oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

BABAMBOMBO wow!

Una campagna di
Paola Meloni

Contatti

Una campagna di
Paola Meloni

BABAMBOMBO wow!

Campagna terminata
  • Raccolti € 5.160,00
  • Sostenitori 60
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Fotografia & mostre

Una campagna di 
Paola Meloni

Contatti

Il Progetto

BABAMBOMBO WOW!

Motivi e tema della mostra:

“Ho fatto delle foto. Ho fotografato invece di parlare. Ho fotografato per non dimenticare. Per non smettere di guardare.” –Daniel Pennac –

Babambombo wow!, è una mostra fotografica dedicata alla popolazione congolese - più precisamente agli abitanti della regione del Kasai - che da un anno a questa parte è entrata in una guerra civile devastante che sta creando un numero di morti, feriti e migranti inimmaginabile. Gli scatti sono stati realizzati a Tshimbulu, nella regione del Kasai centrale. Questa città, ad agosto dell’anno scorso, è stata il più importante focolaio di una guerra civile.

A Tshimbulu ho vissuto per un anno svolgendo il Servizio Civile Nazionale all’estero con l’ONG COE (Centro Orientamento Educativo) e sono tornata in Italia appena prima che cominciassero i disagi politici. E’ con la semplicità di questa serie di scatti che non “urlano” che voglio rendervi partecipi di una quotidianità che ormai non esiste più da oltre un anno.

Da quando sono rientrata in Italia, proprio un anno fa, ho cominciato a lavorare alla creazione di questa mostra fotografica per raccontare, tramite immagini, le vicende di un popolo che per un anno ho visto vivere in condizioni di tranquillità prima che precipitasse nella guerra civile violentissima, tuttora in corso. Mi sconvolge sempre pensare che tanti degli amici e conoscenti incontrati durante il mio soggiorno ora saranno morti o fuggiti chissà dove.

I motivi, quindi, che mi hanno spinto a realizzare questa mostra fotografica sono vari. Uno fra tanti è far conoscere la storia e la geopolitica di un Paese di cui poco si legge o si sa, osservandolo dal punto di vista dei più giovani, bambini e, soprattutto, adolescenti. Nella mostra ho messo l’accento anche sulla condizione delle donne nel momento del parto e sulla condizione del disagio mentale.

Contesto storico-politico:

Il conflitto congolese – che sta generando una delle emergenze umanitarie più rilevanti nel continente africano – ha le sue radici in un misto di motivazioni locali e regionali. Da una parte c’è la partita nazionale, con l’opposizione che protesta contro il presidente Kabila. Divenuto presidente in seguito all’assassinio di suo padre Laurent-Désiré il 16 gennaio 2001, Kabila ha compiuto i due mandati consecutivi consentiti dalla Costituzione. La sua presidenza è la più lunga della Repubblica, nata dopo 32 anni di dittatura di Mobutu, arrivato al potere nel 1965 con un colpo di stato e deposto nel 1997. L’ultimo conflitto, tuttora in atto, è iniziato nell’agosto del 2016, quando il capo tradizionale di Bashila Kasanga, Kamwina Nsapu, ha protestato contro le estorsioni e le violenze dei militari. Uomini dell’esercito, sostenuti da altri notabili del Kasai, hanno preso d’assalto la casa di Nsapu, violentato sua moglie e rubato alcuni oggetti rituali. Di fronte alle proteste di piazza, i militari hanno ucciso otto manifestanti e il 12 agosto assassinato lo stesso Nsapu. Non solo: il suo corpo nudo e mutilato è stato esposto in piazza.

L’opposizione chiede nuove elezioni e la formazione di un governo di unità nazionale per far fronte alla grave crisi economica, sociale e umanitaria che affligge il Paese. Il 31 dicembre del 2015 – grazie alla mediazione dei Vescovi congolesi - era stato raggiunto un accordo in tal senso, ma è rimasto sulla carta, senza nessuna applicazione.

Sebbene il conflitto che lo lacera dall’interno sia poco trattato dalla stampa internazionale, per capirne la gravità basti pensare che su 6,9 milioni di nuovi sfollati interni in seguito alle guerre, 922 mila sono nella Repubblica Democratica del Congo: circa 100 mila in più della Siria e ben 270 mila in più dell’Iraq, che occupano rispettivamente la seconda e la terza posizione. Numeri che si vanno a sommare a quelli già esistenti, che in alcuni casi da decenni aspettano la risoluzione dei conflitti. Il paese ospita anche quasi 500 mila profughi provenienti dal Burundi, Repubblica Centrafricana e Sud Sudan, mentre oltre 1,5 milioni di persone nel Paese sono ridotte alla fame.

