oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Gli occhi più azzurri - una storia di popolo

Una campagna di
Edizioni La città del Sole

Contatti

Una campagna di
Edizioni La città del Sole

Gli occhi più azzurri - una storia di popolo

Sostieni questo progetto
8%
  • Raccolti € 845,00
  • Obiettivo € 10.000,00
  • Sostenitori 41
  • Scadenza 44 giorni rimanenti
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Libri & editoria

Una campagna di 
Edizioni La città del Sole

Contatti

Il Progetto

Il documentario

Gli occhi più azzurri - Una storia di popolo”

La storia dimenticata del viaggio di 70.000 bambini dal Sud al Nord Italia:
una storia di solidarietà,  un’eroica, emozionante ed inedita pagina
scritta nel secondo dopoguerra

Regia di Simona Cappiello & Manolo Turri Dall'Orto

Animazioni di Marino Guarnieri (Arte della felicità/Gatta Cenerentola)
prod. Fondazione Gerardo Chiaromonte/ParteUtile
Durata: 46’ - Lingua: Italiano/Eng-sub
Edizioni La città del sole
**********************************************************
**********************************************************

********************

Tra il 1946 e il 1952 più di 70.000 bambini del Sud furono salvati dalla fame, dall’analfabetismo e dalle malattie, grazie allo sforzo e alla solidarietà di donne e uomini che iniziarono a sognare una nuova Italia.

Questa è la loro storia

La nascita dei "Comitati per la salvezza dei bambini" nell'immediato dopoguerra rappresenta un esempio di sostegno spontaneo e organizzato che unì Nord e Sud, poveri e benestanti, nello sforzo comune di sostenere l’infanzia. Coordinati dal Partito Comunista e grazie al lavoro delle donne che entrano in politica attivamente, furono più di 70.000 i bambini trasferiti per periodi più o meno lunghi dal Sud presso altre famiglie del Centro-Nord Italia. Una pagina sociale, prima ancora che politica, davvero poco nota ai più, mai studiata, eppure esemplare: Una nazione in difficoltà – l’Italia del secondo dopoguerra – che si mobilita incondizionatamente per proteggere i figli di tutti.

Questo film parla di quel viaggio, fisico ma anche simbolico, che avvicinò due “Italie” distanti per lingua e cultura nell’intento comune di dare una speranza alla parte più indifesa della popolazione.

Attraverso gli occhi di una giovane donna sulle tracce dei ricordi della nonna seguiamo, grazie a testimonianze, foto e filmati d'epoca e interventi di animazione, il filo rosso di quei treni, i racconti che affiorano, la memoria che permane e influenza il presente.

Oltre alle interviste ai bambini di allora, spiccano le testimonianze dell’ex sindaco di Napoli, il Senatore Maurizio Valenzi, della moglie Litza Cittanova, della Senatrice Luciana Viviani e del regista Carlo Lizzani, allora documentarista per il Partito Comunista Italiano.

Il documentario ha meritato il patrocinio morale del Comune di Napoli e del Comune di Modena.

Il libro

a cura di Simona Cappiello

Il libro contiene racconti e materiali di approfondimento, interviste inedite, documenti di repertorio provenienti da archivi storici italiani ( Biblioteca Naz. di Napoli, Emeroteca di Napoli, Emeroteca di Roma, Archivio Centrale UDI Unione Donne in Italia, Archivio Storico delle Ferrovie dello Stato ), alcune ristampe di preziosi documenti storici (il libretto che il Comitato di Napoli scrisse nel '46 per informare e raccogliere materiale e sostegno per i viaggi; un resoconto dell'Archivio UDI relativo al Comitato bambini di Cassino; un resoconto di Gaetano Macchiaroli edito nel 74 per la raccolta “I comunisti e l'infanzia”), foto d'epoca e numerosi articoli pubblicati tra il '46 e il '48 dai quotidiani “La Voce” e “L'Unità”.

La campagna di crowdfunding

Dopo anni di ricerche, interviste, riprese e proiezioni finalmente “Gli occhi più azzurri” ha trovato un editore. Grazie alla partnership con la casa editrice indipendente La Città del Sole”, impegnata da oltre vent’anni nella pubblicazione su tematiche politiche, sociali ed antropologiche, possiamo realizzare e diffondere questo lavoro.

Al documentario, arricchito da nuovi contenuti speciali, sarà allegato un libro con approfondimenti e ristampe di materiali di repertorio, nuove interviste e testimonianze.

