or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Hub Culture: spazio culturale da condividere

A campaign of
Città Invisibili

Contacts

A campaign of
Città Invisibili

Hub Culture: spazio culturale da condividere

Hub Culture: spazio culturale da condividere

Support this project
100%
  • Raised € 10.00
  • Sponsors 1
  • Expiring in 101 days to go
  • Type Donation  
  • Category Community & social

A campaign of 
Città Invisibili

Contacts

The project

Il progetto Hub Culture : spazio culturale da condividere s'inscrive in quello in parte già realizzato dal nome, Rebirthing Nicosia . Quest'ultimo ha visto la partecipazione, il dialogo e la condivisione di percorsi educativi tra cittadini nicosiani e istituzioni governative nell'attuazione di processi innovativi a favore della rigenerazione urbana dal basso.  Infatti, la finalità precipua dell'associazione Città Invisibili è la creazione di un hub culturale, mediante la restituzione e il parziale recupero di un edificio pubblico sito a Nicosia di Sicilia in Via Vitt. Emanuele n.19, che Città Invisibili ha individuato e ha proposto, tramite la partecipazione al concorso annuale del bilancio partecipato, alla GC locale. Essa negli anni 2017 e 2018 ha scelto di realizzare lavori edili pari  20.000 euro circa per la restituzione ai cittadini di tale struttura pubblica caduta in disuso.

La suddetta associazione per incrementare la conoscenza del progetto ha curato il lavoro di ricostruzione 3d degli ambienti interni del locale, che ha presentato alla cittadinanza in occasione degli eventi culturali di cui è promotrice. E ha scelto, altresì, di mettere il progetto in rete e di sollecitare la partecipazione attiva di cittadini, di sostenitori e di promotori culturali per il completamento dell'arredamento degli spazi interni mediante la formula c rowdfunding.

Il coinvolgimento delle dinamiche sociali e culturali inerenti al progetto si realizza mediante le seguenti aree tematiche:

- Spazio Green : dedicato alla diffusione delle nozioni riguardanti l'ecologia, lo sviluppo sostenibile, l'educazione ambientale, civica e alimentare;

- Spazio Coworking : con 6 postazioni pc e una stampante, aperto a tutti i cittadini, alle associazioni, ai gestori di imprese e startup del territorio. Un incubatore per persone, progetti e organizzazioni impegnate a migliorare il territorio cittadino e, specie, una community dove i ragazzi possono incontrarsi, scambiare idee, trovare ispirazione, elaborare strategie di promozione turistica ed eventi di sviluppo umano locale;

- Spazio  proiezioni per la visione e promozione di video, booktrailers, corti e documentari;

- Spazio Libreria di comunità : una mini biblioteca usufruibile da tutti, costituita specie dalle donazioni di libri da parte di singoli cittadini e consultabili in sala;

- Spazio espositivo : sorta di bottega arti e mestieri e/o di spazio museale con l'utilizzo di mensole e supporti per esposizioni di manufatti e opere d'arti di maestri e artisti locali, in cui svolgere laboratori didattici, video-illustrazioni, video-tutorial;

La co-progettazione e la co-realizzazione degli interventi all'interno della proprietà pubblica oggetto dell'operazione di rigenerazione urbana dal basso si realizza tramite specifiche azioni, le quali sono finalizzate a coinvolgere i cittadini entro un clima di contaminazione di linguaggi educativi. Perciò, si rendono necessarie micro-azioni per la personalizzazione dello spazio pubblico rispondenti a precise finalità sociali e culturali.

Si precisa, inoltre, che l'intento intreseco al progetto è la realizzazione di una dimensione collettiva, mediante la gestione, l'utilizzo e la fruizione dello spazio pubblico da parte delle diverse associazioni ed enti locali, che possono usare gli spazi come luogo di incontro.

Nicosia, infine, è un'area di povertà anche educativa non solo reddituale. Perciò, è necessario mettere in atto pratiche rispondenti al disegno del welfare culturale : un insieme di attività che risponde ai bisogni espressi e inespressi di gruppi sociali che sono abitualti a usufruire dei prodotti culturali ma specie di quelli che lo sono meno o per nulla.

Comments (1)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Fabio  Bravi!

    Gallery

    Community

    Vuoi sostenere questo progetto?