or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Network Banca Etica

FIRENZE. SI PARCO-NO AEROPORTO UNA NUOVA CASA PER IL PRESIDIO

A campaign of
PRESIDIO NO INCENERITORI NO AEREOPORTO

Contacts

A campaign of
PRESIDIO NO INCENERITORI NO AEREOPORTO

FIRENZE. SI PARCO-NO AEROPORTO UNA NUOVA CASA PER IL PRESIDIO

Campaign ended
100%
100%
  • Raised € 10,000.00
  • Target € 10,000.00
  • Sponsors 109
  • Expiring in Terminato
  • Type Keep it all  
  • Category Community & social
  • Obiettivi
    3. Salute e benessere
    11. Città e comunità sostenibili
    13. Agire per il clima

A campaign of 
PRESIDIO NO INCENERITORI NO AEREOPORTO

Contacts

The project

FIRENZE

SI PARCO - NO AEROPORTO

una Nuova Casa per il Presidio

Vogliamo costruire una struttura in legno su una porzione di terreni del Parco della Piana minacciati dal progetto del Nuovo Aeroporto di Frenze.

Una Nuova casa per il presidio in continuità con il Patto di collaborazione siglato con il comune di Sesto Fiorentino nell'ottica di una gestione in uso civico e collettivo di 2 ettari di terreni.

La  ‘Casa del Presidio’ è costituita da:

•  Un piccolo edificio  con struttura autoportante in legno e tamponamenti in doghe di abete; con una superficie interna di circa 50 mq. e altezza media interna di ml. 2,80 (esterna 2.90),  destinata al ricovero di  materiale informativo e di attrezzi per la manutenzione dei terreni in uso comune; accessibile anche ai disabili;


•  Uno spazio aperto complementare destinato a riunioni, assemblee, incontri di approfondimento e di studio, proiezioni di video, momenti conviviali.

I terreni del presidio minacciati dal Nuovo Aeroporto


Perché donare

La Nuova casa per il presidio è un ostacolo fisico e diretto alla realizzazione del nuovo aeroporto di Firenze, progetto di aeroporto più grande con maggior numero di voli e traffico automobilistico collegato. La sopravvivenza e lo sviluppo del presidio significano quindi, tutela e protezione del territorio e dei suoi abitanti dall’aumento di inquinanti nell’aria, nei suoli e nelle acque che sarebbe determinato dal nuovo aeroporto.                                                   

La Nuova casa per il presidio è un elemento di pressione sulle amministrazioni comunali e regionali in direzione di una ripresa della progettazione partecipata del Parco Agricolo della Piana e del complessivo ecosistema colline, pianura, acque, compreso il fiume Arno, a partire dalla costituzione anche normativa  già avviata da questi soggetti istituzionali nel 2009-2010 e poi interrotta per le pressioni politico-imprenditoriali che prevedevano lo sviluppo del nuovo aeroporto sull’area geografica interessata dal parco.

La Nuova casa per il presidio, costituisce un elemento di continuità innovativa tanto nel sistema territoriale in cui si insedia quanto nelle relazioni tra cittadinanza e amministrazione comunale.


Chi siamo

Dal punto di vista geografico il presidio ha recuperato, rimuovendo ingenti quantità di rifiuti abbandonati illecitamente, una ampia porzione di terreni che dovrebbero essere destinati a parco.
Dal punto di vista delle relazioni comunitarie gli/le attivisti/e del presidio rappresentano una comunità di base democratica ed egualitaria che contribuisce alla gestione dei beni comuni attraverso gli strumenti della partecipazione e della cittadinanza attiva previsti dalla Costituzione.

Cura e pulizia del territorio


Dove siamo

La pianura Firenze - Prato - Pistoia tra l' Appennino e il Montalbano, attraversata da fiumi e torrenti che si gettano nell' Arno, è una delle aree più popolate d'Italia. Un'area metropolitana cresciuta a dismisura in pochi decenni, occupando il territorio di riferimento delle città e dei paesi, distruggendo la terra e molte delle zone palustri, impoverendo la biodiversità e un ecosistema complesso, ricco e delicato: il paesaggio della piana e le sue relazioni fondamentali. Con forti conseguenze in termini di inquinamento dovuto al traffico, al proliferare di  centri commerciali, a molte attività produttive estranee ai luoghi, ad impianti nocivi di smaltimento dei rifiuti, ai pesticidi e fertilizzanti dell' agricoltura e del vivaismo.

La piana Firenze, Prato, Pistoia e i tanti Comitati attivi.

Ad aggravare la situazione, la Regione Toscana e alcune amministrazioni locali avrebbero voluto costruire al crocevia tra i comuni di Firenze, Sesto e Campi, un Inceneritore ed un Nuovo Aeroporto.

Previsioni urbanistiche su la Piana Fiorentina al 2018


Le nostre lotte

All'interno del forte movimento di opposizione a queste scelte, matura l'idea e la necessità di riappropriarci del territorio come abitanti e quindi difendere il proprio ambiente di vita, partecipando dal basso realmente alle scelte relative al suo uso.

