or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Network Arci

Dalla parte dei curdi

A campaign of
Arci

Contacts

Dalla parte dei curdi

Support this project
100%
  • Raised € 11,307.00
  • Sponsors 162
  • Expiring in 101 days to go
  • Type Donation  
  • Category Community & social

A campaign of 
Arci

Contacts

The project

L’invasione della Turchia al nord-est della Siria è iniziata con tutta la sua violenza, morte e distruzione.

Facciamo qualcosa di concreto per le popolazioni sfollate: doniamo per implementare una clinica mobile ad Heseke.
Le donazioni vengono raccolte da Arci e saranno gestite da UIKI Onlus - Ufficio di Informazione per il Kurdistan in Italia.


AGGIORNAMENTO -- > Per cosa utilizzeremo i fondi
In accordo con UIKI e sulla base dei bisogni emersi, i fondi raccolti con la nostra campagna di crowdfunding finanzieranno l’ implementazione di una clinica mobile ad Heseke , che si rivolgerà soprattutto a donne e bambini in condizioni di povertà e sarà una forma flessibile e diretta di servizio sanitario che garantirà sia il pronto soccorso in caso di necessità sia assistenza continua.
Attualmente vi è una grande mancanza di cure mediche nel grande bacino di utenza dei rifugiati. Il team della clinica, composto da un medico, un'ostetrica, un'infermiera e un assistente medico, raggiunge le aree rurali in auto (autobus o furgoni convertiti). Conduce lì esami e distribuisce medicine. In caso di emergenza, effettua visite a domicilio. Inoltre, il team istituirà un servizio di trasporto per i pazienti che devono essere portati in un ospedale vicino. La Clinica mobile è una risposta importante ai bisogni fondamentali di donne e bambini in questa situazione minacciosa.
In caso di risoluzione pacifica del conflitto la Clinica mobile sarà utilizzata in aree rurali e regioni poco servite.

Chi realizzerà il progetto?
Weqfa Jina Azad a Rojava, la Free Women's Foundation di Rojava, fondata il 1 settembre 2014 come organizzazione indipendente no profit di donne curde e arabe a Qamişlo (Siria settentrionale), affronta le difficoltà delle donne nel Rojava a livello economico, sociale, politico, sanitario e culturale e attraverso l'educazione e il lavoro secondo il motto "La donna libera è la base di una società libera". Da quando i primi rifugiati sono arrivati nella regione di Heseke, la Fondazione si sforza di sostenerli con generi di prima necessità e cure mediche.
I progetti della Fondazione hanno lo scopo di ridurre la violenza strutturale contro le donne e rafforzarne la vita sociale, soprattutto in una situazione di emergenza. Le donne nel nord della Siria hanno difficoltà diverse a seconda del background culturale. Le donne curde e arabe sono attive in tutte le aree di lavoro, mentre le donne assiro-caldee e turkmene sono state isolate fino ad oggi. Tutte le aree del progetto sono organizzate almeno in due o tre lingue: le scuole materne, i centri sanitari, l'educazione alla salute, le cooperative, il villaggio femminile Jinwar, il lavoro nei campi profughi, ecc. Finora, la fondazione ha funzionato nelle città di Qamişlo, Serê Kaniyê, Derik, Girke Lege, Tepke (villaggio vicino Derik), Kobane, nel campo profughi di rifugiati africani a Shehba, a Dirbesiye e Heseke. Attualmente sono in corso i preparativi per l'apertura di centri nelle città arabe di Raqqa e Tepqa. A tal fine, i team arabi vengono attualmente formati per assumere la gestione di questo lavoro.

Utilizzo dei fondi
Diecimila euro sono stati donati al progetto direttamente da UIKI e dalla Fondazione femminile a Qamislo / Nord-Est Siria che, sin da principio, hanno creduto nell’impatto che la Clinica mobile avrà nel Canton Heseke, nel nord della Siria.
Le donazioni saranno destinate all’acquisto e all’equipaggiamento del veicolo e all’approvvigionamento di materiali medici.
Dalla longue ospedaliera alle apparecchiature per la chirurgia ambulatoriale; dal serbatoio dell’acqua ai macchinari medici: ogni risorsa sarà impiegata per fare della Clinica mobile un punto di riferimento per le donne e i bambini di Heseke.


L'obiettivo

Attraverso questa raccolta fondi si fornirà un aiuto concreto alle popolazioni sfollate del nord-est della Siria . L’obiettivo della campagna è sostenere, attraverso UIKI Onlus – Ufficio di Informazione per il Kurdistan in Italia, l’Amministrazione Autonoma della Siria del Nord e dell’Est nella cura e nella protezione delle persone che stanno fuggendo dalle zone di conflitto, attraverso l’allestimento di campi profughi e di ospedali da campo.


Chi siamo

ARCI - Siamo una grande associazione culturale e di promozione sociale. Centinaia di migliaia di socie e soci e tantissime associazioni, circoli, case del popolo, società di mutuo soccorso in tutta Italia.