Alla fine di febbraio del 2017, l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (Ohchr) di Ginevra, su segnalazione degli abitanti di Tshimbulu, ha documentato il ritrovamento di sette fosse comuni dove erano sepolti i corpi di 62 uomini e 39 donne, uccisi a colpi di mitragliatrice nel corso di un’operazione militare condotta tra il 9 e il 13 febbraio 2017 dalle Fardc.

Chi sono:

Mi chiamo Paola Meloni, sono una fotografa italiana impegnata da circa cinque anni nell’ambito del reportage sociale; nell’ultimo anno mi sono avvicinata all’uso della fotografia in terapia. Collaboro con ONG per le quali svolgo servizi fotografici (in Nicaragua, Burkina Faso e Giordania), con una compagnia teatrale impegnata con anziani e malati di Alzheimer e con fotografi di reportage che seguo in Italia.

La struttura della mostra:

La mostra si sviluppa su 12 manifesti di dimensione 2x3 metri cadauno, più un manifesto introduttivo di eguali dimensioni dove sono riportati i dati geopolitici.

Ciascun manifesto è composto da 8 immagini. Ogni manifesto offre una mini-narrazione sulla vita degli abitanti sia dal punto di vista materiale che psicologico, i quali si intrecciano e si dipanano intorno ad una parola-chiave.

I materiali usati saranno: pvc come supporto alla stampa delle immagini. Le attaccaglie saranno definite in base alle opportunità offerte dallo spazio espositivo.

La mostra inaugurerà sabato 14 ottobre 2017 alle 19,00 alla Galleria Silva di Via Olona, 25 a Milano e rimarrà allestita per sei giorni.

Info tecniche catalogo:

Formato: 29,7 x 42,00 cm (59,4 x 42,00 aperto)

Pagine: 52

Numero fotografie: 25

Carta: Fedrigoni 120/200 gr

Copertina: Autocopertinato stampa A 4/4 colori

Info tecniche stampe in vendita:

Formato: 42 x 29,7 cm

Carta: opaca

Numero copie in vendita per scatto: illimitato

Per saperne di più, visita la mia pagina fb: Paola Meloni Photographer o scrivimi alla casella mail p.meloni88@gmail.com

Ricompense

Fai una donazione libera
Campagna terminata
Seleziona questa ricompensa
€5.00

Grazie reattivo

Un ringraziamento digitale

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€10.00

Una cartolina

Una foto-cartolina (BABAMBOMBO WOW!) autografata dalla fotografa poi affrancata e inviata a casa tua, con i ringraziamenti ad aver partecipato al CrowdFunding

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€30.00

1 copia del catalogo

Una copia del catalogo autografato dalla fotografa e inviato a casa tua con i ringraziamenti per aver partecipato al CrowdFunding

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€40.00

Una copia del catalogo più una cartolina

Copia di un catalogo più una foto-cartolina (BABAMBOMBO wow!) autografati dalla fotografa e inviati a casa tua, con i ringraziamenti per aver partecipato al CroudFunding

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€90.00

Una stampa fotografica

Una stampa fotografica a scelta formato A3 autografata dalla fotografa e incorniciata

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€100.00

Una stampa fotografica + una cartolina

Una stampa fotografica a scelta formato A3 autografata dalla fotografa e incorniciata più una foto-cartolina (BABAMBOMBO WOW!) anch'essa autografata dalla fotografa

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€120.00

Una copia del catalogo + una stampa fotografica

Una copia del catalogo più una stampa fotografica a scelta formato A3 autografata dalla fotografa e incorniciata

Scegli
Seleziona questa ricompensa
€130.00

Una copia del catalogo + una stampa fotografica + una cartolina

Una stampa fotografica a scelta formato A3 autografata dalla fotografa e incorniciata più una foto-cartolina (BABAMBOMBO WOW!) anch'essa autografata dalla fotografa e una copia del catalogo

Scegli

Commenti (5)

Per commentare devi fare
  • MC
    Marco Maria  Ciao Paola, bellissima iniziativa scauturita da un'esperienza sicuramente forte e da un lavoro di studio ed approfondimento interessante. Purtroppo non potrò esserci, ma spero che ci sia occasione di parlarne in futuro. Un forte abbraccio
    • avatar
      iarno  Paola e gianfranco castellani
      • avatar
        Michael  In bocca a lupo :*
        • avatar
          Matteo  Brava Paola, ottima iniziativa, complimenti!!!
          • GD
            Giulio  Brava Brava Paola! Forzaaaa!!!

            Community