or

Register with your email address

Oppure, solo se sei una persona fisica (NO azienda/associazione), puoi scegliere anche di registrarti con i social:

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Antonio Lombardi, “Canzone della Contea di Levante”. Il nuovo Disco/Libro

A campaign of
Archivi della Resistenza Circolo Edoardo Bassignani

Contacts

A campaign of
Archivi della Resistenza Circolo Edoardo Bassignani

Antonio Lombardi, “Canzone della Contea di Levante”. Il nuovo Disco/Libro

Campaign ended
  • Raised € 1,615.00
  • Sponsors 34
  • Expiring in Terminato
  • Type Keep it all  
  • Category Music & concerts

A campaign of 
Archivi della Resistenza Circolo Edoardo Bassignani

Contacts

The project

Antonio Lombardi

“Canzone della Contea di Levante”. Il nuovo Disco/Libro prodotto Squilibri Editore e Archivi della Resistenza

Così è arrivato, prima il libro, poi la musica, poi i testi delle canzoni.

Non é vero, niente di tutto questo, tutto era già scritto, impaginato, composto.

Sarei rimasto volentieri nel luogo dove ero confinato, dove tutto si assopisce, sfuma, e pian piano se ne va.

La chitarra era già nel fodero e i pensieri arrugginiti arrancavano.

Lì in un certo senso stavo bene, invece questo “Spoon River” così personale e intimo, è salito su con un impeto irrefrenabile, come acqua fresca che buca la terra, che da fango pian piano diventa chiara, cristallina, o come diceva Franco Fortini, trasparente come l'alabastro.

Vedevo nitidamente le mie radici, umili, forti, scorbutiche, ma allo stesso tempo delicate, intime e fragili, che mi guardavano in silenzio, parlandomi mute.

Così tutto quello che c'era da dire mi è stato detto, e io l’ho scritto, suonato e anche cantato;

dovevo farlo, era impossibile fuggirle, scansarle.

Così son tornato a essere “il cantore soggettivo” e con l'aiuto di amiche e amici veri, sinceri, tutto ha preso corpo.

Avrei voluto intitolare questo lavoro “la musica uccide”, perché in quel preciso periodo, era quello che volevo lasciare.

I miei erano pensieri sgarbati, sgomitavano maleducatamente, ma c'è sempre in fondo all'uomo, anche in quello più distante, una pace profonda, una piccola resurrezione, e così è stato anche per me.

“L'importante poi è capire, che la vita sta nel palmo di una mano, abbracciare poco e niente,

affogare lentamente tra la gente,

non scordarsi di baciare, di risate sbellicarsi e mai fermare,

quando arriva puntualmente, di nascosto qualche pianto, ogni tanto …ogni tanto”

(La Contea di Levante, come definizione invece, arriva da una fervida immaginazione di Mario Soldati, uno dei primi lettori di Paolo Bertolani, che in un bel giorno di primavera la fece sbocciare in mezzo a chiacchiere e bicchieri di vino, proprio come possono spuntare le margherite, e che poi Paolo fece sua, e che ora …volentieri faccio mia).

A.





Vedo nitidamente le mie radici/ umili, forti, scorbutiche,/ ma allo stesso tempo/ delicate, intime, fragili./ Mi guardano in silenzio/ parlandomi mute.

Comments (8)

To comment you have to
  • CB
    Chiara cristo sul trattore. bellissima.
    • FN
      FRANCESCO Buon lavoro! Francesco Nucera
      • CS
        Chiara Non vedo l'ora di avere il disco e di leggere il libro
        • avatar
          Maria Giovanna Un abbraccio a mio cugino! Gio
          • avatar
            Alessio In bocca (e viva) il lupo!
            • AL
              Antonio Grazie Alessio!
              10 months, 1 week ago
          • avatar
            Damiano W gli Archivi! W la Resistenza! Grande Antonio Lombardi!
            • AL
              Antonio Grazie! Grande Totò!
              10 months, 1 week ago