosco e sottobosco si avrà la possibilità di creare il materiale per produrre altri alberi, creando così un ciclo virtuoso di riuso del materiale di risulta della pulizia del bosco.

Il sottobosco ricco di biomassa verrà raccolto con trincia caricatori forestali, trasportato nelle aree di trasformazione e fatto maturare in cumuli con particolari miscele, che con i giusti tempi di decomposizione, andranno assieme agli sfalci raccolti dai giardinieri del territorio, a produrre finalmente una torba rinnovabile.

Comments (20)

Per commentare devi fare
  • IC
    Ilaria Un grande onore aver condiviso un pezzetto di strada con Lorenzo, bello che il suo respiro rimanga attraverso gli alberi che verranno piantati 💜
    • CF
      Claudia Impact Hub e la sua Community contribuiscono con fervore a questo bellissimo progetto per l'ambiente in ricordo di Lorenzo Vinci.
      • avatar
        Benedetto partcipo
        • SG
          Stefano In memoria di Lorenzo.
          • avatar
            Sandro un piccolo pensiero per un caro compagno di strada. Che il bosco possa crescere alto e forte.
            • MM
              MARZIO bellissimo progetto che a Lorenzo piacerebbe
              • avatar
                Giovanni Sono contento che il progetto generativo a nome dell'amico Lorenzo Vinci riscuota grande adesione
                • FB
                  Francesco Grazie per questa idea. Non possiamo dimenticarci di Lorenzo ed un bosco intero a ricordarci di lui dovrebbe essere per ora sufficiente. Non vedo l'ora di passeggiarci.
                  • avatar
                    Lorella ciao Lorenzo
                    • MM
                      Margherita Un omaggio a Lorenzo e a Cristina. Bravi!!!!! Mimmi

                      Gallery

                      Questo progetto ha segnalato obiettivi di sviluppo sostenibile

                      Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) costituiscono una serie di 17 obiettivi concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite.

                      13. Agire per il clima

                      Lotta contro il cambiamento climatico: adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze.

                      15. Vita sulla terra

                      Utilizzo sostenibile della terra: proteggere, ristabilire e promuovere l'utilizzo sostenibile degli ecosistemi terrestri, gestire le foreste in modo sostenibile, combattere la desertificazione, bloccare e invertire il degrado del suolo e arrestare la perdita di biodiversità.

                      Vuoi sostenere questo progetto?