or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

DiSoTTO: Distribuzione Solidale sul Territorio Torinese

A campaign of
Cooperativa Sociale I.So.La.

Contacts

A campaign of
Cooperativa Sociale I.So.La.

DiSoTTO: Distribuzione Solidale sul Territorio Torinese

Campaign ended
  • Raised € 15.00
  • Sponsors 2
  • Expiring in Terminato
  • Type Keep it all  
  • Category Community & social

A campaign of 
Cooperativa Sociale I.So.La.

Contacts

The project

Ciao!

Vogliamo realizzare una piattaforma online che sia uno strumento di Piccola Distribuzione Organizzata per:

- commercializzare prodotti realizzati nel rispetto dei criteri dell’Economia Sociale e Solidale

- mettere in contatto i soggetti delle filiere locali e solidali

- promuovere la riflessione, il dibattito e azioni pratiche sui temi dell’Economia Sociale e Solidale

- dare visibilità a un mondo che nella situazione attuale è in secondo piano

- stabilire un “paniere” di prodotti del territorio che rispondano a criteri etici e renderlo visibile e accessibile

- attivare sul territorio processi di distribuzione e di aggregazione attorno a luoghi e soggetti significativi

- offrire un'occasione di impiego a 1 persona svantaggiata

Dal 2012 diversi soggetti dell’Economia Sociale e Solidale torinese si interrogano sulla possibilità di avviare delle attività di Piccola Distribuzione Organizzata. Biologico, ecologico sembrano parole sempre più imperative, ma rischiano di diventare sempre più vuote se a queste non si associano altri temi, come la resilienza, la solidarietà, l’accessibilità, l'autoproduzione.

Alcune domande ci sono sorte spontanee:

Che cos’è l’Economia Sociale e Solidale concretamente ?

Promuovere i beni comuni, il legame con il territorio,il rispetto della “Madre Terra” e il “benvivere” di tutti, seguire modelli collaborativi, basarsi sulle relazioni, incorporare il senso del limite, svilupparsi nelle reti, essere una trasformazione sociale, difendere i diritti, ridimensionare il ruolo del mercato appaiono parole per iniziati se non si trovano applicazioni pratiche, ancorché imperfette, da cui partire. A partire da quale che punto un consumatore, un produttore o una organizzazione non profit può affermare di operare nell’ambito dell’economia solidale? Bastano pochi acquisti, una certificazione o un titoletto nella ragione sociale?

Che cosa può essere la Piccola Distribuzione Organizzata?

In un territorio definito è un insieme di piccoli soggetti che aderiscono ai criteri dell’Economia Sociale e Solidale e scelgono modelli collaborativi per sviluppare una rete di distribuzione di beni e servizi rivolta alla propria bioregione. Come farlo?

DiSoTTO è la nostra risposta!

Comments (1)

Per commentare devi fare
  • gp
    azienda agricola mompala'  bel progetto spero possa andare a buon fine!

    Gallery

    Community