oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Antica Natica

Una campagna di
Enrico Careri

Contatti

Una campagna di
Enrico Careri

Antica Natica

Campagna terminata
  • Raccolti € 654,00
  • Sostenitori 18
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Libri & editoria

Una campagna di 
Enrico Careri

Contatti

Il Progetto

Icaro scende da un libro di Hubert, Jeff Daniels da un film di Woody Allen, Manuelito da un quadro di Pere Borrell del Caso. Se si può scendere si può anche salire. In questo poliziesco senza crimini due tali finiti per caso nel terrazzo dell’autore salgono sul suo romanzo e diventano protagonisti di una storia illogica ambientata nel bar di seconda classe di un traghetto in rada a Civitavecchia. Lui è un appassionato di anagrammi, lei lo sopporta a stento e a un certo punto sparisce. L’inchiesta sul suo presunto omicidio — sarebbe stata gettata in pasto ai pesci — viene affidata al celebre ispettore Morcol, che già nel 1968 era riuscito a trovare Icaro e nel 2013 aveva preso parte alle difficili indagini sulla scomparsa di Manuelito.

La collaboratrice domestica dell’autore, coautrice del libro, sostiene entusiasta che Antica natica è il primo romanzo biologico della storia della letteratura mondiale, naturale al cento per cento, senza fabula, intreccio, pensieri profondi, senza nulla, solo parole sgorgate spontanee come margherite a primavera, niente d’artefatto che possa provocare disturbi al cervello, né storie tristissime che ci ricordino le miserie del mondo. Un romanzo bio che fa bene come il muesli.

Enrico Careri (Roma, 1960). È professore di musicologia all’Università “Federico II” di Napoli. Ha pubblicato libri e articoli sulla musica italiana del diciottesimo secolo, tra cui una monogra a su Francesco Geminiani (Oxford University Press 1993, Lim 1999), diversi saggi sull’uso espressivo del silenzio nelle composizioni di Haydn, Mozart, Beethoven e Schubert, e di recente una raccolta di Studi su esecuzione e interpretazione (Lim, 2014). È direttore del Centro Studi Canzone Napoletana presso la Fondazione Roberto Murolo di Napoli. Ha pubblicato: Adesso altre pecore (ad est dell’equatore, 2013); Manuelito se ne va (Zibaldoni e altre meraviglie, 2013) e Piccoli ciclopi ed altri sogni (ad est dell’equatore, 2015).

(La consegna a mano è prevista per la sola zona di Napoli; non è prevista la spedizione verso paesi esteri senza accordo preventivo sui costi).

Commenti (1)

Per commentare devi fare
  • MR
    Maria  Un umorismo raffinato e prezioso! Una perla irrinunciabile...

    Community