or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Djembè in carcere

A campaign of
Associazione Pantagruel ODV

Contacts

A campaign of
Associazione Pantagruel ODV

Djembè in carcere

Djembè in carcere

Support this project
5%
  • Raised € 280.00
  • Target € 5,000.00
  • Sponsors 6
  • Expiring in 103 days to go
  • Type Keep it all  
  • Category Community & social

A campaign of 
Associazione Pantagruel ODV

Contacts

The project

Pantagruel è una associazione di Firenze che opera nelle carceri della città.



A Firenze molti sono gli stranieri, le cui famiglie hanno venduto i pochi beni di proprietà per offrire al figlio  l’opportunità di avere una vita nei Paesi ricchi; quello che è fuggito da un governo che faceva uccidere tutti i componenti della etnia avversa; quello che veniva torturato per idee politiche opposte al governo in carica.


Il carcere italiano non è il luogo di rieducazione voluto dalla Costituzione, destinato al ripensamento, alla riflessione e al recupero sociale

Il carcere italiano è accozzaglia di corpi ammassati in spazi pensati per la metà delle persone che li abitano, dove l’inverno è freddo, perché non sufficientemente riscaldato e l’estate è caldo perchè in una cella di 3 metri per  5 sono disposte più cuccette, un fornellino, un pezzo di parete dove attaccare una fotografia. Le ore d’aria limitate e talvolta si convive con persone psicologicamente disturbate che urlano giorno e notte impedendo all’intero braccio, di dormire. A Sollicciano numerosi sono i detenuti dell’Africa sub-sahariana, che versano in condizioni di particolare prostrazione in un ambiente dove perfino il colore della pelle di chi ti sta davanti ti ricorda che sei diverso; allora succede che molti di loro diventino abulici e depressi, arrivando talvolta a tentare il suicidio. Per loro abbiamo pensato di ricreare dentro al carcere un pezzo della loro vita tramite la musica.


Vogliamo acquistare 10 DJEMBE’, i tamburi di legno tipici dell’Africa sub-sahariana, assumere un maestro djembefola nigeriano, che insegni ai detenuti a suonare  lo strumento. La musica dello djembè è quella che essi hanno sentito fin dall’infanzia, dato che questo strumento   accompagna i momenti della vita dei popoli di quelle zone: battesimi, matrimoni, circoncisioni, festività importanti.



Sono previste 30 lezioni in carcere, a 10 detenuti per volta. Si vuole ottenere un miglioramento delle condizioni dei detenuti, che, attraverso il recupero di parte della loro cultura, vengono spinti ad aprire anche la loro anima, a frequentare corsi per l’apprendimento della lingua italiana, consentendo così il miglioramento delle relazioni con gli altri detenuti e con gli agenti carcerari.



L’ importo necessario per la realizzazione di questo progetto è di € 5.000,00, di cui € 1.000,00 per l’acquisto degli strumenti musicali, € 2.500,00 per costo lezioni e spese  di insegnamento, € 1.500,00 per spese promozione, comunicazione, acquisto  beni per ricompense e varie.


Sono previste varie ricompense: animaletti di stoffa, acquerelli, lezioni di djembè e cene per due persone.


Comments (2)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Camilla  Bellissima iniziativa! Un piacere poter partecipare!
    • avatar
      Amelia  Un piccolo contributo per una bellissima iniziativa. Siete meravigliosi!

      Community

      Vuoi sostenere questo progetto?