or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Network directBOOK

Gli Dei muoiono di fame

A campaign of
Enrico M. Di Palma

Contacts

A campaign of
Enrico M. Di Palma

Gli Dei muoiono di fame

Campaign ended
  • Raised € 473.00
  • Sponsors 26
  • Expiring in Terminato
  • Type All or nothing  
  • Category Books and publishing

A campaign of 
Enrico M. Di Palma

Contacts

The project

Questo progetto di Crowdfunding è realizzato dalla casa editrice Temperino rosso col fine di poter pubblicare la raccolta di poesie Gli Dei muoiono di fame di Enrico M. Di Palma. I sottoscrittori potranno richiede delle ricompense  corrispondente al testo in questione con spese di spedizione gratuite al momento della pubblicazione. Se non raggiunto entro tre mesi il budget, il progetto di pubblicazione tramite la Temperino rosso non potrà essere realizzato e le quote sottoscritte non saranno addebitate.

PRESENTAZIONE

Gli Dei muoiono di fame è il viaggio in versi fra le inquietudini dell’urbano: fra miti antichi, nuovi idoli della rete, generazioni a confronto, fumetti, gruppi punk, il poeta indaga il mondo contemporaneo, in cui l’Io, diviso fra Uno e Tutto, fra cultura alta e bassa, cerca il suo senso, la sua determinazione.

Enrico M. Di Palma, alla sua seconda raccolta dopo Dalla parte di Huàscar (CFR edizioni, 2012), affronta nuovamente i temi dell’alienazione del mondo contemporaneo e della disumanizzazione post-industriale: nella sua opera ci sono la crisi, gli eccessi mediatici, gli abusi del potere e la disillusione della società civile; ma in questo oscuro scenario, dominato da grigiore e materialismo, rifulgono vecchi e nuovi idoli, gli Dei. Che siano salvifiche ancore di speranza, utopie politiche, penose superstiziosi o nuovi speciosi feticci, dominano l’immaginario collettivo e nutrono la nostra anima, esigendo in cambio, a loro volta, nutrimento. Così la storia dell’uomo, di ogni singolo uomo, è un susseguirsi di miti che muoiono, si ricompongono, rinascono: questa ποίσις, ossia l’arte, la creazione, è il gesto supremo di affermazione, di felicità, di vita.

Lo stile del poeta è ostico e composito, ma cerca di restituire il conflitto fra uomo e mondo, in una musicalità marcata e non senza dissonanze: lessico ricco, che vede l’incontro fra termini aulici e gergali, sintassi sfrangiata, ricerca del ritmo e impasto fonetico sono gli ingredienti del verso di Gli Dei muoiono di fame , difficile e sfidante, ma mai ermetico o impenetrabile.

www.enricomdipalma.com

Comments (2)

Per commentare devi fare
  • SB
    Samantha  Alla mia fonte di Saggezza.
    • GP
      Gabriele  Enrico Di Palma, di cui ho letto il primo libro (Dalla parte di Huáscar), tra i molti pregi come uomo e scrittore, ne ha uno che mi ha colpito in particolare: non si vergogna di essere un poeta nato nel 1987. Motivo sufficiente per supportarlo senza condizioni.

      Gallery

      Community