Nasciamo nel 1957 a Firenze come organizzazione per la difesa e lo sviluppo di case del popolo e circoli ricreativi. Siamo eredi della tradizione mutualistica dei movimenti popolari e antifascisti che hanno contribuito a costruire e consolidare la democrazia italiana fondata sulla Costituzione.

Oggi siamo donne e uomini di tutte le età che credono nella libertà di associazione e nell’autorganizzazione democratica delle persone. Siamo schierati dalla parte della pace, dei diritti, dell’uguaglianza, della solidarietà, del libero accesso alla cultura, della giustizia sociale, dei valori democratici.

UIKI Onlus - UIKI, fin dalla sua nascita, si occupa soprattutto di fare informazione: in generale sulla questione kurda sia in Kurdistan che in Europa, mentre nello specifico si occupa di fornire informazioni sulla repressione, la discriminazione e la guerra contro il popolo kurdo nei quattro paesi in cui il Kurdistan è stato diviso nel 1923 con il Trattato di Losanna, dove il popolo kurdo è stato separato e costretto a subire gravi forme di discriminazione ed esclusione.

Uno degli obiettivi principali dell’associazione è adoperarsi nella realizzazione di viaggi e missioni di studio, di ricerca, di turismo alternativo o con fini di cooperazione internazionale in Kurdistan. L’associazione nel corso degli anni ha contribuito a creare momenti di confronto a carattere politico, sociale e culturale in Italia e all’estero.


Cosa sta succedendo nel Nord-est della Siria

La Turchia sta invadendo il nord-est della Siria. Dopo averlo più volte minacciato, il regime di Erdogan ha sferrato un attacco brutale all’Amministrazione Autonoma della Siria del Nord e dell’Est. Nella giornata del 9 Ottobre sono cominciati i bombardamenti indiscriminati sulle città di confine turco siriano con lo scopo di fiaccare la Resistenza Curda e di seminare il terrore tra la popolazione civile.

Ancora una volta i curdi , e tutti i popoli che hanno dato vita all’Amministrazione Autonoma della Siria del Nord e dell’Est, sono stati abbandonati e traditi dai governi della Coalizione Globale per sconfiggere l'ISIS-Daesh. Il governo italiano, l’Unione Europea e l’ONU non riescono ad andare oltre le vuote parole di dissenso e a dare concretezza alla solidarietà con i popoli del nord-est della Siria.

Come è già successo in passato, toccherà alla società civile e alle associazioni trovare il modo di aiutare e sostenere la Resistenza Curda.

Noi vogliamo difendere e sostenere coloro che in questi anni hanno costruito il Confederalismo Democratico, hanno liberato un’intera regione da Daesh, stanno lottando per la liberazione delle donne e hanno dimostrato che la convivenza tra diverse religioni ed etnie nella regione è possibile.

L’invasione turca è finalizzata a distruggere il Confederalismo Democratico e a praticare una sostituzione etnica di massa nel Nord della Siria, riconsegnando l’intera regione nelle mani dei jihadisti. Proprio la sostituzione delle popolazioni originarie del nord-est della Siria con altri rifugiati siriani è il fine ultimo dell’Operazione Peace Spring.

Dopo solo due giorni dall’inizio dell’invasione sono più di 100.000 le persone che sono state costrette a fuggire dalle loro case a causa della guerra. E purtroppo questo numero è destinato a crescere molto se l’invasione proseguirà.


Biji Rojava! Biji Kurdistan!

#Riseup4rojava

Comments (20)

Per commentare devi fare
  • AM
    Circolo Mille Papaveri Rossi Il circolo Mille Papaveri Rossi di Chiavenna ha fatto una serata il venerdì 22 novembre dedicata alla raccolta fondi per questa iniziativa.
    • avatar
      Tiremm Innanz A.P.S. Grazie alla produzione di Binxêt – Sotto il confine E alla generosità dei soci di Tiremm Innanz
      • avatar
        Andrea Sono felice di aver contribuito, ma amareggiato che ancora una volta la società civile si debba sostituire in questo compito ai nostri governi.
        • mm
          moreno E' un dovere morale davanti all'indifferenza del mondo
          • avatar
            associazione ricreativa e culturale john belushi effettuato bonifico.
            • JF
              Arci Comitato Territoriale di Firenze Arci Firenze sta dalla parte del Confederalismo Democratico. Biji Rojava!
              • JF
                Arci Comitato Territoriale di Firenze L'Associazione Arcobaleno e la Casa del Popolo di Mercatale sono al fianco del popolo Curdo.
                • ad
                  SassiScritti spiace non poter fare di più, in un momento in cui l'Europa dovrebbe schierarsi per il bene, non per il comodo.
                  • LB
                    Lucio Dalla parte giusta, con il popolo curdo sempre...Grazie per questa iniziativa.
                    • avatar
                      Greta Dalla parte dei curdi per difendere un modello di società democratico, laico e paritario.

                      Community

                      Vuoi sostenere questo progetto?