or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Click piccoli fotografi grandi storie

A campaign of
Fabio Campo

Contacts

A campaign of
Fabio Campo

CLICK piccoli fotografi grandi storie

Click piccoli fotografi grandi storie

Campaign ended
  • Raised € 1,650.00
  • Sponsors 18
  • Expiring in Terminato
  • Type Donation  
  • Category Photography & exhibitions

A campaign of 
Fabio Campo

Contacts

The project

FOTOGRAFIA SOLIDALE PER BAMBINI E RAGAZZI IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIALE ED ECONOMICO

IL PROGETTO

Offriremo ai bambini e alle bambine, ai ragazzi e alle ragazze, delle case famiglia della Onlus Namastè nel sud del Kerala in India, l’occasione di confrontarsi e giocare con le immagini fotografiche. Dapprima riflettendo su alcuni semplici elementi del linguaggio fotografico per comprenderne l’immenso potere espressivo e comunicativo. E poi cimentandosi con le macchine fotografiche per raccontare storie personali e collettive da condividere con altri.

Siamo consapevoli dell’importanza dell’espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un’ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi i linguaggi dell’immagine. Riteniamo che una prima chiave di lettura del linguaggio fotografico permetterà ai ragazzi di partecipare più attivamente e in maniera più consapevole nel mondo della comunicazione globale.

In particolare crediamo che attraverso l’immagine fotografica i ragazzi potranno raccontare sé stessi e il mondo che li circonda, secondo alcune semplici direttrici:

Soffermarsi su alcuni aspetti della vita quotidiana: il gioco, lo studio, il tempo libero.

Illustrare i luoghi, i paesaggi in cui si vive: la casa, la strada per la scuola, il villaggio, la gente, la natura circostante.

Riflettere sul rapporto con gli altri: gli amici, i grandi.

Comunicare stati d’animo ed emozioni

Una volta conclusa l’esperienza fotografica si stamperà una selezione degli scatti più significativi da esporre in mostre itineranti. Realizzeremo anche un libro fotografico e un video documentario di tutta l’attività.

La nostra sfida è offrire un’opportunità formativa a bambini e ragazzi che, a causa di svantaggi educativi determinati da circostanze personali, sociali, culturali o economiche, hanno bisogno di un sostegno particolare per realizzare le loro potenzialità comunicative.

Siamo convinti che alla fine dell’esperienza le LORO foto diverranno le tessere di un puzzle che illustrerà la vita di un’intera comunità.

LINEE GENERALI

Chi siamo

Claudine Tissier, Fabio Campo, Gianluca Polazzo, Giuseppe Tangorra, Renato Greco

La Onlus Namastè
www.namaste-adozioni.orgwww.namastewingstofly.org

“Non basta fare il bene, bisogna anche farlo bene”, questo è il motto dell’Associazione NAMASTE’ che aiuta prevalentemente bambini e ragazzi in condizioni di estrema povertà a vivere e studiare in dignità nel proprio paese d’origine. La Onlus è presente in India da oltre 15 anni e opera nel sud del Kerala, in un’area economicamente e socialmente depressa, nonostante la vicinanza alla capitale Trivandrum. Per statuto Namastè non ha connotazione politica o religiosa e si ispira agli universali valori di solidarietà e rispetto per i più sfortunati nel mondo. Se l’attenzione è maggiormente focalizzata sull’educazione per bambini e ragazzi, la Onlus si occupa però anche di problemi di salute, di costruzione o ristrutturazione di case per i più diseredati, di progetti di avviamento al lavoro per le donne e  di sostegno agli anziani. Oggi Namastè segue oltre 1000 bambini, in casa famiglia o nelle famiglie d’origine, 5 asili e 12 centri-studi.

Le lezioni di fotografia

Sarà un corso sulla fotografia molto semplice, considerati anche i tempi a disposizione e le oggettive difficoltà del luogo. Un possibile indice di argomenti contiene: la macchina fotografica, scegliere l’inquadratura, la luce, il movimento, il ritratto, campi e piani, i generi fotografici.

Organizzazione e metodologia

Ad ogni fotografo sarà affidato un gruppo di 6 bambini/ragazzi. Per favorire il “cooperative learning”, l’imparare insieme, si lavorerà talvolta in coppia ma ogni ragazzo avrà la sua macchina fotografica. In ogni gruppo sarà presente un fieldworker, un membro dello staff indiano che si occuperà principalmente di tradurre e di risolvere problemi di logistica (trasporti, ecc.). Nel corso delle due settimane del progetto, dal 7 al 17 luglio, i ragazzi saranno impegnati il sabato e la domenica per le attività pratiche (negli altri giorni vanno a scuola). In alcune sere della settimana ci sarà qualche semplice lezione teorica e soprattutto si riguarderanno insieme gli scatti effettuati, per discutere dei risultati ottenuti, individuare gli errori, raccontare i motivi di una foto. Sempre durante la settimana si potranno consegnare ai ragazzi che lo desiderano le macchine fotografiche per realizzare delle foto su specifiche consegne (raccontaci i tuoi amici, i tuoi luoghi o momenti preferiti in casa e fuori, ecc.). L’ultima domenica ci sarà una gita fotografica tutti insieme.

Di cosa abbiamo bisogno

Attraverso donazioni, sponsorizzazioni e crowdfounding vorremmo un adeguato numero di compatte digitali dall’uso semplice ma possibilmente con alcuni controlli manuali o con programmi di ripresa (controluce, ritratto, ecc.). Considerato il numero dei gruppi, attualmente 4, e i 6 ragazzi per gruppo, avremmo bisogno di 24 compatte. E’ possibile, ma questo lo sapremo solo in marzo, che si aggiunga una fotografa al progetto e in questo caso si potrebbe formare un ulteriore gruppo e quindi ci vorrebbero altre 6 compatte. Queste potrebbero essere prestate per il periodo del progetto ma l’ideale sarebbe che fossero donate alla Onlus che così potrebbe continuare l’esperienza fotografica anche con altri bambini e ragazzi. Ci serve inoltre un sostegno finanziario per la stampa delle foto selezionate, per la pubblicazione del libro fotografico, per la realizzazione dei dvd del film documentario.

Partners

Semplicemente Fotografare, Namastè Onlus Italia, Namaste Wings to Fly India

Ringraziamenti:

Valeria Palmieri (presidente Namastè Italia), Ramachandran Nair (presidente Namaste India), Gabriele Burnazzi, Lia Alessandrini, Giorgio Rossi, Francesco Castiglione, Elisabetta Alicino, Roberto Pireddu, Antonio Benedetto, Lucia Romanelli, Giulio Limongelli, Max Angeloni, Michele Buonanni, Stefano Pambianchi, Serena Pedretti, Claudia Cervellati, Stefania Vitale, Amleto Natali, Marco Costanzo, Silvana Wilhem, Riccardo Colelli, Rossella Ottaviano, Bruno Panieri, Patrizia Tordi, Laura Minelli, Francesca Piras, Edmondo Di Loreto, Ivano Cheli, Francesco Di Sebastiano, Anna Grandi, Mario Marinoni, Valérie Donati

Un rigraziamento particolare a Fujifilm Italia per una consistente donazione in macchine compatte.

Il logo “Click, piccoli fotografi grandi storie” è di Elisabetta Alicino

Contatti:

Mail:clickpiccolifotografi@gmail.com
Facebook: https://www.facebook.com/clickpiccolifotografi

Comments (11)

Per commentare devi fare
  • MM
    MARIO MARININO PHOTOGRAPHY sostenere questa magnifica iniziativa sarà x me come essere lì con voi. Giuseppe nel mio piccolo ho voluto contribuire, non è tanto però spero possa essere utile. ti abbraccio. Mario
    • FD
      FRANCESCO BUON LAVORO
      • FD
        FRANCESCO BONIFICO EFFETTUATO Nr. TRN 1605051110380157480320026926IT
        • FC
          Fabio Grazie ad Adrianella del Vescovo per la sua donazione e Grazie anche a Bruno, Francesca e tutti gli altri!!!
          • fp
            francesca un progetto bello, emozionante... grazie per quello che fate
            • BP
              Bruno in bocca al lupo!
              • RO
                Rossella non solo pane, un progetto bellissimo. In bocca al lupo !
                • avatar
                  Stefania In un "villaggio globale" basato sull'edulcorazione dell'immagine e sulla sua sofisticazione, mi sembra che questo progetto vada controcorrente, verso l'educazione alla consapevolezza e alla crescita personale e sociale. Vi lancio una frase volutamente "provocatoria": siete consci che state fornendo ad una nuova generazione delle "armi non convenzionali di denuncia di massa"? Buon lavoro. Namasté.
                  • FC
                    Fabio Grazie Stefania! Grazie Amleto!
                    • SV
                      Stefania Buon lavoro! Stefania

                      Community