or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Che tutto arda d´amore e di poesia

A campaign of
Simone Cumbo

Contacts

A campaign of
Simone Cumbo

Che tutto arda d´amore e di poesia

Support this project
100%
  • Raised € 26.00
  • Sponsors 2
  • Expiring in 133 days to go
  • Type Donation  
  • Category Art & culture

A campaign of 
Simone Cumbo

Contacts

The project

La poesia salverà il mondo.
Ma chi salverà i  poeti?
La poesia militante ha bisogno di sostenitori, chi condivide una cena, un pranzo, per una serata conviviale a parlare di poesia amore e rivoluzione, come ha bisogno di persone che sostengono le produzioni poetiche.
Questa campagna vuole condividere bellezza, per sostenere chi ha scelto di regalare versi e parole intrise di cielo.


Sostenendo il mio percorso sosterrete il mio prossimo progetto poetico, un´antologia di poesie erotiche, Poema del Cielo bagnato,che vorrei pubblicare nei prossimi mesi.


Simone Cumbo è Poeta. Autore delle antologie poetiche "E la civetta risplende nei raggi della luna", "D'amore e di rivolta", "Lasciateci ai nostri sogni" e "Alla Riscossa", quest'ultima opera selezionata e pubblicata dalla casa editrice Urso quale premio per il sesto posto al Concorso Nazionale LibriDiVersi. Nel 2016 secondo classificato con la poesia "Cuori", al Concorso Nazionale di Poesia "Domenico Ciampoli" di Atessa (CH). Nello stesso anno al Concorso internazionale di poesia Altino 2017 - “Altri mondi, altre storie”, la poesia "Io adoro" è stata selezionata con menzione di merito. Nel 2017 la sua poesia "Non per fama", ha vinto un premio speciale alla seconda rassegna nazionale "Apri il cuore alla Poesia". Nel 2018 Premio della critica al concorso nazionale “Perdersi nell’amore” e sempre nel 2018, quarto classificato al Concorso nazionale Convivium in Honorem di Bologna e premio Atlantide- sezione Primavera con la lirica "Risvegli" al Concorso nazionale "Persephone-fiori di poesia". Vincitore del premio nazionale "Le parole dell'amore" promosso dall'associazione CiaoLapo. Primo classificato con la lirica ̈La rosa ̈ al concorso "Sul far della sera" promosso dalle edizioni Atlantide. A Maggio 2018, terzo classificato al concorso nazionale indetto dal sindacato CISL su "la poesia del lavoro" . Nel settembre 2018 ha vinto il Premio Speciale nel concorso nazionale di poesia "G.Predomini" di Parma con la lirica "Lei". Ad Ottobre 2018, terzo classificato al concorso internazionale ̈Athena Ars" sezione Haiku. Nel febbraio 2019 secondo classificato al Concorso Letterario Roberto Scialabba di Roma con la lirica Profughi e Premio alla Carriera nel terzo concorso nazionale ̈Perdersi nell ́amore ̈ . Nel gennaio 2020 ha vinto il primo premio assoluto alla XI edizione del Premio Fragassi con la lirica ̈Parole ̈. Nel Febbraio 2020 ha vinto l´ottava edizione del Concorso Letterario Roberto Scialabba.


Considero l’amico e poeta Simone Cumbo un Don Chisciotte del nostro tempo, un poeta civile e la sua, una poesia militante, attenta
alla polis, a ciò che accade nella città, alla vita sociale, economica, culturale del Paese. Una poesia quella di Simone che non ha padroni
da accontentare o a cui piacere, svincolata da condizionamenti o sollecitazioni esterne, che nasce esclusivamente dalla libera volontà
dell’autore, libertà sempre rivendicata con forza da scrittori quali Fortini, Pasolini e molti altri.
Una poesia che scaturisce da una pulsione viscerale, dall’esigenza di testimoniare e mostrare, attraverso le parole, le offese, le ferite, i
segni del dolore che portano negli occhi e nel corpo i più deboli, i più esposti, i cosiddetti “diversi”, quelli che si possono facilmente colpire e
schiacciare. È questa spinta che carica la scrittura poetica di una verità umana universale, che oltrepassa l’esperienza individuale e si
allarga ad una dimensione collettiva, dotandola di una forza espansiva proprio perché sgorga dall’autenticità del vissuto del poeta
capace di “far vedere”, di “mostrare” squarci emblematici delle tragedie che accadono quotidianamente, ma sulle quali molti, troppi,
preferiscono evitare di volgere lo sguardo ed il pensiero, per pigrizia, per menefreghismo, per una sorta di anestesia dell’indignazione, una
progressiva, lenta ma inarrestabile perdita di umanità. Nella raccolta di versi “Che tutto arda d’amore e di poesia” c’è tutto questo
e molto di più.
Paolo D’Anna (Regista, poeta e autore teatrale)

Comments (0)

Per commentare devi fare

    Gallery

    Community

    Vuoi sostenere questo progetto?

    None