or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Goli otok. l’isola nuda e abbandonata

A campaign of
Giulia Rocco

Contacts

A campaign of
Giulia Rocco

Goli Otok. L’isola nuda e abbandonata

Goli otok. l’isola nuda e abbandonata

Campaign ended
  • Raised € 1,300.00
  • Sponsors 38
  • Expiring in Terminato
  • Type Keep it all  
  • Category Documentaries and inquiries

A campaign of 
Giulia Rocco

Contacts

The project

La storia di Goli Otok è un pezzo di Storia del '900 pressoché sconosciuta . Goli Otok, che in italiano si traduce con Isola Calva o Nuda, è un’isola del golfo del Quarnero in Croazia, sede dell’unico campo di concentramento in Europa durante il secondo dopoguerra.

Nel 1949 , il leader jugoslavo Josip Broz Tito , dopo un anno dalla scomunica lanciatagli da Stalin, sente la necessità di difendersi dai veri o presunti cospiratori interni, cioè da tutti coloro che seguivano un’ideologia socialista di stampo sovietico. Per farlo organizza delle vere e proprie deportazioni in un luogo capace di accogliere migliaia di uomini, isolato e difficilmente raggiungibile. Una prigione che assomiglia a una Alcatraz e nello stesso tempo a un gulag . Un luogo voluto creato e gestito dai comunisti per punire, rieducare, privare della dignità e della libertà altri compagni comunisti.

Adesso a Goli Otok rimangono poche tracce di quello che fu il lager dei prigionieri politici. Quello che resta sono solo baracche semidiroccate, edifici sgretolati e pericolanti, mangiati dalla polvere di sale e dalla poca vegetazione. La natura e l’incuria dell’uomo stanno trasformando quello che dovrebbe essere un luogo della memoria in un cimitero abbandonato di detriti di ferro, legno, cemento e asbesto.

In questo progetto le voci dei protagonisti si intrecciano e creano una rete, che salva la memoria di questo luogo e della sua storia.

Il progetto è già disponibile in italiano e lo trovate qui .

Il finanziamento serve per aumentare la diffusione di questa storia, traducendola in inglese e in croato .

Comments (21)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Vincenzo Ho visto la storia in italiano (gratis) e credo che meriti un pubblico internazionale! Brava Giulia e chiunque abbia partecipato. Dai che manca pochissimo all'obiettivo!
    • MB
      Marcello sempre l' ultimo sono...:-) o forse no..
      • DC
        Daniela  il progetto è bello ed interessante ,in bocca al lupo.Un bacione.
        • fn
          francesca brava Giulia, ottimo lavoro.
          • LL
            Lisa GO! per Goli otok tradotto
            • AR
              Andreazeif che il tuo progetto decolli, non importa se ora siamo bloccati dall'autunno e dalla pioggia. Basta trovare quello che di buono c'era in quell'inferno e mantenerlo vivo collegando il cervello e tenendo gli occhi aperi
              • avatar
                elisabetta vai giulia! è un progetto davvero molto bello :)
                • fi
                  francesca le idee anche sempre bisogno di un piccolo sostegno. in bocca al lupo
                  • el
                    elia.giovacchini Lavoro molto interessante, continuate così!
                    • TG
                      Tommaso Grande Giuls!! :)

                      Community

                      None