or

Register with your email address

Oppure, solo se sei una persona fisica (NO azienda/associazione), puoi scegliere anche di registrarti con i social:

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Diamoci una zampa!

A campaign of
Moreno Fabbri

Contacts

A campaign of
Moreno Fabbri

Diamoci una zampa!

Campaign ended
  • Raised € 338.00
  • Sponsors 15
  • Expiring in Terminato
  • Type Donation  
  • Category Community & social

A campaign of 
Moreno Fabbri

Contacts

The project

Questo video vuole essere una specie di “biglietto da visita” dell’Unità Cinofila della CRI di Bagni di Lucca. Molti non sono al corrente o non conoscono con precisione come operi questa realtà che ormai agisce sul territorio dal 2000. Le attività svolte sono molteplici: simulazioni di ricerca fatte nelle scuole con il coinvolgimento diretto di bambini e ragazzi, corsi informativi aperti al pubblico e, soprattutto, interventi in situazioni reali di ricerca di persone disperse.

Dove i mezzi non arrivano, arriva l’Unità Cinofila. Non c’è anfratto, scarpata, intrico boschivo che possa fermarli. Le persone si perdono in luoghi impervi, dove è difficile muoversi ed orientarsi. E’ proprio in queste circostanze che gli interventi dell’Unità Cinofila diventano fondamentali e spesso risolutivi.

"SONO PREZIOSI, PRECISI E INSOSTITUIBILI."

Per arrivare alla competenza sul campo, i cinofili seguono addestramenti e corsi informativi ripetuti ed impegnativi su due fronti: personale, riferiti alla conoscenza di norme di primo soccorso, messa in sicurezza, uso di strumentazione specifica (bussola, gps, carte), orientamento, topografia e, ovviamente, in coppia col proprio cane. L’addestramento con i cani è in itinere per tutta la durata dell’operatività della coppia, quindi è continuativo, non esiste un punto di arrivo perché si è sempre in aggiornamento. Sono necessari tempo e costanza per ottenere una simbiosi totale umano-cane. A quel punto si fa anche a meno di parlare: basta un cenno, uno sguardo, un fischio per trasmettere un ordine. Addirittura a volte sembra che il cane intuisca l’ordine prima che gli sia dato.