Raccontare questo episodio storico non è stato semplice. Legato ad un momento di miseria e guerra, molti testimoni inizialmente erano reticenti, ma è la memoria l’unica cosa che può restituire la storia vera, vissuta, con i suoi contrasti e i suoi collegamenti col presente, per restituire una parte del nostro passato che può ancora insegnare un modo di fare politica vicino alla gente, che oggi sembra troppo spesso dimenticato.

L’obiettivo del progetto è di realizzare uno strumento Edutainment per proporre proiezioni e progetti, in particolare nelle scuole, utili a diffondere, riflettere ed educare attraverso il supporto video e cartaceo, il recupero della nostra memoria storica e lavorare sulle implicazioni sociali che ci aiutano a leggere il presente, coinvolgendo quindi non solo gli appassionati di storia e politica ma soprattutto i giovani.

I fondi raccolti serviranno per:

  • Consulenza legale, artistica e scientifica
  • Produzione, realizzazione e stampa del libro
  • Post- produzione burning e stampa del DVD
  • Promozione e diffusione del progetto (proiezioni in sale pubbliche; istituti scolastici; iscrizione e partecipazione a concorsi di settore nazionali ed internazionali)
  • Organizzazione di progetti e concorsi Eduteinment nelle scuole (con premi finali  quali gift card Amazon, Feltrinelli o similari)
  • Campagna di comunicazione e ufficio stampa

Bio autori

  • Simona Cappiello, Napoli – 1975. Laureata in lettere, scrive, insegna, e si occupa di produzioni video. Ha collaborato con riviste letterarie, siti internet, produzioni musicali e cinematografiche, festival. Ha pubblicato racconti per la Sperling&Kupfer e per il Manifesto Libri. E', con Virginia Spada, autrice e regista del corto contro la violenza sulle donne "Niente sogni dagli sconosciuti" patrocinato dal Ministero delle Pari Opportunità. Pratica Aikido.
  • Manolo Turri Dall'Orto, Legnano (Mi) – 1977. Regista e montatore di numerosi corti, spot e documentari, ha collaborato come free lance con Frame by Frame e Sky Cinema. È operatore e montatore del documentario “Tide waits for no man” realizzato tra Juneau (Alaska) e San Francisco in programmazione su PBS. E' co-fondatore di Alkanoids Motion Graphic Studio.

Rimaniamo in contatto: occhipiuazzurri@lacittadelsole.net

Commenti (13)

Per commentare devi fare
  • RF
    Rosalba  In bocca al lupo. Rosalba.
    • avatar
      Simona  Grazie Rosalba!
      17 ore fa
  • avatar
    Simona  Una sostenitrice del nostro lavoro mi ha mandato questa mail che con piacere condivido: A Simona Ti auguro con profondo affetto di portare a compimento con questo tuo documentario, il progetto iniziato con passione ed impegno civile; il primo di una lunga serie di lavori che ti vedranno sempre protagonista di iniziative culturali utili e necessarie per riproporre con forza all’attenzione di molti, temi significativi e di forte carica sociale. Ti voglio molto bene. Marianna P.S. Spero di vederti presto nel “profondo “ nord.
    • ES
      Emanuela  Sostengo il progetto perché il documentario è davvero ben fatto, oltre ad essere commovente ed estremamente interessante. Riesce a fare luce su una pagina di storia sociale del nostro Paese che rischiava di venire dimenticata. Complimenti Simona, ottimo lavoro!
      • avatar
        Giordano  Grazie Emanuela!
        1 settimana, 4 giorni fa
    • avatar
      Gavino  In bocca al lupo!
      • avatar
        Giordano  Evviva il lupo! e grazie!
        1 settimana, 4 giorni fa
    • avatar
      Giulio  Ciao Simo
      • avatar
        Giordano  Ciao Giulio! E grazie!
        3 settimane, 1 giorno fa
    • avatar
      Martina  Abbiamo avuto modo di apprezzare il lavoro della regista, diversi anni fa al cineforum settimanale gratuito promosso dal GRIDAS a Scampia, coproduciamo con piacere questo nuovo progetto che amplia quel già interessante documentario e vi aspettiamo a Scampia!
      • avatar
        Giordano  Grazie Martina! Appena pronto lo veniamo a presentare anche li da voi. Grande GRIDAS!
        1 mese, 3 settimane fa
    • avatar
      Pino  sono felice di partecipare a questo progetto
      • avatar
        Giordano  Grazie mille per il tuo sostegno!
        1 mese, 4 settimane fa

    Gallery

    Community

    Vuoi sostenere questo progetto?