oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

"i briganti si meritano un prato" vol. 2

Una campagna di
Rugby I Briganti ASD Onlus - Librino

Contatti

Una campagna di
Rugby I Briganti ASD Onlus - Librino

"i briganti si meritano un prato" vol. 2

"i briganti si meritano un prato" vol. 2

  • Raccolti € 10,00
  • Sostenitori 1
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Comunità & sociale

Una campagna di 
Rugby I Briganti ASD Onlus - Librino

Contatti

Il Progetto

Inizia la seconda parte della campagna "i briganti si meritano un prato" con nuovo obiettivo da raggiunge €80.000,00.

Con la prima parte della campagna, grazie al crowfounding e i vari incotri organizzati lungo tutta la penisola e persino in alcune parti dell'Europa, si sono raccolti circa €20.000,00.

Ecco perchè i Briganti si meritano un prato...

Perché I Briganti si meritano un prato?

pdf ENGLISH - pdf FRENCH - pdf SPANISH - pdf GERMAN - Raccolta Video

La Rugby I Briganti ASD Onlus “Librino” nasce nel 2006 con l’obiettivo di c oinvolgere attraverso lo sport i bambini ed i ragazzi del quartiere Librino, uno dei più problematici di Catania , ed offrire loro alternative alle esperienze di “strada”.

Nel corso di questi anni l’attività de “I Briganti” è cresciuta senza sosta ed oggi si contano ben 300 atleti a partire dalla under 10 fino ai giocatori della squadra seniores che milita nel campionato di C1 nazionale.

Il progetto dei briganti è legato a doppio filo al recupero della area polisportiva del complesso denominato comunemente “San Teodoro”. (Location su Google Map )

Il polisportivo (due palestre, spogliatoi, uffici, campo da rugby e campetto da allenamento) nasce su una collinetta del quartiere di Librino ad inizio anni ’90 per accogliere alcune discipline sportive delle Universiadi del 1997 . In realtà però il complesso non fu mai completato e le Universiadi si svolsero altrove. Lasciato nel competo abbandono per 15 anni , un comitato di quartiere ed il club dei briganti promossero una serie di iniziative affinché si arrivasse al completamento ad all’apertura dell’impianto ai ragazzi del quartiere.

Furono anche raccolte oltre 7000 firme per stimolare un qualsiasi intervento istituzionale, che però non arrivò . Nell’aprile del 2012 i cittadini aprirono di loro iniziativa la struttura. I briganti ne presero una gestione informale e dopo un confronto con il comune di Catania, proprietario della struttura, durato quasi tre anni hanno avuto finalmente assegnata, attraverso un avviso pubblico, la gestione del campo da gioco e delle aree aperte del complesso.

In questi anni inoltre ha preso vita tutto attorno al campo di gioco un enorme orto sociale di quartiere , organizzato sempre dai briganti, che adesso coinvolge una 70na di famiglie, ognuna responsabile di una porzione di orto di circa 50 mq.

Anche in questo modo, il polo sportivo ha assunto un ruolo centrale nella vita socio culturale del territorio. Sono stati avviati progetti paralleli al rugby, in particolare l’apertura della prima libreria del quartiere, la “Librineria” che affianca le attività sportive con appuntamenti legati al mondo della scuola e della cultura più in generale. Al San Teodoro convivono sport, cultura ed agricoltura urbana in una sorta di laboratorio di idee e di sperimentazione assolutamente innovativo.

Naturalmente il complesso è ben lungi dal potersi considerare completo.

Il campo da gioco è una distesa di argilla , e benché sia stato da subito utilizzato per allenamenti e partite ufficiali, necessita di fondamentali interventi per la sua fruizione in continuità . Il terreno argilloso infatti rende il campo inagibile per lunghi periodi in inverno poiché non smaltisce l’acqua piovana, mentre diventa eccessivamente compatto nel periodo estivo. Il vascone in pratica deve essere riempito con gli strati drenanti e di terra vegetale e dotato di recinzione ed impianto irriguo.

Il crowdfunding “I briganti si meritano un prato” mira a raccogliere 100.000 euro da destinare al rifacimento del campo da gioco.


Le spese sono cosi' preventivate

La società sportiva parteciperà alla realizzazione dell’opera coprendo la cifra minima di 62.250 € .La campagna sarà avviata il 9 aprile 2016 e si concluderà il 31 dicembre 2016.

Per chi ne volesse sapere di più! http://www.brigantilibrino.it/

Commenti (1)

Per commentare devi fare
  • pm
    piero  Non un passo indietro, briganti!!!!!

    Gallery

    Community