Una delle diverse Manifestazioni. 11 Aprile 2015

Video Manif. 11 Aprile 2015

Video Manif. 14 Maggio 2016

Tele Giornale Regionale  Manifestazione 2 Dic. 2017


Il Parco che vogliamo

Non più Inceneritori e Aeroporto ma processi di evoluzione agroecologica di un ambiente di vita che mantiene ancora disponibile un capitale naturale e saperi, anche tecnici, degli abitanti, delle lavoratrici e dei lavoratori, come dimostra la lotta progettuale della comunità ex-GKN.

Camminata sui terreni Febbraio 2022

Non più nocività ma un Parco agricolo:

- per rigenerare l'area metropolitana, per tutelare l'unica aera verde di dimensioni consistenti scampata alla cementificazione, per stimolare filiere agricole pulite, creare lavoro utile fuori dal ricatto tra salute e lavoro troppo spesso usato per frenare ogni cambiamento socialmente utile.

.

La Regione Toscana per il Parco

Un Parco agricolo a valenza ecologica, definito nelle Direttive del PIT/PPR (Piano di Indirizzo territoriale e Piano Paesaggistico Regionale) della regione Toscana, fatto naufragare, con l' avallo del PD guidato da Renzi, per assecondare la sete di profitto di un soggetto imprenditoriale forte diventato azionista di maggioranza degli Aeroporti di Pisa e Firenze prevedendo per quest'ultimo scalo la realizzazione di un nuovo aeroporto con l'obiettivo di raddoppiare i passeggeri e aumentare voli. Un nuovo Aeroporto più grande che, con una pista più lunga, si mangerebbe il parco della Piana.


La storia

Fin dalle manifestazioni No Inc-No aero del 2016 inizia un lavoro di conoscenza, pulizia, cura e tutela di un'ampia porzione di terreni abbandonati da anni e utilizzati, nell'incuria e nell'indifferenza istituzionale, come discarica abusiva. Dove erano sotterrate lamiere piantiamo alberi. Dove giacevano televisori dissodiamo un sentiero.

Piantumazioni, Socialità e Dibattiti

Dove era abbandono c'è vita e nasce così la prima struttura di un presidio di comitati e abitanti attivo; una struttura sequestrata e dichiarata inagibile nel tentativo evidente di impedire e limitare un'organizzazione popolare che ha contribuito a cancellare il progetto di Inceneritore di Firenze.


Varie iniziative al Presidio. I sigilli nel Novembre 2016.

Una nuova casa come ritrovo e spazio di iniziative, come luogo anche simbolico delle lotte contro le nocività nella piana, come presidio contro la costruzione del nuovo aeroporto, come piccolo seme di quella grande opera utile tanto attesa che è il Parco agricolo della Piana.


Aiutaci a costruire la Casa del presidio!
Perchè non tutto dipende da noi ma è vero che dipende da tutti noi!


Corteo 30 Marzo 2019.

Video del Corteo 30 Marzo 2019 

Comments (15)

Per commentare devi fare
  • gm
    guido Soldi degli ultimi taralli
    • GM
      Guido "Chi non lotta ha già perso". Si Parco della piana, No Aereoporto! Con voi anche da lontano.
      • FB
        FRANCESCO Un caloroso saluto dall'AulaStudenti del Polo Scientifico!
        • VB
          Viviana NO AMPLIAMENTO AEROPORTO FIRENZE!
          • avatar
            Lorena PER IL PARCO
            • lM
              laura Dobbiamo proteggere il territorio dall'appetito famelico degli speculatori e dei loro servizi (la classe politica al governo locale e nazionale)
              • EC
                Elia Versate 400,00 euro, quote raccolte con la vendita dei panettoni a Natale 2021 e con la vendita dei Taralli NoTAP! Avanti tutti insieme per il Parco della Piana!
                • avatar
                  Maria Teresa Costruiamo il nuovo Presidio, Sandro e Teresa
                  • avatar
                    Enrico partecipo volentieri con un mio piccolo contributo per questa giustissima iniziativa che spero davvero riesca bene e si possa in breve tempo riuscire ad erigere la " Nuova Casa" a salvaguardia del Parco Della Piana ! Enrico
                    • mg
                      maria felicia Basta con i finanziamenti alle opere che aiutano solo l'inquinamento e non l'occupazione

                      Gallery

                      Files are only available to project sponsors. To see donate!

                      Questo progetto ha segnalato obiettivi di sviluppo sostenibile

                      Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) costituiscono una serie di 17 obiettivi concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite.

                      3. Salute e benessere

                      Buona salute: garantire una vita sana e promuovere il benessere di tutti a tutte le età.

                      11. Città e comunità sostenibili

                      Città e comunità sostenibili:creare città sostenibili e insediamenti umani che siano inclusivi, sicuri e solidi.

                      13. Agire per il clima

                      Lotta contro il cambiamento climatico: adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze.