oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Ciao, Luca - Post Produzione

Una campagna di
Luca Di Giovanni

Contatti

Una campagna di
Luca Di Giovanni

Ciao, Luca - Post Produzione

Ciao, Luca - Post Produzione

Campagna terminata
  • Raccolti € 5.955,00
  • Sostenitori 151
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Film & cortometraggi

Una campagna di 
Luca Di Giovanni

Contatti

Il Progetto

Mi sono perso il 13 Dicembre 2016, giorno in cui mio padre è entrato in coma in seguito ad un ictus improvviso. Dodici giorni dopo, il giorno di Natale, ho perso anche lui.

Dopo un funerale di cui non conservo ricordi, non ho più pianto. Però ho digitalizzato una per una circa 3000 fotografie di famiglia, poi ho dato vita al Ciao, Luca Italy Tour, un progetto fotografico itinerante durato sei mesi che mi ha portato ad attraversare in solitaria tutta Italia, poi ho impiegato altri otto mesi per portare in scena uno spettacolo teatrale che vedeva coinvolti 21 attori e 4 musicisti in cui parlavo del mio viaggio, e infine ho organizzato una campagna di crowdfunding alla quale hanno partecipato 170 persone per finanziare un film che raccontasse la somma di queste azioni performative fatte per non sentire il dolore.

"Ciao, Luca" doveva essere la dichiarazione d'amore per immagini che un figlio artista dedica a suo padre, un personalissimo e spettacolare commiato al mio vecchio. Invece è stato un disastro. Mentre stavo scrivendo la terza stesura della sceneggiatura in meno di due mesi, il 9 Luglio 2018 sono crollato. E sepolto dalle macerie ho dovuto iniziare a guardare a me stesso, al mio film (e anche a mio padre) in modo diverso. E nonostante - o forse proprio perché - avessi toccato il fondo ho voluto farlo lo stesso, questo maledetto film.

E così "Ciao, Luca" è diventato il racconto della mia incapacità di fare un film. Un film sul fallimento del film "Ciao, Luca". Il mio non film.

In otto giorni a cavallo tra Luglio e Agosto 2018 l'ho girato senza sceneggiatura e onestamente senza una chiara idea di come procedere. Tra Ottobre e Dicembre ho provato a organizzare in una sceneggiatura desunta le 45 caotiche ore di girato senza edizione che riempivano il mio hard-disk da 8 TB. Il 21 Dicembre, a quasi due anni dall'inizio di tutto, ho iniziato a montarlo. Ed entro Marzo 2019 conto di chiudere il montaggio.

E' per finirlo che chiedo di nuovo il vostro sostegno. Le vostre donazioni mi permetteranno di coprire le spese di post produzione necessarie per portare a compimento il mio lavoro. E per scrivere la parola fine - o inizio? - accanto ad un capitolo così importante della mia vita, che mi ha insegnato che il dolore non si può evitare, ma la sofferenza è opzionale.


I lost myself on the 13 th of December 2016, the day my father slipped into a coma following a sudden stroke. Twelve days later, on Christmas Day, I lost him too.

After a funeral of which I have no memory I haven't cried since. However I've digitized about 3000 family pictures one by one; then breathed life into Ciao, Luca Italy Tour, a touring photographic project which lasted six months, a solo trip that took me all over Italy; furthermore it took me another eight months to stage a play involving 21 actors and 4 musicians recounting my journey; finally I've set up a crowdfunding campaign with its 170 supporters to finance a film intended to talk about the sum of these performative steps carried out to ease the pain.

“Ciao, Luca” should have been a declaration of love through images, from an artist son to his father, a very personal and spectacular farewell for my old man. It's been a disaster instead. Whilst writing my third screenplay draft in less than two months, on the 9 th of July 2018 I fell to pieces. Buried in the rubble I had to start looking at myself, at my film (and at my father) from a different angle. And despite – or rather because of – hitting rock bottom I still wanted to make this godforsaken film.

So “Ciao, Luca” has become the tale of my ineptitude at making a movie. A film on the “Ciao, Luca” film's failure. My non-film.

Throughout eight days between July and August 2018 I shot it without a screenplay and honestly with no clear idea on how to move forward. Between October and December I tried arranging my chaotic and unedited 45 hour footage, which was filling my 8 TB hard-disk, into a distilled screenplay. On the 21 st of December, about two years since it all began, I started working on the final cut. And within March 2019 I plan on completing the editing.

It's to wind things up that I'm calling for your support again. Your contributions will allow me to cover the post-production costs required to deliver on my work. And to put an end – or a beginning? - to one of the most important chapters of my life, which taught me we can't outrun pain, but suffering is optional.


Commenti (37)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Cristiana  Non vedo l'ora di vedere il tuo non film, amico mio!
    • avatar
      Francesco  Daje Luca! <3
      • DC
        Daniele  Piccolo sostegno per il tuo Grande progetto :)
        • avatar
          Diletta  <3
          • avatar
            Luciano  Buon lavoro!
            • PC
              Patrizia Gaia  Un piccolo aiuto per un progetto meraviglioso! Non vedo l’ora di poterlo vedere finito!
              • MC
                Mattia  Ciao, Luca! Daje forte!
                • avatar
                  Andrea  Daje Luca, sono con te!!!
                  • avatar
                    Alessandra  Con indefessa stima. 😘 Ps. questa storia del film/non-film l'avevo già sentita... da un tizio, mi pare si chiamasse Federico Fellini, tipo... DAJE! ♥️
                    • avatar
                      Cinzia  Da parte di Cinzia Graziani

                      Gallery